L’Ibrox Park dei Rangers cambierà nome

I Rangers di Glasgow hanno raggiunto un accordo per vendere il nome dello stadio Ibrox Park a Mike Ashley di Sports Direct. Ashley, proprietario del Newcastle United, è anche azionista dei Rangers International Football Club plc. Sports Direct ha, tra le altre cose, un accordo di partner per il merchandising del club.

Charles Green, il capo esecutivo dei Rangers, spera di arrivare alla realizzazione dell’accordo entro l’inizio della prossima stagione sportiva. I fans dei Rangers, come pensa Green, sono molto più sereni di prima dopo l’impegno commerciale assunto.

Green ha detto al canele tv scozzese STV: “Non abbiamo deciso che Sports Direct sarà il partner per il nome dello stadio. Abbiamo rappresentanti da Sports Direct per creare un forum di fans e decidere un paio di settimane fa. Abbiamo anche Derek Llambias del Newcastle United che potrà mostrarci la sua esperienza di come questa scelta abbia aiutato il suo club.

Rangers avevano annunciato una perdita di 7 milioni di sterline per i sette mesi fino 31 Dicembre 2012. Le spese operative avevano toccato il picco di 16.6 milioni contro i proventi di 9.5 milioni.

Nessuno si aspetta che il club sia indirizzato a grandi profitti nel primo anno,” ha detto Brian Stockbridge, direttore finanziario  ” Abbiamo bisogno di creare un valore delle azioni perché ora siamo una compagnia pubblica, ma stiamo tentando di farlo in modo sensibile. Gli investitori già presenti non hanno deciso di investire per generare profitti nei primi sei mesi, ma vogliono seguire questa strada”.

SPL: John McGlynn non è più il manager degli Hearts

Con un comunicato diramato nella tarda mattinata di oggi, gli Heart of Midlothian hanno annunciato di aver risolto consensualmente il contratto del manager John McGlynn, che è stato pertanto rimosso dal suo incarico.

Fatale a McGlynn, che in una stagione tribolata da problemi finanziari ha comunque portato gli Hearts a giocarsi la finale di Scottish Communities League Cup (in programma il 17 marzo ad Hampden contro il St.Mirren) l’ultima sconfitta (la terza consecutiva) patita a Paisley proprio contro il St.Mirren, che ha relegato i Jambos al penultimo posto in classifica.

Non è ancora stato annunciato il sostituto di McGlynn sulla panchina del club di Gorgie Rd.; al momento, Gary Locke, già nello staff degli Hearts, è stato designato il sostituto ad interim.

SPL: Motherwell batte il Celtic (2-1) e torna al secondo posto

Il Motherwell di manager McCall infligge al Celtic, che ha fatto riposare qualche elemento in vista del match di Scottish Cup di sabato con il St.Mirren ma soprattutto in chiave-Champions, la quinta sconfitta stagionale al termine di una bella partita. Gli Steelmen passano in vantaggio al 31′ grazie ad Humphrey che si avventa su un cross di Law e da distanza ravvicinata batte Forster. Nella ripresa, i Bhoys pareggiano con Samaras (61′) che anticipa di testa l’uscita di Randolph ma il Motherwell conquista i tre punti e il secondo posto in solitaria con la rete di Higdon (73′), bravo a farsi trovare sul secondo palo ancora dall’ispirato Law, con un cross preciso dalla sinistra d’attacco.

L’Inverness CT non va oltre il pareggio (0-0) al “Tulloch Caledonian Stadium” contro il Dundee United al termine di una gara avara di emozioni, mentre Hibernian e Kilmarnock danno vita ad un incontro divertente ed equilibrato. Chiuso il primo tempo senza reti, il Killie trova il vantaggio in avvio di ripresa con Clingan (46′) con un tiro preciso da fuori area ma nel finale succede di tutto: l’Hibernian trova il pari con McGivern (85′) ma il Kilmarnock torna in vantaggio meno di un minuto dopo con Winchester (86′) bravo a sfruttare un assist di Gross. Quando sembra tutto finito, è Leigh Griffiths (88′) a rimettere definitivamente il risultato in parità, abile nel ribattere in rete il pallone dopo che Doyle aveva calciato sul palo.

Nella parte bassa della classifica, il St.Mirren batte gli Hearts 2-0 a Paisley e li supera, lasciando i Jambos al penultimo posto. I Buddies, avanti dopo 4′ grazie ad un rigore generoso trasformato da McGowan, raddoppiano allo scadere del primo tempo grazie ad un sinistro di Carey da oltre la trequarti che si infila alle spalle di un non incolpevole MacDonald. Nella ripresa, gli Hearts spingono (viene anche negato loro un rigore per atterramento di Sutton) ma non trovano la via del gol. Il Dundee FC interrompe la serie negativa di sconfitte imponendo il pari al St.Johnstone (2-2) nella gara d’esordio del nuovo manager John Brown. Saints avanti con MacLean (36′), raggiunti da Baird, ancora avanti con MacKay (68′) con i padroni di casa in dieci dopo l’espulsione di Gallacher. Nel finale, l’orgoglio dei Dees viene premiato dalla rete di Stewart (89′) al termine di un vero e proprio assalto all’area avversaria.

Nel fine settimana si giocheranno i quarti di finale (6° turno) di Scottish Cup. La SPL torna in campo sabato 9 marzo (martedì e mercoledì ci saranno due anticipi), ma sabato sono in programma i recuperi Hearts-Motherwell e il derby delle Highlands, Ross County-Inverness CT valido per il terzo posto in classifica.

SPL – 29° giornata

Dundee FC-St.Johnstone 2-2

Hibernian-Kilmarnock 2-2

Inverness CT-Dundee United 0-0

Motherwell-Celtic 2-1

St.Mirren-Hearts 2-0

Aberdeen-Ross County 0-1 (giocata martedì)

Classifica: Celtic 62 punti (29 gare), Motherwell 43 (28 gare), Inverness CT 42 (28 gare), Ross County 41 (28 gare), St.Johnstone 41 (29 gare), Hibernian 39 (29 gare), Kilmarnock 38 (29 gare), Dundee Utd 38 (29 gare), Aberdeen 37 (29 gare), St.Mirren 32 (28 gare), Hearts 30 (28 gare), Dundee FC 15 (28 gare).