Calciomercato 2015: Top Ten degli svincolati, possibili affari estivi

subbuteo

Come ogni anno, il calciomercato regala allo stesso tempo ai tifosi grandi colpi di mercato ed esclusioni eccellenti. Quest’anno sono tanti i giocatori che non hanno ancora trovato una squadra e che fanno gola a molti clubs italiani. La scelta è ampia e varia ma tra i moltissimi svincolati, dieci spiccano per bravura e soprattutto per esperienza.

1)Stefano Mauri: L’ormai ex capitano e bandiera della Lazio (241 presenze in 10 anni condite da 41 gol) ha deciso di non rinnovare con la squadra capitolina. Grazie alla sua duttilità a centrocampo, ai suoi inserimenti e al suo innato fiuto del gol può interessare a molte squadre italiane, il suo curriculum del resto parla chiaro anche se l’età (35 anni) non è dalla sua parte.

2)Marco Borriello: Dopo la terza esperienza al Genoa (meno fruttifera delle altre due) l’ormai 33enne è alla ricerca di una nuova squadra per ripartire. Attaccante forte fisicamente, sa reggere il peso dell’attacco da solo e se ben supportato dalla squadra sa come segnare una valanga di gol, ma necessita di un ambiente che crede in lui e Roma, West Ham e Genoa non gli hanno dato sicurezza. I gol segnati tra il 2007 e il 2013 parlano chiaro, 59 in totale tra Genoa,Milan,Roma e Juventus. Sulle sue tracce c’è il Carpi neopromosso ma suscita l’interesse di molti club italiani, sarà una bagarre per accaparrarselo.

3)Alberto Aquilani: Il “Principino”, soprannominato così ai tempi della Roma per la sua somiglianza al “Principe” Giannini esteticamente e calcisticamente, è alla ricerca di una nuova squadra. La nuova Fiorentina di Paulo Sousa non lo ha inserito nel nuovo progetto e il talento 31 enne nel pieno della maturità ha deciso di cambiare aria. È un centrocampista duttile che può ricoprire diversi ruoli, può giocare infatti come trequartista ma anche come regista, è molto bravo negli inserimenti e possiede un buon tiro che gli ha permesso di segnare molti gol dalla distanza.

4)Sergio Romero: il portiere che nel 2014 ha portato l’Argentina in finale grazie alle sue prodezze in semifinale contro l’Olanda è stato scaricato dalla Sampdoria dopo una stagione trascorsa come secondo portiere alle spalle di Viviano. Il 28enne Argentino ha tutte le carte in regola per diventare il primo portiere di una big italiana, sicuramente è uno dei portieri svincolati più forti presenti sulla piazza.

5)Juan Manuel Vargas: il capitano della nazionale peruviana ha messo fine alla sua esperienza in maglia viola dopo diversi anni di alti e bassi, Esploso nel 2007 a Catania come terzino , 31enne può ricoprire anche il ruolo di esterno di centrocampo grazie alla sua bravura nel dribbling, al suo potente tiro e alla sua velocità.

6)Cristian Ledesma: Centrocampista classe 1982 dopo aver giocato 9 anni nella Lazio cerca una nuova squadra. L’ex regista di Lecce e Lazio vanta 16 gol in carriera segnati grazie alle sue doti balistiche che gli hanno permesse di segnare diversi gol da calcio piazzato e di essere un eccellente rigorista. È un ottimo regista e con la sua visione di gioco può fornire diversi assist ai compagni grazie ai suoi lanci lunghi, ottimo per una squadra medio-piccola.

7)Antonio Cassano: Il talento di Bari Vecchia è forse lo svincolato più ricercato di questa torrida estate. Dopo il fallimentare anno a Parma è alla ricerca dell’ennesima sfida. Le Cassanate sono ormai lontane e la sua maturità può solamente portare del bene alla squadra nella quale si accaserà. Può giocare prevalentemente come seconda punta o trequartista con il suo punto di forza nel dribbling e nel controllo di palla che fanno di lui un giocatore unico nel suo genere.

