Roma – Fiorentina : vittoria per i giallorossi che risalgono in classifica

ROMA: Goicoechea, Piris, Marquinhos, Castan, Balzaretti; Bradley, Tachtsidis (65′ De Rossi), Florenzi (65′ Perrotta); Pjanic, Destro (74′ Osvaldo), Totti. A disp.: Lobont, Stekelenburg, Burdisso, Dodò, Romagnoli, Taddei, Marquinho, Lamela, Lopez. All.: Zeman.

FIORENTINA: Viviano, Roncaglia, G. Rodriguez, Savic; Cassani (46′ Mati Fernandez), Aquilani, Olivera (46′ El Hamdaoui), Borja Valero, Pasqual, Cuadrado, Toni (83′ Seferovic). A disp.: Neto, Lupatelli, Tomovic, Migliaccio, Della Rocca, Romulo, Llama, Jovetic, Bernadeschi. All.: Montella.

Arbitro: Banti di Livorno. Assistenti: Stefani e Faverani. IV uomo: Posado. Assistenti di porta: Orsato e Tommasi

Reti: 7′ Castan, 14′ Roncaglia, 19′ e 45′ Totti, 46′ El Hamdaoui, 88′ Osvaldo

Note: spettatori 41.689. Ammoniti Tachtsidis (R), Olivera, Cassani, G. Rodriguez, Cuadrado, Roncaglia (F). Recupero: 0 pt + 3′ st

Fiorentina: occhi puntati su Osvaldo (video)

Più di un’idea, quasi un’ossessione. Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, in vista del mercato di gennaio la Fiorentina vorrebbe mettere le mani sull’attaccante della Roma Pablo Daniel Osvaldo. Il giocatore è un pallino fisso di Pradè e piace molto anche al tecnico dei viola Vincenzo Montella. La chiave per arrivare al nazionale azzurro è soprattutto lo scarso feeling che ha con il suo attuale mister, ovvero il boemo Zeman. Trasferendosi a Firenze, andrebbe a colmare il vuoto nel reparto avanzato gigliato, in parte dovuto alla defezione estiva di Berbatov, in parte da una limitata – e legittima – vena realizzativa di Luca Toni. Nel caso in cui fosse complicato arrivare ad Osvaldo già nella sessione di mercato invernale, il club di Della Valle sta preparando il terreno per un altro nome, seguito da vicino: è Oscar Cardozo del Benfica.

http://youtu.be/65MdJy0gNRQ

Della Valle: difficile tenere i piedi per terra

Andrea Della Valle, numero uno viola, al termine dell’amichevole persa contro il Montreal Impact ha rilasciato sul sito ufficiale alcune dichiarazioni: ”Faccio i complimenti agli Impact, hanno una bella struttura di squadra. Sarà molto difficile domenica concentrarsi, dobbiamo pensare solo all’Atalanta, partita importante”.

“Sarà una partita difficile per tutti noi. Gli applausi oggi? E’ già dall’inizio che sento entusiasmo e tutto ciò è molto bello: i tifosi si meritano di essere orgogliosi. Vedere giocare i viola a Milano con quella padronanza mi fa faticare a restare coi piedi per terra: ora mi interessa far divertire la città e i tifosi”.

Rispetto sì, timore no: “La squadra non ha paura di nulla, ma non sottovaluteremo nessuno. Quest’anno si respira una sensazione speciale e diversa, dobbiamo continuare su questa strada. I giocatori non mollano mai, la squadra ha voglia di crescere”. ADV è sorpreso: “Sì, dalla miscela che si è creata. Jovetic? Ragazzo intelligente”.

Fiorentina: Wenger prepara 35 milioni per Jovetic

Viola o non più Viola, questo è il problema. Stevan Jovetic, attaccante 22enne della Fiorentina, probabilmente si è posto per mesi  la domanda; è facile immaginare che qualche tentennamento lo abbia avuto in estate, quando a farsi avanti è stata soprattutto la Juventus scudettata (ma non solo) e il progetto gigliato forse non era ancora completamente delineato.

Oggi che la banda di Montella viene lusingata dai quattro angoli del Belpaese per il suo gioco spumeggiante, magari Jo-Jo non ha più tanti dubbi: a Firenze si può restare e, casomai, si può anche vincere qualcosina.

Ma si sa, i calciatori sono professionisti volubili e di fronte a quello che riporta il Daily Mail, un giovane come lui potrebbe pure vacillare: il manager dell’Arsenal, Arsene Wenger, ha individuato infatti nel montenegrino l’erede di Van Persie, ed è pronto a staccare un assegno da 35 milioni di sterline direttamente a gennaio. Anche la dirigenza della Fiorentina potrebbe rifletterci seriamente, tuttavia è improbabile che Della Valle, dopo aver fatto muro alle offerte agostane, privi la squadra di un perno, per giunta a stagione in corso. L’evolversi della eventuale trattativa darà un quadro della reale consistenza del progetto del club toscano.

Fra gli obiettivi dei Gunners ci sono inoltre Adrian Lopez (24 anni) dell’Atletico Madride Abel Hernandez (21) del Palermo, su cui però ora pesa il gravissimo infortunio al ginocchio che lo ha colpito.

Viviano: “Se vinciamo contro la Juve, offro io”

 La Juventus è a quota 42: 38 gare senza sconfitte nello scorso campionato, già 4 in questo. Un ulteriore stimolo per qualsiasi avversario, oltre al fatto che battere la Vecchia Signora è sempre una di quelle cose da raccontare ai nipotini.

