Juventus e Milan: che peccato se i Maya avessero ragione…

Mancano tre giorni. Soltanto settantadue ore, poi sapremo in che modo i avranno ragione. Sarà la fine di tutto? Se così fosse sarebbe un peccato, soprattutto per la Juventus: matematicamente campione d’inverno con due turni di anticipo, la squadra di non potrebbe verificare se anche questa volta mezzo scudetto in tasca in dicembre, voglia dire tricolore pieno a maggio. Sarebbe un peccato anche per il Milan di , proprio adesso che sembra aver trovato equilibrio e continuità di risultati. Per il bel gioco, si dovrebbe rimandare tutta alla prossima vita.

Non mancano però quelli che trarrebbero giovamento dal caos, visto che nel loro privato lo stanno sperimentando già da un pò. E’ forse il caso della banda Mazzarri, per cui l’apocalisse sembra iniziata con un certo anticipo; poter evitare i sei mesi di squalifica a Cannavaro e Grava, i 70 mila euro di multa e lo slittamento in classifica causa penalizzazione, farebbe tirare un bel sospiro di sollievo a . E che dire di e del caso Sneijder? Niente più accuse di mobbing e chiusura della carriera in nerazzurro per l’olandese (certo, non in pompa magna, ma vuoi mettere la soddisfazione?).

C’è anche chi si è portato avanti: Mezzaroma che silura , la Samp che dà il benservito a . Meglio presentarsi in ordine, in caso di Giudizio Universale.

Se invece si entrasse soltanto in una nuova Era? Beh, in questo caso il calcio italiano avrebbe l’opportunità di dare una vera svolta al proprio percorso esistenziale, proprio come auspicano i calcoli dei Maya. Stadi nuovi, polemiche con l’audio al minimo, onestà professionale e correttezza morale sono obiettivi raggiungibili, a patto di una presa di coscienza collettiva di un certo livello.

Il nostro pallone è abituato ai meteoriti. Diamogli la possibiltà di sperimentare la pace della virtù.