Sondaggio UEFA: Fernando Torres miglior acquisto di gennaio

L’UEFA, chiuse le campagne d’acquisto del periodo invernale, ha voluto effettuare un sondaggio tramite i canali social chiedendo di indicare quale sia il giocatore considerato il colpo di gennaio. Ed a sorpresa il pubblico della Rete ha indicato nello spagnolo Fernando Torres, attaccante che ha lasciato il Milan per tornare alla casa madre dell’Atletico Madrid dopo sette anni e mezzo, la miglior operazione di mercato.

Nella Top 5 seguono nell’ordine Wilfried Bony, Seydou Doumbia, Xherdan Shaquiri e André Schürrle. Rimangono esclusi da questa speciale classifica Cuadrado, passato dalla Fiorentina al Chelsea ed il giovanissimo  Martin Odegaard, acquisto in prospettiva effettuato dal Real Madrid, il 16enne norvegese strappato alla concorrenza dei Top clubs europei.

Giovinco saluta la Juve: già da ora al Toronto

Il trasferimento di Sebastian Giovinco al Toronto, sbarcando nel mondo dorato della MLS  avverrà subito, anticipando così di sei mesi la scadenza del contratto. Per l’ex bianconero, che vola in Canada forte di un accordo di 8,6 milioni a stagione per 5 anni, la Juventus ha voluto ringraziarlo sul sito ufficiale con un comunicato:

«Dai campi delle Giovanili bianconere fino al palco dello Juventus Stadium dove ha sollevato due volte il titolo di Campione d’Italia: la storia di Sebastian Giovinco in bianconero ha il sapore della favola. Piedi raffinati e tecnica notevole, la Formica Atomica ha sempre saputo mettere, nel corso di quasi due decadi, il suo talento a disposizione dei successi del gruppo. Fin dal primo momento in cui, ancor prima di compiere dieci anni, vestiva per la prima volta i colori bianconeri. Le sei stagioni nella Prima Squadra nascono da anni di sudore e sacrifici, vissuti fin dalla tenera età, quando iniziava la sua avventura nelle Giovanili della Juve, dove sarebbe cresciuto con i futuri compagni di Serie A Marchisio e De Ceglie. In Primavera vince tutto ed è sempre tra i migliori in campo, tanto da meritarsi la chiamata in Prima Squadra. Il debutto in Serie B, nel 2007, contro il Bologna, è subito impreziosito da un assist per il definitivo 3-1 firmato Trezeguet. Ad Empoli inizia a far parlare di sé anche nel massimo campionato sotto la guida di Gigi Cagni: concluderà la sua prima stagione alla ribalta del calcio italiano con un bottino di sei reti. Inevitabile un primo ritorno in bianconero. Nel debutto da titolare in Champions contro il Bate Borisov si ripete: un altro esordio bagnato da due assist (questa volta a Iaquinta). I due anni trascorsi a Parma ne confermano il talento, tanto da meritarsi la chiamata in Nazionale per l’avventura di Euro 2012. Quindi la Signora sulla sua strada, di nuovo. Il primo dei suoi 20 gol in 132 presenze in bianconero è un pezzo forte del suo repertorio, ovvero il calcio di punizione con cui strega Benussi allo Stadio Via del Mare di Lecce. Il cerchio si chiude idealmente al 5’ dell’ultimo Juventus-Verona di Tim Cup, quando Seba realizza un altro calcio di punizione. Ma quella sera il suo è stato un doppio commiato al popolo bianconero, che lo ha applaudito allo Stadium e lo ha sommerso d’affetto di recente in occasione del suo compleanno. Davanti al pubblico di casa segna infatti di nuovo. E’ doppietta e al momento di lasciare il terreno di gioco restituisce gli applausi alla sua tifoseria. Ora per lui si aprono le porte delle arene MLS: affronterà una nuova avventura umana e professionale con la maglia del Toronto FC. Da tutti noi un sincero in bocca al lupo per la tua nuova sfida. Grazie di tutto, Seba».

Ufficiale: Paletta nuovo acquisto del Milan

Gabriel Paletta  è il sesto acquisto della campagna trasferimenti di gennaio del Milan: dopo le visite mediche mattutine il giocatore ha siglato l’accordo che lo legherà al club rossonero fino al 30 giugno 2018. Il nazionale azzurro lascia il Parma dopo 5 stagione, con 123 presenze e 5 reti.

Niang si presenta: al Genoa per segnare tanto

Passato in prestito dal Milan al Genoa in questa sessione di mercato, il francese Niang è stato presentato alla stampa in giornata e subito si è dichiarato pronto, soprattutto in vista del match importante al San Paolo di lunedì sera : “Ho parlato con diversi giocatori che hanno giocato al Genoa, tutti mi hanno consigliato di venire qui. Sono giovane e ho voglia di giocare ma mi adatterò alle esigenze del mister. La mia forza è la velocità. Voglio aiutare la squadra e dare tutto quello che posso. Questo gruppo ha uno spirito che può portare lontano. Voglio fare gol ed essere decisivo. Napoli? E’ una big ma lunedì sera partiremo dallo 0-0 e quindi tutto è possibile”.