Ma quello di domani non è un avversario qualunque, lo sa bene soprattutto Emiliano Viviano, che degli sfidanti difende i pali da questa stagione; la rivalità tra Fiorentina e bianconeri, infatti, si perde nella notte dei tempi. A rendere ancora più elettrica la vigilia della partita è il buon avvio della squadra di Montella, pronta a dar battaglia e a non lasciare nulla di intentato.

L’estremo difensore si spinge addirittura oltre, facendo fregare le mani al suo intero spogliatoio: ai microfoni de La Nazione ha promesso di pagare una cena a tutti, in caso di bottino pieno dopo i novanta minuti. Si capisce quanto il numero uno viola sia galvanizzato, dal momento che per la prima volta affronta gli storici rivali indossando la maglia gigliata, lui che è fiorentino doc, di nascita e di fede calcistica.

Per il bene del suo portafogli, gli auguriamo una gara ricca di goals ed emozioni, ma senza vincitori…

Cerci non ha paura: “Al Torino per decidere le partite”

Se son rose fioriranno. I gigli non hanno funzionato.

Nella conferenza stampa che lo ha presentato al mondo granata, Alessio Cerci non dissimula la voglia di tornare protagonista in Serie A: “Al Torino posso dare molto, so di avere le qualità per decidere le partite. Fisicamente sto bene, la preparazione l’ho fatta regolarmente con Montella (a Firenze, ndr): ora vedremo in settimana come mi allenerò e come mi troverò con i compagni. Poi, ovviamente, sceglierà Ventura.”

Il 25enne di Velletri vuole prendersi una bella rivincita, dopo le ultime stagioni tutt’altro che esaltanti; e ha già le idee chiare sulla prossima giornata di campionato: “Occhio al Pescara, che arriva da una sconfitta e che vorrà rifarsi; ma noi dobbiamo vincere: è l’esordio all’Olimpico e ci teniamo tantissimo a far bene davanti ai tifosi”.

Fiorentina – Udinese aprirà la Serie A 2012-13

In giornata è stato stilato il calendario di anticipi/posticipi dei primi tue turni del prossimo campionato. Ad inaugurare la nuova serie A sarà la sfida al Franchi di Firenze fra Fiorentina e Udinese alle ore 18.00 il 25 agoso . A seguire, alle 20.45 i campioni d’Italia scenderanno in campo contro il Parma allo Juventus Stadium mentre  tutte le altre sfide si giocheranno domenica in notturna alle 20.45 con l’eccezione di Milan – Sampdoria sul terreno “artificiale” del Meazza alle 18.00.

La seconda giornata aprirà con il match fra neopromosse Torino-Pescara sabato 1 settembre alle ore 18, di sera il Milan farà visita al Bologna. Domenica 2 settembre alle ore 18 anticipa la Juve nella sua prima trasferta ad Udine, poi le altre giocheranno alle 20.45.

Fiorentina ed il progetto: i tifosi intanto contestano ( con ironia )

Questa mattina, nel ritiro della squadra gigliata a Moena, in Trentino, è andata in scena una protesta civile ed anche ironica , da parte di un gruppetto di tifosi della Viola.

Sono stati gridati slogan ed esposti striscioni avente come oggetto il patron Diego Della Valle e il presidente del club, Mario Cognigni. Tra gli slogan, il piu’ gettonato e’ ”Ma il progetto dov’e’?”.

In uno striscione affisso alla tribunetta del campo di allenamento, c’e’ la foto di Cognigni vestito da Pinocchio e la scritta ”Cognigni presidente si’… ma di Collodi”. Il Patron dei toscani è stato bersaglio de tifosi tramite una maglietta bianca con il volto di mister Tod’s con naso da clown e la scritta ”Aspettando il progetto”.

Un pizzico di speranza è stato mostrato invecce quando è apparso lo striscione ‘Menomale s’ha le palle Cuadrade’, l’acquisto che dovrebbe essere ufficializzato lunedì, ovvero l’esterno colombiano Quadrado.

 

La Juventus abbraccia il Bologna per arrivare a Jovetic

 

 

Adesso l’ultima parola spetterà a Stevan Jovetic. La Fiorentina ha fissato la cifra per il cartellino del Montenegrino: 30 milioni, somma spropositata secondo la dirigenza della Juventus. L’attaccante è “pensieroso”, anche Montella  ha detto nella serata di ieri che “ora è il ragazzo a dover dire cosa intende fare”. I bianconeri potrebbero tornare a proporre Fabio Quagliarella o Alessandro Matri, anche se Marotta preferirebbe prendere e girare Gaston Ramirez dal Bologna alla Fiorentina. Il talento uruguaiano piace molto ai viola e, in considerazione del fatto che sotto le due torri la Juve sta piazzando Marco Motta e Manolo Gabbiadini, il prezzo potrebbe scendere di molto e permettere l’affare.

Movimenti viola

Mentre l’ex allenatore Mihajlovic rende onore alla causa gigliata comunicando a Sky Sport che: “A Firenze ci sono stati dei problemi ma ringrazierò sempre i Della Valle che mi hanno dato l’opportunità di allenare in una grande piazza. Ci sono stati dei problemi con i tifosi ma mi piace il carattere della gente di Firenze”. Sempre secondo Sky Sport, Vincenzo Montella potrà contare tra pochi giorni sull’attaccante Mounir El Hamdaoui (27), sul centrocampista Francesco Della Rocca (24) e sul portiere Emiliano Viviano (26). Gli ultimi due arriveranno in viola attraverso la formula del prestito.