Roma spavalda a San Siro, tridente e voglia di terzo posto

Totti
Veterani e ventenni d’assalto. La sfida di domani tra e non vivrà solo di Ibra contro . Fabio , classe ’91, è la vera rivelazione di questo scorcio di campionato e vuole sfruttare la vetrina di San Siro per convincere Prandelli di meritarsi una maglia per gli Europei. “Ci credo, devo continuare a lavorare così ed essere costante nelle prestazioni”, ha dichiarato Borini che domani se la vedrà con l’altro astro nascente del calcio italiano, il “Faraone” Stephan El Sharaawy.

Tridente pesante per , Totti a caccia del 13° centro al Meazza
Con il ritorno in campo (e al goal) di Osvaldo, anche lui in lizza per una maglia agli Europei, Luis Enrique non sembra intenzionato a rinunciare al tridente dinnanzi ai campioni d’Italia.”Siamo in un buon momento e il terzo posto è vicino“, ha detto Luis Enrique nella conferenza stampa della vigilia rimarcando come a dieci giornate dal termine del campionato “inizia il bello e questi mesi ci diranno cosa faremo l’anno prossimo e questo è uno stimolo per i ragazzi”.
Rispetto all’undici uscito vincente dalla sfida contro il Genoa, l’allenatore iberico dovrebbe sostituire Lamela con Francesco Totti che si è ripreso dai recenti guai muscolari. Il capitano giallorosso ha sempre avuto un feeling speciale con San Siro dove ha segnato ben 12 goal nelle sfide con Milan e Inter. A centrocampo si affiderà al suo trio più collaudato (Gago, De Rossi e Pjanic) con Rosi (o Taddei) a presidiare la fascia destra e Angel sulla corsia opposta. Confermata la coppia difensiva Kjaer-Heinze.

Allegri con tanti pensieri e poche possibilità di turnover
Vigilia con tanti pensieri per il Milan reduce dalla battaglia di 120 minuti contro la Juve e con l’ombra del Barcellona che mercoledì verrà a far visita ai rossoneri per l’andata dei quarti di Champions League. Allegri ormai da diverse settimane deve fare i conti con le molte defezioni e inoltre proverà in qualche modo centellinare le energie per non arrivare al doppio confronto con Messi & co. con poca benzina nelle gambe e nella testa.
Il tecnico livornese non ha mancato di sottolineare le similitudini tra il gioco della Roma e quello del Barcellona, con i giallorossi che ultimamente hanno quadrato maggiormente anche la fase difensiva (porta inviolata negli ultimi 2 incontri). Torna Nocerino dal primo minuto al posto di un Aquilani apparso a Torino ancora in debito di condizione. Insieme a Nocerino spazio per Ambrosini e Muntari con Gattuso che incomincia a fremere in panchina per tornare a rendersi utile alla causa rossonera. Il rientro di Boateng probabilmente sarà rinviato a mercoledì. In difesa si cerca il recupero lampo di Thiago Silva al fianco dell’ex giallorosso Mexes. In alternativa Nesta che è tornato a lavorare con il gruppo. Infine in attacco Ibra dovrebbe essere affiancato da Maxi Lopez che appare in lieve vantaggio su El Sharaawy.