Tottenham – Fiorentina: ballo particolare

Tottenham – Fiorentina 1-1 TOTTENHAM: Lloris; Davies, Walker, Vertonghen, Fazio, Paulinho (84′ Mason), Bentaleb, Chadli (67′ Kane), Eriksen, Townsend (73′ Lamela), Soldado. All: Pochettino FIORENTINA: Tatarusanu; Savic, Rodriguez, Basanta, Fernandez, Borja Valero (78′ Badelj), Pasqual (65′ Alonso), Joaquin, Pizarro, Salah, … Continua a leggere

Sakho, placcaggio stile rugby per fermare la corsa di Dembele

Per fermare un avversario lanciato in piena corsa si può usare la spalla o la trattenuta, ma a volte può non bastare. E’ quello che ha pensato Mamadou Sakho, quando ieri sera nel match di Premier League fra Liverpool e Tottenham, vistosi superato da Dembele, non ci ha pensato due volte nel gettarsi a terra per afferrargli le caviglie, con un vero placcaggio da rugbista, magari influenzato dal  Torneo delle Sei Nazioni appena iniziato nel week end scorso.

Liverpool, maglia speciale per il match contro il Tottenham

Per la quarta volta in stagione il Liverpool indosserà una maglietta speciale per scendere in campo in un match di Premier League. Nell’incontro casalingo contro il Tottenham, Gerrard e compagni avranno sulla tradizionale casacca rossa il logo di Seeing is Believing, un fondazione benefica che è impegnata nella lotta alla cecità.

Inoltre lo stesso capitano dei Reds, assieme ai compagni Lallana, Mignolet Sakho hanno disputato nei giorni scorsi una partita di calcio per non-vedenti con il Merseyside Blind FC, team composto appunto da giocatori con tale disabilità.

Cinque magliette indossate durante la partita verranno messe all’asta su Ebay allo scopo di raccogliere fondi da destinare alla fondazione benefica.

 

Black – out? No problem!

Besiktas – Tottentham è stata sospesa per ben due volta a causa di un problema all’impianto elettrico. Ma i tifosi turchi non si sono fatti prendere dal panico e come quando un tempo, ai concerti rock, si usavano gli accendini per fare la coreografia, hanno utilizzato i loro cellulari per creare un’atmosfera quasi magica.

Tottenham – Partizan: invasioni (di marketing?) durante il match

Elementare Watson, direbbe Sherlock Holmes, visto che siamo a Londra ed il match in questione è la sfida Tottenham – Partizan Belgrado che è andata in scena sul prato di White Hart Lane. Tuttavia il caso è stato risolto molto più semplicemente con la sospensione da parte dell’arbitro Yevhen Aranovskiy dell’incontro per 5 minuti al 40° del primo tempo: si trattava della terza invasione di campo da parte di tifosi “presunti” che hanno cercato qualche minuto di popolarità scattando un selfie con accanto l’argentino Lamela, lo spagnolo Soldado ed il belga Dembelè.

Secondo le prime impressioni degli stewards presenti però, pare si sia trattato di un’operazione di marketing poichè i tifosi protagonisti indossavano una maglietta recante il nome di uno degli sponsors del club londinese. Per la cronaca gli Spurs hanno poi vinto il match per 1-0, guadagnandosi il passaggio matematico al prossimo turno.

Gazza Gascoigne: week end con i baby calciatori

Paul Gascoigne ha avuto numerosi problemi con l’alcol nel corso della sua carriera ed al termine di essa le cose sono solo peggiorate. Ma il mitico “Gazza” stavolta si è reso protagonista in positivo di una bella esperienza nell’ultimo week -end, trascorrendolo con i giovani calciatori del Wallsend Boys Club, squadra del suo distretto natale, Tyneside. Gascoigne ha assistito alle prestazioni dei possibili sui eredi (solo calcistici speriamo), fornendo consigli ed ” è stato assolutamente fantastico, colloquiando con chiunque, anche con i giovanissimi under 8″ come ha riferito alla stampa il segretario del club giovanile Paul Lockyear.

 

Il padre di Lamela: tornare in Italia è possibile

Esperienza al momento poco felice quella per Erik Lamela in Inghilterra con il Tottenham: la divisa degli Spurs è stata indossata per sole nove volte e dopo la partenza estiva da Roma, talento su cui si pensava di costruire una squadra, il bilancio è assai negativo. Ma il padre del fantasista argentino, Josè, lasciano aperti più di uno spiraglio ad un rientro con il mercato invernale in Italia:  “Erik non è felice e vuole tornare in Italia. È stato accostato alla Lazio, ma io non ne so davvero nulla. Può tornare alla Roma? Non lo so. Quello che so è che il Tottenham non vuole lasciarlo partire a gennaio”

Tottenham: salta la panchina di Villas Boas

E’ costata cara la disfatta casalinga per 5-0 contro il Liverpool per il portoghese Villas Boas, allievo di Mourinho fin dai tempi del Porto. La pesante sconfitta ha sancito la chiusura del rapporto con il Tottenham con reciproco consenso come recita il comunicato «aver raggiunto un accordo per la cessazione dei servizi». Già in stagione gli Spurs erano affondati pesantemente, 6-0 sul campo dell’Arsenal.

Al momento il Tottenham si trova al settimo posto in Premier League,a cinque punti dal quarto posto, l’ultimo disponibile per la Champions, occupato attualmente dal Manchester City mentre in Europa League il girone è stato vinto brillantemente con 6 vittorie in altrettanti incontri.