8)Ezequiel Munoz : Richiesto da Milan e Sampdoria, il difensore argentino si è trovato svincolato alla fine della stagione. Sono molte le squadre pronte da accaparrarselo, vista la giovane età (24 anni) e la sua bravura. È un centrale di difesa molto forte fisicamente che si fa valere negli anticipi e nel gioco aereo, lo dimostrano i suoi 5 gol con la maglia del Palermo.

9)Jonathan: Considerato al suo arrivo in Itala come il nuovo Maicon il 29enne brasiliano non ha confermato le aspettative rimanendo un oggetto misterioso anche a causa dei suoi molteplici infortuni. Ma è un terzino affidabile che può giocare anche come esterno di centrocampo grazie alla sua offensività, la voglia di riscatto e tanta e molte squadre sono sulle sue tracce.

10) Sulley Muntari: Il 30enne Ghanese è pronto per una nuova sfida. Ingaggiarlo sarebbe una scommessa per gran parte delle società italiane. Alterna infatti bel gioco e tecnicità a Disastrose prestazioni e Cartellini rossi. Rimane comunque un giocatore molto forte fisicamente e con ottime doti balistiche.

Autore: Angelo Losco

Serie A: calendario amichevoli estive pre-campionato

campo calcio

Partiti i primi ritiri estivi, è disponibile un primo calendario delle partite amichevoli che le squadre di A affronteranno nel mese di luglio. Di seguito gli impegni già fissati. In maiuscolo le compagini del massimo campionato italiano.

DOMENICA 5 LUGLIO
SAMPDORIA-Rappresentativa Alta Valle (Ponte di Legno, BS), 17.30

LUNEDI’ 6 LUGLIO
SAMPDORIA-Rappr. Valle Camonica (Ponte di Legno, BS), 17.30

VENERDI’ 10 LUGLIO
Virtus Acquaviva-SAMPDORIA (Ponte di Legno, BS), 17.30

SABATO 11 LUGLIO
INTER-Stoccarda Kickers (Riscone di Brunico, BZ), 16
FIORENTINA-Team Trentino (Moena, TN), 17.30* , Violachannel.tv
ROMA-Gyirmot Gyor (Pinzolo, TN), 20.45, Roma Tv
SAMPDORIA-Rappresentativa Val di Sole (Ponte di Legno, BS), 17.30

SABATO 11 LUGLIO
Schalke 04 – UDINESE (Klagenfurt, Austria), 20

domenica 12 LUGLIO
Auronzo-LAZIO (Auronzo di Cadore, Bl), 17

MERCOLEDI’ 15 LUGLIO
CARPI-INTER (Riscone di Brunico, BZ), 17.30**
FIORENTINA-Gyirmot Gyor (Moena, TN), 17.30 *, Violachannel.tv
PALERMO-FC Schulz (Bad Kleinkirchheim, Austria), 18
Top 11 Cadore-LAZIO e/o Verona Star-LAZIO (Auronzo di Cadore, Bl) 17

GIOVEDI’ 16 LUGLIO
VERONA-Valle Isarco (Racines, BZ), 17, probabile diretta Telenuovo

SABATO 18 LUGLIO
ROMA-Real Madrid (Melbourne, Australia), 11 *, diretta Mediaset Premium e Roma Tv, International Champions Cup
FIORENTINA-? (Moena, TN), 17.30*, Violachannel.tv
PALERMO-Alpe Adria (Bad Kleinkirchheim, Austria), 18
Stubaital-GENOA (Neustift, Austria)
Olympique Lione-MILAN (Lione)
LAZIO-Vicenza (Auronzo di Cadore, Bl), 17

DOMENICA 19 LUGLIO
VERONA-Sudtirol (Racines, BZ), 17.30, probabile diretta Telenuovo
Anderlecht-LAZIO (Bruxelles, Belgio), 18
diretta su Lazio Style Channel

