Dopo i deferimenti qualcuno sognava la B ,ma il Trapani chiarisce

Giovedì mattina i deferimenti relativi a Grosseto e Lecce avevavno acceso sogni di ripescaggio o di riammissione in diverse squadre iscritte alla Lega Pro. A questo proposito il Trapani si era preparato per farsi trovare pronto, ma nella giornata di eiri l’entusiasmo si è dovuto raffreddare e qui di seguito il comunicato ufficiale che spegne ogni residua speranza.

Al fine di chiarire la problematica relativa  alla presentazione della domanda di ripescaggio in Serie B , si precisa quanto segue:
La scrivente ha preparato oltre che la domanda di ripescaggio nella serie B, le fidejussioni, la somma necessaria e la documentazione richiesta.
Ma oggi, dopo aver anche acquistato i biglietti per l’ aereo in partenza lunedì prossimo per Roma e Milano al fine di consegnare in tempo debito quanto sopra riportato, veniva informata dalla FIGC e dalla Lega competente, che, essendo state rilasciate le Licenze Nazionali a tutte le squadre aventi diritto alla partecipazione al Campionato di Serie B, determinandone, quindi, l’ammissione allo stesso, NON POTEVA PROPORSI ALCUNA DOMANDA DI RISPESCAGGIO essendo completo l’organico della detta serie.
Questa Società, comunque, resta vigile sugli sviluppi delle attività degli organi di Giustizia sportiva relativi al c.d. “calcio scommesse” ed è pronta ad attivarsi qualora il Consiglio Federale emani nuova procedura di ripescaggio susseguente agli esiti dei processi sportivi.

Novita’ e ritorni in Serie B


Pro Vercelli e Lanciano si sono aggiudicati nei ritorni delle finali di Prima Divisione l’accesso alla Serie B. Entrambe hanno vinto in trasferta e con identico punteggio 3-1 le sfide che le vedevano opposte rispettivamente a Carpi e Trapani, rimontando lo svantaggio iniziale subito dopo chi minuti.

Analogie sul campo che non lo sono invece per quanto riguarda il palmares. La pro vanta ben sette scudetti vinti fra il 1908 ed il 1922, agli albori del calcio, avendo l’onore di veder militare fra le sua file il mitico Silvio Piola, a cui è intitolato lo stadio di casa. Dopo il ripescaggio dell’anno passato in Prima Divisione, il ritorno in B a distanza di ben 64 anni riporta il grande calcio nella città piemontese, riproponendo il derby con gli storici rivali del Novara.

Per Lanciano si tratta invece di una prima assoluta: la società guidata dalla Presidentessa Valentina Maio raggiunge uno storico traguardo in una regione che ha già assaporato una promozione in questa stagione grazie al Pescara di Zeman.

Da notare che il match si era messa davvero male per gli uomini di Gautieri: sotto di un gol dopo neanche un minuto, perdevano Amenta per un’espulsione dovuta ad un calcio ad un avversario a palla lontana. Ma il Trapani, dopo 3 promozioni in 4 anni, pagava dazio all’inesperienza e si faceva rimontare dagli abruzzesi; per gli oltre mille tifosi giunti in Sicilia, era il momento della festa sognata.