Cannavaro e Grava chiedono i danni alla FIGC

Dopo l’assoluzione, il passa al contrattacco  i due giocatori partenopei, sanzionati in primo grado, ovvero e , hanno annunciato attraverso il loro legale Luciano Ruggiero Malagnini che si rivolgeranno domani al Tar del Lazio per presentare il conto alla Figc e al Coni, chiedendo una ‘ per equivalente’, ovvero un risarcimento parametrato al danno subito. Quest’ultimo è stato dunque stimato in un mese di stipendio, pari a una cifra attorno ai 250 mila euro.

“Riteniamo che ci siano tutti gli estremi per ottenere un risarcimento del danno a seguito del proscioglimento da questa ingiusta sanzione – ha spiegato l’avvocato Malagnini – Aspetteremo di vedere come si porrà la Federazione. Dopodiché vedremo i passi da fare”.