LUNEDI’ 20 LUGLIO
TORINO-Bormiese (Bormio, SO), 17

MARTEDI’ 21 LUGLIO
ROMA-Manchester City (Melbourne, Australia), 12*, diretta Mediaset Premium e Roma Tv, International Champions Cup
INTER-Bayern Monaco (Shangai, Cina)
NAPOLI-Anaunia (Dimaro, TN)

MERCOLEDI’ 22 LUGLIO
FIORENTINA-Paris Saint Germain (Harrison, Usa), 2.30 a.m, International Champions Cup, diretta Mediaset Premium

VENERDI’ 24 LUGLIO
NAPOLI-Feralpi Salò (Dimaro, TN)
TORINO-Lecco (Bormio, SO), 17

SABATO 25 LUGLIO
FIORENTINA-Benfica (East Hartford, Usa), 2 a.m, International Champions Cup, diretta Mediaset Premium
MILAN-INTER (Shenzen, Cina), 14*, International Champions Cup, diretta Mediaset Premium
PALERMO-Hapoel Haifa (Ponte di Legno, BS), 17
ATALANTA-Pavia (Rovetta, BG), 17
FROSINONE-Accademia Sandonatese (San Donato, FR)
JUVENTUS-Borussia Dortmund (San Gallo, Svizzera), 19.05
UDINESE-Spal (Tarvisio, UD)

DOMENICA 26 LUGLIO
PALERMO-Kalloni (Ponte di Legno, BS), 17

LUNEDI’ 27 LUGLIO
INTER-Real Madrid (Guangzhou, Cina), 14*, International Champions Cup, diretta Mediaset Premium
TORINO-Entella (Bormio, SO), 17

MERCOLEDI’ 29 LUGLIO
Lechia Danzica-JUVENTUS (Danzica, Polonia), 21

GIOVEDI’ 30 LUGLIO
MILAN-Real Madrid (Shangai, Cina), 14*, International Champions Cup, diretta Mediaset Premium

VENERDI’ 31 LUGLIO
Bolton-CHIEVO

Serie A 2015-16: calendario presentato ad Expo2015

Expo 2015Sarà Expo 2015 il teatro della presentazione del calendario della Serie A per la stagione 2015-16, in programma il prossimo 28 luglio. Il massimo torneo avrà inizio nel weekend del 22-23 agosto 2015 e conclusione il 15 maggio del 2016, in previsione di Euro 2016 che inizierà il 10 giugno.

Vi saranno ben 5 turni infrasettimanali così calendarizzati: mercoledì 23 Settembre, mercoledì 28 Ottobre, mercoledì 6 Gennaio, mercoledì 3 Febbraio, mercoledì 20 Aprile. Le venti “bellezze” in lizza per il tricolore sono: Atalanta, Bologna, Carpi, ChievoVerona, Empoli, Fiorentina, Frosinone, Genoa, Hellas Verona, Inter, Juventus, Lazio, Milan, Napoli, Palermo, Roma, Sampdoria, Sassuolo, Torino e Udinese.

 

Serie A: la mappa dei ritiri

ritiri-estivi

Ancora poche ore di libertà e poi la nuova stagione 2015-16 avrà inizio per la Serie A. Sarà la Sampdoria del neo tecnico Zenga ad inaugurare la serie dei ritiri dei clubs della massima serie: l’impegno nei preliminari di Europa League di agosto obbliga infatti i blucerchiati a faticare prima degli altri, con gran parte della rosa ancora da definire in quanto il calciomercato inizierà proprio il 1° luglio. Di seguito il calendario in ordine temporale. A chiudere sarà il neo promosso Frosinone che rimarrà in provincia a prepararsi per la prima stagione nel massimo torneo italiano.

