Il ct De Biasi: mai visto nulla di simile in vita mia

 

Il match Serbia – Albania valido per le qualificazioni ad Euro 2016 è paragonabile forse solo ad una guerra civile. Il motivo scatenante della rissa prima in campo e poi delle aggressioni subite dai calciatori albanesi al loro ritorno negli spogliatoi è stato il drone che è volato sul campo di gioco una bandiera del Kosovo e la scritta “Kosovo autoctono”. Il tentativo del serbo Mitrovic di strappare lo striscione ha scaldato gli animi in campo e l’arbitro Atkinson dopo 40 minuti ha deciso di sospendere giustamente  il match.

Il tecnico della compagine albanese, l’italiano Gianni De Biasi, ha così commentato la decisione presa dal direttore di gara ai taccuini del quotidiano spagnolo AS: “Non ho mai visto nulla di simile. Da quel momento siamo stati rinchiusi dentro lo spogliatoio perché un centinaio di tifosi, ma anche alcuni delle forze dell’ordine, hanno picchiato quattro nostri giocatori. C’erano 4mila persone che hanno scavalcato le barriere. E’ una situazione molto strana, non ho mai visto nulla di simile”

 

LeParisien: Ibra ha aggredito Nenè in allenamento

LeParisien riporta una notizia che, se confermata, fa capire come l’ambiente in casa Paris Saint Germain non sia assolutamente dei migliori, con una tensione, figlia dell’assenza di vittorie e delle troppe “prime donne” presenti in rosa, che condiziona ambiente e giocatori. Infatti secondo il giornale francese, durante un allenamento a porte chiuse Nenè avrebbe contrastato con veemenza Ibrahimovic che non avrebbe accettato la foga dell’intervento del compagno e lo avrebbe letteralmente aggredito e per fermarlo sarebbe intervenuta praticamente tutta la squadra con le cose che poi sono tornate alla normalità dopo qualche minuto. Che Nenè stia seriamente pensando di abbandonare il Psg a poche ore dalla chiusura del mercato? Potrebbe bastare questo o magari qualche vittoria per rasserenare l’ambiente che circonda Ancelotti.

Maradona tra rissa e fisco: Napoli lo attende

 

Diego Armando Maradona ancora protagonista, più per motivi legati alla cronaca che per i risultati della squadra di calcio di cui è allenatore. Ma veniamo ai fatti.

Dopo il match perso 2-0 dal suo Al Wasl contro l’Al Shabab (squadre del massimo campionato degli Emirati Arabi), l’argentino si è precipitato sulla in tribuna per scortare la sua compagna, Veronica, fuori dallo stadio. Secondo quanto riportato dai media locali, sarebbe scoppiata una rissa subito sedata dalla polizia: nessuno sarebbe comunque rimasto ferito. Maradona, accorso a soccorrere la compagna, avrebbe avuto uno scambio “colorito” di opinioni con alcuni tifosi della squadra avversaria.

 

A Napoli intanto sono in molti che si preparano ad accogliere l’ex Pibe de Oro: come riportato da numerose fonti giornalistiche, Dieguito sarebbe pronto a tornare in Italia per sistemare la propria vertenza con il fisco italiano. “Voglio chiudere la questione e tornare a Napoli dalla porta grande. Voglio semplicemente entrare al San Paolo libero di tifare come tutti i napoletani” ha dichiarato alla stampa.

In molti, e non solo a Napoli, sognano di rivedere dal vivo quello che rimane, senza dubbio, il miglior giocatore che abbia mai indossato la maglia del Napoli. E non solo.