Nicklas Bendtner: tripletta in amichevole Danimarca – USA

Nicklas Bendtner era una delle barzellette della Juventus di Antonio Conte, arrivato in prestito dall’Arsenal per portare esperienza in Champions League nella stagione 2012-13, si rivelò un totale flop.

Nove presenze, nessuna rete e solo qualche guaio combinato al di fuori del terno di gioco, oltre ad un grave infortunio alla coscia che lo tenne lontano dai campi di gioco per diversi mesi. Dopo aver trafitto l’Inter con la maglia del Wolfsburg nel match di ritorno di Europa League con il gola vittoria a San Siro del 2-1 e prima di affrontare il Napoli nei quarti di finale, la tripletta nell’amichevole  odierna con la sua Danimarca contro gli USA.

Bendtner, ancora lui: arrestato e poi rilasciato

Ennesimo episodio curioso che ha visto l’ex attaccante juventino Nicklas Bendtner che è stato fermato e poi rilasciato dalla polizia londinese per essersi reso protagonista di un danneggiamento all’interno del condominio in cui vive e che ha voluto spiegare lo stesso danese tramite Instagram: “Sabato dopo la vittoria contro il Southampton sono uscito con la mia famiglia ed alcuni amici per mangiare. Tornato a casa, sono andato in piscina e passando per la palestra non sono riuscito ad aprire l’armadietto che conteneva gli asciugamani. Per questo l’ho forzato danneggiandolo. Chiedo scusa ai miei vicini di casa, ripagherò per il danno che ho causato. Tutto è stato chiarito anche con la polizia”.

Bendtner: via dall’Arsenal , merito Real o Barcellona

Sicuramente alla Juve Bendtner non ha sbalordito per le sue prestazioni, almeno quelle in campo e forse si è reso più protagonista oltre il rettangolo di gioco. Dopo il ritorno in Inghilterra all‘Arsenal, il club che lo aveva prestato ai bianconeri, non ha finora fatto pentire i dirigenti juventini di non aver provveduto ad una permanenza sotto la Mole.

Riserva di Giroud, il danese ha invece voluto in un’intervista svelare i suoi piani futuri: «La mia prossima destinazione sarà il Real Madrid o Barcellona, quando si riaprirà il mercato di gennaio». La troppa, secondo il suo pensiero, panchina, non è affatto meritata e chiede un’altra chance. «Non è una questione di soldi, io merito di giocare titolare in un grande club, non in uno di seconda fascia. Lo sport è la cosa più importante per me. Voglio tornare a divertirmi in una squadra dove posso segnare e vincere qualcosa. La mia prossima meta? Real Madrid o Barcellona», ha concluso Bendtner.

Bendtner paga caro la notte folle

Dopo essere stato arrestato per guida in stato d’ebbrezza a Copenhagen nella notte di sabato, l’attaccante danese è stato sospeso per sei mesi dalla federazione danese e non sarà quindi convocato in nazionale. «Rifletterà sulla sua condotta e sul suo futuro, la federazione rispetta il diritto dei giocatori a una vita privata ma è attenta anche a regole e comportamenti da tenere in pubblico quando si è un nazionale».

Clamoroso: Bendtner arrestato per aver guidato da ubriaco!

Fermo per infortunio da un paio di mesi circa, ma stavolta Nicklas Bendtner è stato addirittura fermato, ovvero arrestato nella notte a casa sua in Danimarca e precisamente a Copenaghen, dove la polizia lo ha trovato alla guida in stato di ubriachezza e contromano al volante della sua auto.

Il giocatore non ha negato le sue colpe e subito si è scusato  per il gesto sul social network Twitter.

 

Per Bendtner il rischio di aver concluso la stagione

Pesante sembra il responso della diagnosi effettuata dallo staff sanitario della Juventus nei giorni seguenti all’infortunio occorso al giocatore danese durante  il match di Coppa Italia contro il Cagliari. Operato in mattinata, dopo che il responso è aver riscontrato che è saltato il tendine dell’adduttore lungo della coscia sinistra

Negli ultimi giorni Nicklas Bendtner è stato sottoposto a consulti specialistici, per definire il corretto trattamento terapeutico della grave lesione all’adduttore lungo della coscia sinistra, patita durante la gara di Coppa Italia contro il Cagliari, che ha causato il distacco del tendine.
Sabato scorso è stato visitato dal professor Sakari Orava, illustre chirurgo finlandese, e questa mattina, a Londra, dal professor Ernest Schilders, consulente dell’Arsenal, società proprietaria del cartellino del danese. Entrambi hanno suggerito la necessità di un intervento chirurgico.
Il giocatore e la società inglese, in accordo con lo staff medico della Juventus, hanno deciso di effettuare immediatamente l’operazione. Nicklas Bendtner verrà quindi sottoposto nel pomeriggio di oggi a intervento chirurgico di reinserzione del tendine dell’adduttore lungo della coscia sinistra”.

Pubblicita’ illegale: UEFA apre inchiesta

Come già ieri filtrava dalle stanze dei dirigenti del massimo organo calcistico europeo, la Uefa ha annunciato l’apertura di un procedimento “contro l’attaccante danese Nicklas Bendtner per condotta impropria (Regola 4 del Regolamento del Gioco) nella gara di mercoledi’ 13 giugno a Lviv valida per il Gruppo B a Euro 2012 contro il Portogallo. Il dipartimento Uefa di Controllo e Disciplina prenderà una decisione in merito lunedì”.

Bendtner, autore delle due reti che la Nazionale scandinava ha segnato martedì pomeriggio nel match perso 3-2 contro il Portogallo, in occasione del secondo gol, sollevando la maglietta, ha mostrato il logo di un operatore irlandese on-line inserito nella cintura dei suo pantaloncini.
Pertanto l’UEFA, attenta al fenomeno della pubblicità illlegale, ha deciso di aprire un’inchiesta nei confronti del comportamento dell’attaccante del Sunderland, militante in Premier League