SAMPDORIA: 1-11 luglio a Ponte di Legno (Brescia) / 14-29 luglio a Pinzolo (Trento)

INTER: 3 luglio ad Appiano Gentile (Como) / 5-15 luglio a Riscone di Brunico (Bolzano)

UDINESE: 6-31 luglio a Udine

ROMA: 6-12 luglio a Pinzolo (Trento)

EMPOLI: 7 luglio-8 agosto a Vinci (Firenze)

FIORENTINA: 7-19 luglio a Moena (Trento)

CARPI: 7 luglio a Carpi / 12-24 luglio a Valdaora (Bolzano) / 26 luglio-1 agosto a Urbino

CHIEVO: 8-25 luglio a San Zeno di Montagna (Verona)

MILAN: 8-20 luglio a Milanello (Varese)

BOLOGNA: 8/11 luglio a Casteldebole (Bologna) / 12-27 luglio a Castelrotto (Bolzano) / 1-8 agosto a Sestola (Modena) da confermare

PALERMO: 8-9 luglio a Coccaglio (Brescia) / 10-19 luglio a Bad Kleinkircheim (Austria) / 21 luglio-2 agosto a Ponte di Legno (Brescia) / 6-12 agosto a Storo (Trento)

SASSUOLO: 8-25 luglio a Malles (Bolzano) / 28 luglio-6 agosto a Carpineti (Reggio Emilia)

LAZIO: 9-19 luglio ad Auronzo di Cadore (Belluno)

ATALANTA: 9-11 luglio a Zingonia (Bergamo) / 12 luglio-2 agosto a Rovetta (Bergamo)

VERONA: 11-26 luglio a Racines (Bolzano)

NAPOLI: 11-31 luglio a Dimaro (Trento)

TORINO: 12-26 luglio a Bormio (Sondrio) / 29 luglio-6 agosto a Chatillon (Aosta)

GENOA: 13-25 luglio a Neustift (Austria)

JUVENTUS: 16 luglio-2 agosto a Vinovo (Torino)

FROSINONE: 20 luglio-2 agosto a San Donato Val di Comino (Frosinone)

I campionati in Europa: quale il più bello?

logo serie a bundesliga, premier league, ligue 1, liga spagnola

Quale è il campionato di calcio migliore di sempre?

Le risposte arrivano dalle statistiche, oppure dai tifosi

Più reti in Germania, più competitività e maggiori possibilità economiche in Inghilterra. Poca attenzione ai talenti nazionali e stadi mezzi vuoti in Italia. Grande varietà di squadre vincitrici in Francia. Pochissimi pareggi in Spagna.

Se volete l’emozione dei goal il vostro campionato preferito è di certo quello tedesco. Se preferite le competizioni combattute che non si decidono fino all’ultima partita non potete perdervi la Premier League. Se odiate i pareggi scegliete La Liga.

Sono queste solo alcune delle evidenze che emergono dall’animazione grafica delle statistiche dei campionati di calcio dell’ultimo secolo realizzata da Bwin che ha messo a confronto Premier League, La Liga, Bundesliga, Serie A e Ligue 1.

Obiettivo dell’indagine? Scoprire il miglior campionato di calcio di sempre.

E se pensate, forse giustamente, che spetti agli spettatori decidere qual è il campionato più bello, un dato su tutti vi può dare la risposta: l’Italia è il paese con gli stadi più grandi, ma anche con gli stadi più vuoti (mediamente sono occupati il 54% dei posti contro il 95% della Premier League e il 91% della Bundesliga).

E quali sono i campionati dove si spende di più? Quali quelli che valorizzano meglio i vivai? Chi vuole può scoprilo da solo all’indirizzo http://greatestleagueintheworld.com/it.

 

La Bundesliga è il campionato più spettacolare.

Per quanto personaggi come Jose Mourinho possano far sembrare uno 0-0 qualcosa di epico, c’è chi pensa che nulla possa emozionare più di vedere la rete “gonfiarsi”. Se sei in cerca di reti, è la Bundesliga tedesca che regna sovrana perché può contare su una media di 2,77 gol a partita, sul 51% delle partite che metà terminano con oltre 2,5 gol. La Ligue 1 francese porta a casa il punteggio più deprimente, con 2,44 gol e solo il 43% di partite che si concludono con tre o più reti. Sorprendentemente il campionato inglese, con 2,55 gol a partita, è al penultimo posto tra le “big 5” e ha una media inferiore al campionato italiano (2,57 reti a partita) e alla La Liga (2,61 reti a partita).

