Fan invade il campo per protestare contro Wenger

Per Arsene Wenger la sconfitta nel match del primo giorno dell’anno contro il Southampton ha avuto anche una spiacevole parentesi: durante il coso del match un tifoso, che al termine in sala stampa le voci dicevano fosse un supporter dei Saints, è entrato a bordo campo per protestare contro il tecnico dei Gunners. Il pronto intervento degli stewards ha però evitato che l’episodio prendesse una bruta piega per il francese.

Il futuro del prato del San Paolo: sarà tutto ok per il big-match

“Al San Paolo sono già all’opera da questa mattina per rendere nuovamente praticabile il campo. Occorre però precisare che si cambia il lenzuolo , ma il materasso è uguale”. Giovanni Castelli, agronomo della Lega Calcio, è intervenuto a Radio Crc dopo il match Napoli-Sampdoria che ha riacceso il problema campo per i partenopei: “Il manto erboso dura massimo due tre mesi, il tempo utile per arrivare alla fine del campionato. Si sta ricambiando al San Paolo il manto erboso appoggiandolo sul terreno esistente. I giorni che ci separano dalla sfida con la Juve sono sufficienti, prima non si poteva agire per problemi di logistica clima e meteorologia  problemi che adesso non ci sono più. Il campo quindi dovrebbe essere perfetto per il primo marzo. Il campo verrà rizollato in tutti gli ottomila metri quadri, con questi mega rotoli si erba”.

Tuttavia Castelli è stato netto in riferimento al futuro del campo da gioco degli azzurri:” Il terreno che sta sotto all’erba del San Paolo occorre mettere mano in modo definitivo. Il San Paolo è uno dei campi che occorre rimettere in sesto”.