Rooney con Eto’o? Non è un problema economico

Giocatore chiave nello scenario dello United di Sir Alex Ferguson, gli ultimi rapporti non felici fra i due fanno scattare ipotesi di mercato a volte anche fantasiose, ma a dimostrazione di possibili destinazioni fino a qualche mese fa impensabili.

Ecco dunque che le frasi dette dal team manager dell’Anzhi Roberto Carlos a Sky Sport lasciano le porte aperte ad uno sbarco di Wayne Rooney: “Non so dirvi quando e come, ma non me la sento di dire di no a questa ipotesi”, e poi ha fatto capire che i forzieri russi hanno disponibilità forti: “E’ uno dei migliori giocatori del mondo e qualsiasi squadra sarebbe felice di averlo in rosa. Grazie alla sua disponibilità economica, il nostro patron Kerimov può comprare chi vuole”.

L’UEFA dice no ai matches casalinghi dell’Anzhi

E’ arrivato dal massimo organismo europeo calcistico un secco no alla possibilità per l’Anzhi di poter disputare gli incontri nel proprio stadio a Makhachkala le partite di Europa League.  I russi, avversari dell’Udinese nel girone, si sono visti negare decisamente la proposta.

Il segretario generale dell’Uefa Gianni Infantino, ha spiegato la decisone con il fatto che nella città del Daghestan “non ci sono ancora le condizioni di sicurezza necessaria per lo svolgimento delle partite”. Per ora Eto’o e compagni continueranno a giocare gli incontri casalinghi a Mosca come avviene per le gare di campionato. Il Daghestan è turbato infatti da iniziative dei fondamentalisti islamici.

Per l’UEFA non è sicuro giocare in casa dell’Anzhi di Eto’o

Il Comitato Esecutivo dell’UEFA ha proibito al club russo dell‘Anzhi di poter giocare gli incontri della prossima Europa League, i cui turni preliminari inizieranno entro il mese di luglio, nel proprio stadio. Il comunicato è apparso sul sito ufficiale del club, nelle cui file militano l’ex interista Eto’o e Roberto Carlos.

La motivazione è legata ai problemi di sicurezza nella provincia del Daghestan, che costringono gli uomini allenati dall’olandese Guus Hiddink ad allenarsi durante la settimana a Mosca. La dirigenza dell’Anzhi presenterà a breve al massimo organismo calcistico europeo una sede alternativa per il match del prossimo 19 luglio contro la vincente della sfida fra gli albanesi del KS Flamurtasi e gli ungheresi del  FC Budapest Honved.

 

 

 

Verso l’Europa League 2012-2013: le italiane già sbuffano

 

 Europa League, che fatica. Questo, in sintesi, ciò che pensano normalmente i club di casa nostra alla partenza della nuova stagione.

Il Napoli è già ammesso ai gironi in quanto vincitore della Tim Cup, quindi è l’unica squadra a sentirsi orgogliosa di una nuova partecipazione ad una coppa europea; sorte e umori diversi per Lazio e Inter: i capitolini dovranno disputare l’ultimo turno preliminare, quello di fine agosto che permette l’accesso diretto alla fase a gruppi, mentre l’Inter entrerà in scena ai primi dello stesso mese e dovrà disputare due turni preliminari.  Il primo  prevede 37 accoppiamenti, con gare previste il 5 e il 12 Luglio prossimi.

Dai sorteggi non possiamo ancora sapere quali saranno le avversarie delle squadre italiane, ma ci si può fare se non altro un’idea delle compagini più pericolose in gioco. Tra le più note troviamo l’Anzhi Makhachkala di Samuel Eto’o, che dunque potrebbe tornare sulla rotta dell’Inter in un abbinamento quanto mai surreale, il Rosenborg, insidia di vecchia data, e quel Viktoria Plzen affrontato dal Milan nella scorsa edizione della Champions.

L’ultimo atto della 42esima edizione di questa rinnovata competizione andrà in scena nella prestigiosa Amsterdam Arena, il 15 maggio 2013.