Tuttavia, la Premier League, insieme a La Liga, si portano a casa la vittoria per la minor frequenza di partite terminate con un punteggio di 0-0. Solo l’8% degli incontri dei campionati inglese e spagnolo terminano con dei pareggi senza reti, contro il 10% della Bundesliga e della Ligue 1.

Quando si tratta invece di vittorie, troviamo La Liga in testa alla classifica con il 77% degli incontri conclusi con un vincitore. Quelli a cui piace scommettere sui pareggi dovrebbero, invece, considerare i risultati della Serie A: il 33% delle partite della scorsa stagione sono terminate con un pareggio.

 

Premier League un campionato da godere fino all’ultima partita.

Uno dei principali punti di forza della Premier League è la competitività tra i club più forti che rende assai difficile prevedere il vincitore del campionato: possiede la più bassa differenza punti media tra il primo e il secondo posto in classifica. Solamente 6 punti separano i vincitori dai secondi classificati del campionato inglese. Non così la Bundesliga, che a causa alla recente supremazia del Bayern Monaco, è di gran lunga la meno competitiva con una differenza di ben 10 punti tra il primo e il secondo in classifica.

Diversa è la storia quando si confrontano i punteggi dei primi classificati rispetto a quelli degli altri partecipanti. Nella Premier League, una media di 63 punti separa i primi dagli ultimi: si tratta del gap maggiore tra tutte le leghe, il che dimostra una sostanziale differenza tra i club più competitivi (ed economicamente più forti) e quelli meno competitivi. In confronto la Bundesliga, ha solo una differenza di 52 punti tra i primi e gli ultimi. I critici della Liga, spesso fanno notare la mancanza di capovolgimenti nell’arco del campionato, ma solo 61 punti (2 meno della Premier League) separano i campioni dalle squadre in retrocessione. La Liga ha il maggior numero di punti (40) richiesti per garantire la sopravvivenza nella divisione. Mentre la Bundesliga e la Premier League ne richiedono rispettivamente 33 e 36.

La forte disparità di spesa tra i club della Premier League è evidenziata anche da un altro dato: nell’ultima decade solo 7 delle 24 partecipanti si sono classificate ai primi posti e 3 di loro sono sempre risultate vincitrici. Al contrario la Ligue 1 ha generato 6 differenti squadre vincenti e ben 14 squadre si sono avvicendate ai primi 4 posti della classifica. Ne consegue che verso fine campionato i primi tre in classifica nella Premier League hanno tutti un punteggio molto simile.

 

Calcio mercato, dove si spende di più?

Parlando di potenza economica, la premier League è quasi senza rivali. Osservando gli investimenti effettuati nella stagione 2014/15, le squadre inglesi sono i top spender sul mercato con 529,9 milioni di Euro spesi quest’anno. A seguire la Bundesliga con quasi 147 milioni di Euro, e la Serie A italiana con 38,8 milioni.

Il 60% dei club in Spagna ha effettuato trasferimenti profittevoli, così come il 65% di quelli francesi. In confronto solo 4 squadre (25%) della Premier League hanno realizzato profitti netti grazie ai trasferimenti, nella stagione 2014/2015.

E a livello di singoli giocatori? Il record assoluto è del Real Madrid che ha speso per il campione Gareth Bale 100 milioni di Euro, nel 2013. A seguire, lo United che per assicurarsi il talento di Angel Di Maria ha speso 80 milioni di Euro, nel 2014. Più parsimoniose sembrano essere, invece, le squadre della Bundesliga: Javi Martnez è costato al Bayern Monaco “solo” 40 milioni di Euro.

 

Valorizzazione dei vivai locali.

