Carica Lichtsteiner: a Napoli per vincere

Sarà merito anche del goal segnato domenica contro il Siena, con cui la Juve ha aperto le marcature e spianato la strada verso la vittoria che poi gli è valso l’aumento del vantaggio in classifica contro gli azzurri di Mazzarri.

Ma ai microfoni di Rai Sport Stephan Lichtsteiner ha voluto mostrare il piglio dei capoclassifica: «Noi andremo lì per imporre il nostro gioco e sarà importante non commettere errori».  «Ma questa partita non potrà chiudere i giochi, dopo mancheranno ancora undici gare. Non sarà semplice, perché il Napoli è un’ottima squadra e giocare al San Paolo è difficile per tutti. Hanno ottimi giocatori che stanno facendo molto bene, come anche i tanti svizzeri che hanno in squadra. Il Napoli ha armi importanti, ci sono molti elementi che possono fare la differenza e hanno un gioco consolidato. Dovremo stare attenti e preparare al meglio la gara».

 

I convocati del Barcellona: David Villa salta la super sfida

Niente Champions League contro il Milan per David Villa. L’attaccante del Barcellona salterà l’andata degli ottavi di finale  contro i rossoneri in programma domani sera a San Siro in seguito alla colica renale che lo aveva già costretto al forfait contro il Granada in campionato. Torna invece a disposizione Xavi, che fa parte della lista dei venti convocati per la gara di Milano.

Questi i convocati: Valdés, Pinto, Dani Alves, Piqué, Fabregas, Puyol, Xavi, Iniesta, Alexis, Messi, Thiago, Mascherano, Bartra, Sergio, Pedro, Jordi Alba, Montoya, Song, Tello e Oier.

Amarcord Juventus-Napoli: la sfida più divertente è del 1993 (video)

La memoria, che splendida cosa. Quando poi ti offre fotogrammi di bel calcio e tante reti, ancora meglio. Siamo andati a ripescare la sfida più scoppiettante degli ultimi 20 anni, tra Juventus e Napoli.

Anzi, forse una tra le partite più divertenti nella storia di queste due squadre, una contro l’altra, ovvero quella giocato a Torino il 7 marzo 1993. Quelli sono gli anni del Milan invincibile di Fabio Capello, in cui però gli uomini del Trap sanno divertire, imponendosi spesso in Europa (in Uefa) e con il Roberto Baggio nel vestito buono, quello in spolvero prima del Mondiale di Usa ’94. In quel match succede di tutto: la Vecchia Signora va in vantaggio con Di Canio e raddoppia con Platt. Nella seconda frazione prima Zola e poi Ferrara riportano il punteggio in equilibrio, ma un minuto dopo il pari, Ravanelli sigla il 3-2. Il Napoli non si dà per vinto e pareggia nuovamente: Fonseca trasforma su rigore a dieci minuti dalla fine. L’ ultimo e definitivo sigillo è di Moeller.

Immaginate che domani, dalle 18 in poi, si ripeta uno spettacolo simile….