I 25 stadi più incredibili del mondo

stadio

Il tema stadi è sempre caldo in Italia: l’annosa questione, con la tanto richieste legge per la costruzione degli stadi, mai approvata dal Parlamento e praticamente dormiente da anni in qualche cassetto, non spinge i presidenti dei clubs di calcio ad impegnarsi nella costruzione di uno spazio dedicato alla propria squadra e che possa vivere sette giorni su sette grazie a musei o spazi commerciali sempre aperti. Vediamo allora in questa carrellata  le opere più svariate nel mondo che accolgono i tifosi in maniera.

Legge sugli stadi, Beretta realista dice che sarà molto difficile

Se anche l’attuale presidente della Lega di serie A Maurizio Beretta si mostra pessimista circa l’approvazione della nuova normativa sugli stadi entro la fine di questa legislatura, allora è certo che nulla cambierà almeno nel prossimo anno. Il numero uno infattti ha dichiarato: “Purtroppo è molto difficile che in questa legislatura sia approvata la legge sugli stadi di proprietà, servirebbe un guizzo per approvare il testo di una legge che così com’è va bene e permetterebbe di colmare il gap con gli altri Paesi. Se a ogni turno di campionato abbiamo oltre 9 milioni di telespettatori, il problema non è la qualità del contenuto ma la location. Le 150 mila persone che frequentano i nostri stadi trovano un’accoglienza ben diversa da quella a cui sono abituati in altri ambiti”.

Legge sugli stadi? Una speranza per Petrucci

Nel corso di un’intervista che il Presidente del CONI Gianni Petrucci, in scadenza di mandato, ha concesso all’emittente Sky Sport, è tornato con vigore sul tema stadi, la cui giace in Parlamento ferma ormai da parecchi anni: “So benissimo che oggi ci sono tanti problemi importanti ma spero che i politici ci aiutino e ci diano una mano perché i nostri impianti sono troppo indietro rispetto al resto d’Europa. Spero che prima della fine della legislatura il governo possa darci davvero una mano con al legge sugli stadi e aiutarci a farla passare, per il bene del calcio e dei tifosi appassionati di questo sport.”

Se la Lazio andasse al Flaminio, per Lotito non se ne parla nemmeno

Impegnato in un confronto con il sindaco della città capitolina Alemanno in Campidoglio, Lotito ha voluto esprimere alcuni concetti chiavi in merito all’idea di stadio che ha in mente per la Lazio.

Secco il suo rifiuto che il vecchio Flaminio, anche una volta ingrandito, possa essere la casa biancazzurra: “Con il Flaminio che ci fai? Se volete che la Lazio dopo 1-2 anni chiuda allora questa è la soluzione”.

Poi ha voluto spiegare come dovrà essere lo stadio : “chi lo ha mai presentato il progetto di questo stadio?” Poi, ha spiegato che “ora si tratta di un problema di volontà. Abbiamo uno strumento che è l’accordo di programma. Ma l’iter è molto lungo. Uno stadio lo potremmo avere in 5-6 anni perché lo deve approvare il Consiglio comunale. Ma io aspetto ancora le legge sugli stadi che in 180 giorni ti permette di avere la concessione. Io voglio uno stadio polifunzionale, aperto 24 ore su 24 dove i bisogni delle persone vengano soddisfatti quotidianamente”.