Voi perdete? E noi alziamo un muro…..

I modi per protestare scelti dai tifosi passano da quelli più ironici a quelle macabre, ma stavolta i tifosi, alquanto furiosi del Rapid Vienna hanno messo in pratica l’arte della costruzione per dare un senso al loro pensiero.

Infatti, per dimostrare il loro dissenso nei confronti del general manager dei biancoverdi Werner Kuhn i supporters viennesi hanno innalzato un muro di mattoni di fronte all’ingresso del club con la foto del gm austriaco e la scritta: ‘I’m not allowed in’ (non mi è permesso entrare).

Il club della capitale, 32 volte vincitore del titolo, non sta attraversando un buon momento: settimana scorsa ha addirittura subito l’onta della sconfitta contro il Pasching, squadra di terza divisione, in un match valido per la coppa nazionale.

 

Il Trap crede ancora a Brasile 2014

Nonostante il pareggio di ieri sera casalingo contro l’Austria per 2-2 e l’attuale secondo posto in classifica, in coabitazione con Svezia e gli stessi austriaci, Giovanni Trapattoni crede che sia ancora aperta la porta verso i Mondiali del prossimo anno in Sudamerica.

Intervistato dall’emittente RTE, il tecnico italiano ha dichiarato: «Abbiamo giocato una buona partita, credo che il pareggio ci stia un po’ stretto. Sicuramente non meritavamo di perdere e abbiamo anche avuto qualche occasione per vincere: Long ha colpito un palo e non siamo riusciti a sfruttare qualche palla pericolosa in area. Il discorso qualificazione è ancora aperto, possiamo ancora passare il turno e volare in Brasile».