Arsenal: dall’Inferno al Paradiso in 120 minuti

Si saranno divertiti sicuramente gli spettatori neutrali seduti davanti alla TV ieri sera mentre le coronarie dei tifosi dei Gunners saranno impazzite quando nelle due ore di gioco disputate sul campo del per la i padroni di casa, dopo i primi 37 minuti, si erano addirittura portati sul 4-0, grazie alle reti di Roberts, Leigertwood, Hunt e all’autorete di Koscielny, ma i Gunners hanno ribaltato tutto nella ripresa con la doppietta di e le reti del subentrato Giroud e dello stesso Koscielny. Nei supplementari, completa la tripletta e Chamakh va a segno due volte, annullando il momentaneo 5-5 di Pogrebnyak.

Al termine dell’incontro il tecnico dell’ Arsene non può per gioire per una di quelle imprese che rimarrà nella storia del calcio inglese: “Nelle nostre partite succede sempre qualcosa, non c’è niente da fare, per cui non ci si annoia mai. Loro hanno avuto un inizio incredibile, potevano vincere anche 6 a 0 dopo il primo tempo, per quanto mi riguarda – ha raccontato l’allenatore francese ieri – . Mi dispiaceva solo per i tifosi, sul 3 a 0 per gli avversari sono rimasti però comunque in piedi a tifarci. Quando giochi nell’Arsenal, non devi mollare mai, penso che i giocatori l’abbiano capito”.