Serie A: dall’anno prossimo regole certe per l’iscrizione al campionato

Basta casi Parma sparsi per l’Italia, o almeno per la . Questo è il diktat che il numero uno della Tavecchio ha imposto per ridare credibilità al sistema calcio italiano. Il Consiglio Federale ha infatti varato nella giornata odierna una serie di norme che portino i clubs verso  l’equilibrio economico-finanziario con l’obbligo del pareggio di bilancio dalla stagione 2018-19.

Per la precisione saranno tre i vincoli da tenere in conto: l’indice di liquidità, dato dal rapporto tra attività correnti e passività correnti; l’indicatore dell’indebitamento (debiti rispetto al valore della produzione); il costo del lavoro del personale a libro paga rispetto ai ricavi.

Sarà il prossimo Consiglio Federale a stabilire l’importo percentuale del parametro nel prossimo quadriennio. Inoltre, per evitare i passaggi di società fittizi, chi intende acquisire almeno il 10% di quote di società professionistiche (A, B e Lega Pro) dovrà soddisfare i requisiti di onorabilità e di solidità finanziaria (certificata da istituto di credito di prima classe), comprovando la provenienza delle risorse, norma questa attuata in collaborazione con il Ministero degli Interni, in modo da rispettare il regolamento antimafia contro il riciclaggio di denaro.