Clamoroso: Cassano mette in mora il Parma

Antonio Cassano ha messo in ora il Parma per il mancato pagamento degli stipendi arretrati: la notizia è trapelata pochi minuti fa e con questa azione legale praticamente il giocatore barese si mette sul mercato. Una brutta grana per il club ducale che proprio un paio di giorni fa aveva ufficializzato il nuovo presidente, l’albanese Kodra. Cassano era giunto in emilia due estati orsono.

Guarin, la verità: Oggi dormo tranquillo

Freddy Guarin, a  distanza di un anno dalla sua possibile partenza, destinazione Juventus in cambio di Mirko Vucinic, in un’intervista concessa a Tuttosport ha voluto rendere note le sensazioni di quella sera e le motivazioni del suo successivo rifiuto di lasciare Appiano Gentile : «L’idea che tutta quella gente era lì sotto la sede dell’Inter perché non mi voleva vedere con un’altra maglia. La protesta dei tifosi è stato uno dei motivi che mi ha convinto a restare e oggi la mia testa è solo per l’Inter». Come si vive in mezzo a quella centrifuga di emozioni? «Mi sono trovato davanti a un bivio ed è stato un momento difficile per la mia carriera e anche per la mia famiglia. Non è normale vivere emozioni così forti anche per un calciatore: alla fine però tutto si è risolto nel modo in cui volevo, ovvero restare all’Inter e sentirmi importante. Da allora è passato del tempo e oggi posso dirlo in tutta serenità: ho fatto una scelta importante e di notte dormo tranquillo per quella decisione».

Gambaro, ex Milan: vedrei bene Osvaldo al Pavia

Ezio Gambaro, ex calciatore di Milan, Parma, Napoli e Sampdoria, ed ora commentatore televisivo dagli schermi di Telenova, ha lanciato una provocazione nel programma odierno circa il futuro calcistico di Daniel Osvaldo, al momento ancora legato all’Inter: “Consiglierei ad Osvaldo un trasferimento al Pavia. Con l’Inter è rottura totale e andrà via dai nerazzurri. L’italo-argentino avrebbe bisogno di un ambiente tranquillo come quello pavese per tranquillizzarsi. Inoltre la squadra di Maspero gioca molto bene e fa tanti gol. L’ideale per un attaccante…”.

Lampard resta al City: i tifosi di New York si arrabbiano

E’ arrivata la conferma ufficiale che Frank Lampard sarà un giocatore del Manchester City fino al prossimo giugno, rinviando dunque di sei mesi il suo viaggio Oltreoceano per unirsi ai New York City FC. Ma i tifosi a stelle e strisce non l’hanno presa molto bene. Con un comunicato hanno espresso il loro malcontento per l’ex stella del Chelsea e della nazionale inglese: “Molti tifosi hanno sottoscritto l’abbonamento per la stagione basandosi sul fatto che Frank Lampard avrebbe giocato nel New York City Football Club, non nel Manchester City. Molti tifosi si sentono oltraggiati da questa decisione e intraprenderanno ogni tipo di azione per dare voce a questo malcontento. Rigettiamo la voce secondo cui il nostro club sarebbe un satellite del Manchester City e siamo dispiaciuti che quanto accaduto lasci pensare questo”.

L’agente di Verratti: chi può pagare 25 milioni per portarlo in Italia?

Donato di Campli ha tra i suoi assisti un elemento che allo stato attuale, sarà il centrocampista di riferimento dell’Italia per il prossimo decennio ma purtroppo il talentino ex Pescara ha dovuto lasciare il nostro paese per trovare una squadra che gli garantisse una maglia da titolare. Ed il PSG ha voluto ovviamente assicurarsi che Verratti potesse essere elemento su cui costruire un progetto per trionfare anche in Europa.

Per cui la frase ad effetto del suo procuratore  «Quale società ha 25 milioni di euro per comprarlo?» è anche ironica. E nell’intervista a Rai Sport conferma che le possibilità per un trasferimento ci sono sempre, basta passare in banca prima.

«Ci sono tante squadre che lo stanno seguendo. Parliamo di top club mondiali. Comunque già mi sono incontrato con Leonardo, ci rivedremo a fine campionato per l’adeguamento del contratto e penso che non ci saranno problemi. Sta benissimo ed è felice di essere in una grandissima società. A Parigi c’è un entusiasmo pazzesco, il progetto è importantissimo. Il Napoli? Sono stati due i motivi per cui ho consigliato a Marco di non andare al Napoli. Nessuno credeva in lui come giocatore titolare e avrebbe dovuto cedere i diritti di immagine alla società partenopea».

Trasferimento per cause di forza …femminile

Inseguito dai difensori avversari sul campo di gioco e fuori, dalle troppe fans. Così ha rivelato Marouane Fellaini, 25enne centrocampista belga, che seppure militi nell’Everton, squadra di Liverpool, si è visto costretto a trasferire la sua residenza a Manchester.  “Le donne mi stavano assediando, era troppo, e così ora vivo a Manchester” ha rivelato il giocatore -. Lì la gente quasi non mi conosce e tende a trattarmi in modo un pò più rispettoso. Io non voglio essere una star, voglio solo giocare a calcio”.

I tifosi dei Toffies possono stare tranquilli,  nessuna intenzione di lasciare l’Everton. “Ho un contratto fino al 2016 e, se il club vuole, intendo rispettarlo“, ha assicurato Fellaini.