Tifoso brasiliano balla a ritmo di samba dopo un goal

Festeggiare la rete della propria squadra permette a tanti di scatenare gli istinti più nascosti istinti. Questo deve aver pensato il tifoso brasiliano del Red Bull Brasil che si è voluto esercitare in un ballo alquanto particolare al goal di Edmilson di testa nel match del Campionato Paulista contro il Santos. Tuttavia la sua squadra è uscita sconfitta per 2-1 al termine dei 90 minuti.

http://youtu.be/4M5JeBsmkr4

Pelè tranquillizza : Ho solo bisogno di riposo

Ben due ricoveri in pochi giorni avevano fatto temere il Brasile intero per la salute di O’Rey, in arte Pelè. Il secondo dovuto ad un’infezione alle vie urinarie aveva costretto i medici allo spostamento in terapia intensiva della stella dei verde-oro e del Santos. Ma è stato lo stesso Pelè, con un tweet a voler tranquillizzare i suoi fans: “Per fortuna non c’è nessun problema serio, non sono in terapia intensiva, ho solo bisogno di riposo. Sono grato del vostro sostegno, guardo avanti e passerò le vacanze con la mia famiglia”, ha scritto su Twitter.

Neymar: se pensano che mio padre sia stupido, si sbagliano

Al centro delle polemiche fra il Santos e Neymar vi è ancora la modalità con cui il campione brasiliano ha lasciato il suo club d’origine per sbarcare a Barcellona. In risposta alle accuse che Luis Álvaro de Oliveira, numero uno del Santos, che ha indicato nel padre del giocatore l’artefice ed esecutore del trasferimento, senza che lo comunicasse al figlio, Neymar è intervenuto in difesa del genitore: “Se pensava che mio padre fosse uno stupido, si sbaglia. Ringrazio mio padre per l’aiuto che mi dato per avermi fatto arrivare dove sono e se ha guadagnato parecchi milioni, qual’è il problema? Si è dato da fare, nulla è caduto dal cielo. Chiedo scusa santistas, ma il mio affetto per il club non cambia per due o più persone”.

NapolI: Rafael è tuo, parte De Sanctis?

E’ arrivata la conferma ufficiale da parte del club brasiliano del Santos: il napoli avrà in rosa un nuovo portiere, si tratta di Rafael Già durante la conferenza stampa il giocatore aveva annunciato la sua partenza: «Vado in una grande squadra che giocherà la Champions. Benitez è un allenatore molto bravo. Giocare in un campionato europeo e nella Champions è un sogno, farò il mio meglio per vincere anche questa grandissima competizione, lavorerò duro per provarci. Il Napoli è un club importante che mantiene le sue promesse e che lotta per il titolo».

Colpo Barca!! Neymar in Spagna assieme a Messi

La coppia dei desideri , si potrebbe dire, si è forse avverata questo pomeriggio. Il fenomeno brasiliano del Santos Neymar lascia il Sudamerica e si dirige in Spagna, al Barcellona, dove giocherà al fianco di Leo Messi. La notizia era già nell’aria, ma ora può dirsi ufficiale: Neymar è un giocatore del Barcellona. Domani il talento paulista firmerà il contratto che lo legherà al club blaugrana per le prossime cinque stagioni.

A rendere pubblica la notizia è stato lo stesso giocatore tramite i suoi profili twitter e instagram: “Non posso attendere oltre, i miei genitori conoscono già la mia decisione, lunedì firmerò per il Barcellona. Voglio ringraziare tutti i tifosi del Santos per questi nove anni meravigliosi. Il mio amore per questo club non muterà, resterà eterno”.

 

Un altro Pelè nel Santos: ecco il figlio Joshua 16 anni

Il Santos ha ingaggiato l’attaccante 16enne Joshua, figlio di Pelè, che giocherà nelle giovanili con la formazione under 17 e, una volta maggiorenne, firmerà un contratto da professionista. Se arriverà in prima squadra, sarà il secondo erede di “O Rei” a giocare nel Santos, dopo il portiere Edinho negli anni 90.

