Champagne: se sarò eletto presidente, introdurrò il cartellino arancione

Il candidato alle prossime elezione per la presidenza FIFA Jerome Champagne ha suggerito che qualora fosse eletto, spingerebbe per l’introduzione nel regolamento del cartellino arancione che permetterebbe agli arbitri di espellere i giocatori a tempo, sulla falsariga di alcuni sport di squadra come l’hockey su ghiaccio o la pallanuoto. La motivazione di tale proposta sarebbe nell’evitare che la posizione dell’arbitro possa diventare eccessivamente dura per alcuni violazioni al regolamento.

Il francese 55enne si è lanciato nella corsa alla massima carica del calcio mondiale con l’idea di succedere allo svizzero Sepp Blatter. Tra le altre idee proposte vi sarebbero quelle di punire più duramente le proteste dei giocatori nei confronti dei direttori di gara, con il posizionamento del pallone 10 metri più avanti rispetto al punto di battuta e l’introduzione in maniera decisa della tecnologia per alcune decisioni importanti.
Champagne, che ha ricevuto il supporto di Pelè, ha annunciato la sua candidatura in una conferenza stampa tenutasi a Londra nella quale ha presentato il suo piano per il rinnovamento della FIFA. Alla domanda se teme che possa incontrare come avversario lo svizzero Blatter ha risposto: “Non so se Blatter si ripresenterà. Naturalmente, essendo una questione politica, ho voluto informarlo che sto programmando la mia candidatura”. Le votazioni si terranno nel giugno 2015 a Zurigo.