Anche Joshua è un attaccante e farà il suo esordio il prossimo 6 aprile nel campionato paulista di categoria.
Il padre, che lo accompagnato negli uffici al momento della firma con il club che lo reso celebre nel mondo, ha dichiarato: “Gli ho detto di rimanere calma. Capisco che si senta sotto pressione per il nome che porta ma gli ho consigliato di rimanere sereno, ricordando che tutte le persone commettono errori e che questo non è un problema”.

Pelè: Neymar in Europa? Solo al Barcellona

Pelé ha concesso un’intervista al quotidiano “O Estado de S. Paolo” e considera, come molti del settore ritengono, che il suo erede, Neymar, firmerà ben presto per il Barcellona.

Pelé non ha mancato di sottolineare che Neymar è un buon giocatore nel Santos, ma nella nazionale verdeoro è un’altra cosa: “Nella selecao è un giocatore normale. Non ha esperienza internazionale. E’ un eccellente giocatore, però senza conoscenze del calcio estero.Tutti dicono che deve risolvere i problemi della nazionale, però non è ancora preparato per farlo. Il calcio europeo è differente da quello latino”, spiega.

Pelé sta recuperando da un’operazione che subì nello scorso mese di ottobre ed era da tanto tempo che non rilasciava interviste. La sua critica su Neymar si accentua: “Nel Santos diciamo che è il migliore al mondo, però si preoccupa più di apparire sui media che di giocare per la squadra. Neymar ha molte responsabilità. E la sua preoccupazione è di cambiare il suo stile, il suo taglio di capelli”.

Per tutti questi motivi, Pelé crede che per Neymar sia necessario andare a giocare in Europa. Ed ha chiaro la squadra che lo debba accogliere: “Il problema non è la città, il problema è arrivare in condizioni di giocare. Il calcio è più duro in Inghilterra, Germania o Italia. Gli arbitri sono abituati a lasciar correre il gioco. Il Barcellona sarebbe l’ideale. Il Santos ha bisogno di lui e per questo motivo credo non debba andarsene, però se desidera partire, deve andare al Barca”.

Colpo Lazio: preso Felipe Anderson

Un colpo solo rinviato per Lotito: la trattativa doveva chiudersi entro la fine del mercato di gennaio, ma le operazioni sono state solo rinviate di qualche giorno.  E’ stato trovato l’accordo per il brasiliano Felipe Anderson che sbarcherà nella Capitale a luglio.

Lotito è riuscito a strappare l’ingaggio per la cifra di dieci milioni di euro, accordandosi prima con il Santos e poi col fondo inglese che deteneva il 30% dei diritti economici del giocatore che in precedenza aveva bloccato l’affare. L’intesa va solo formalizzata, mancano le firme, arriveranno in tempi brevi.

Il giocatore firmerà un contratto per cinque anni, e l’operazione non era andata in porto prima in conseguenza del fatto che le due parti comproprietarie del cartellino non avevano trovato l’accordo fra di loro per la divisione dell’incasso.

Casemiro, per me il Real è il miglior club

Giunto un pò a sorpresa a Madrid, per ora il centrocampista brasiliano Casemiro giocherà per il Real ma solo in seconda divisione, con la cantera del Castilla. Comunque la possibilità di poter un giorno indossare la camiseta blanca di fronte ai tifosi del Santiago Bernabeu lo esalta e nelle dichiarazioni  traspare la sua felicità.

Sono felice di essere arrivato in uno dei migliori club al mondo: è un sogno ed un onore, a prescindere dalla squadra nella quale giocherò. Darò il massimo per questa maglia e sono grato per la fiducia ricevuta, non vedo l’ora di cominciare quest’avventura”.

“Il mio obiettivo è quello di ambientarmi rapidamente, di dimostrare di poter far bene con il Castiglia e di ritagliarmi uno spazio nel Real Madrid. Non ci ho pensato due volte per venire qui. Kakà? No, non ho parlato con lui, ma con Marcelo, una grande persona. C’è poco da dire su questi due giocatori. Oggi conoscerò i miei nuovi compagni di squadra”, ha aggiunto il giovane talento.