Le statistiche sembrano inoltre evidenziare un fatto di cui spesso si discute, soprattutto quando si avvicinano Europei o Mondiali: il vivaio di giocatori italiani sembra non essere valorizzato nel modo corretto. Sono infatti solo le squadre più piccole – Sassuolo, Cesena, Empoli, Parma, Sampdoria e Cagliari – a inserire, tra gli 11 titolari, un numero consistente di giocatori italiani.

Italia e Inghilterra – che schierano rispettivamente il 45% e il 35% di giocatori locali nei rispettivi campionati – hanno ottenuti scarsi risultati durante gli ultimi campionati europei e mondiali. Dall’altro lato, invece, La Liga (58%), la Ligue 1 (52%) e la Bundesliga (48%) hanno dimostrato che favorire la crescita e valorizzare i talenti locali sono le chiavi giuste per il successo.

 

Il calcio come spettacolo, ma non in Italia

Gli stadi italiani sono tra i più capienti in Europa, insieme a quelli tedeschi (rispettivamente, in media, 41.052 e 42.270 posti a sedere), ma c’è una sostanziale differenza: a fronte di una percentuale pari al 91% di biglietti venduti, in media, durante la Bundesliga, si registra, in Italia, una media del 46% di posti occupati durante il campionato di Serie A.

 

Jay Dossetter di BWIN ha dichiarato: “Questo studio mostra come nonostante la relativa vicinanza tra i vari paesi europei, sia grande la differenza tra gli stessi. Da un lato la Premier League con la sua potenza economica dall’altro la Liga con le sue prodezze sono entrambi parte di un quadro che raffigura un continente europeo ricco di tradizione calcistica. Mentre ci avviciniamo alla conclusione di stagione abbiamo l’impressione che non vi sia un vero e proprio vincitore tra i diversi campionati, sono i tifosi a dover decidere.”

Infografica disponibile anche sul sito http://greatestleagueintheworld.com/it

Powered by BWin

Serie A 2015-16: tabella allenatori panchine

panchina

squadra 2014-15 2015-16
Atalanta Reja Reja
Bologna Rossi Rossi
Carpi Castori Castori
Chievo Maran Maran
Empoli Sarri GIAMPAOLO
Fiorentina Montella PAULO SOUSA
Frosinone Stellone Stellone
Genoa Gasperini Gasperini
Inter Mancini Mancini
Juve Allegri Allegri
Lazio Pioli Pioli
Milan Inzaghi MIHAJLOVIC
Napoli Benitez SARRI
Palermo Iachini Iachini
Roma Garcia Garcia
Sampdoria Mihajlovic ZENGA
Sassuolo Di Francesco Di Francesco
Torino Ventura Ventura
Udinese Stramaccioni COLANTUONO
Verona Mandorlini Mandorlini

 

NOTA: in maiuscolo i nuovi allenatori

La nuova Serie A 2015-2016

serie a tim

squadra regione partecipazioni scudetti
Atalanta Lombardia 54 0
Bologna Emilia – Romagna 68 7
Carpi Emilia – Romagna esordiente 0
Chievo Veneto 13 0
Empoli Toscana 10 0
Fiorentina Toscana 77 2
Frosinone Lazio esordiente 0
Genoa Liguria 48 9
Inter Lombardia 83 18
Juventus Piemonte 82 31
Lazio Lazio 72 2
Milan Lombardia 81 18
Napoli Campania 69 2
Palermo Sicilia 27 0
Roma Lazio 82 3
Sampdoria Liguria 58 1
Sassuolo Emilia – Romagna 2 0
Torino Piemonte 71 7
Udinese Friuli Venezia Giulia 42 0
Verona Veneto 26 1

Con la conclusione dei play-off di Serie B, che ha visto la promozione del Bologna ai danni del Pescara, si è definita la griglia delle 20 squadre partecipanti alla Serie A per la stagione 2015-2016. Le regioni maggiormente rappresentate sono tre: Lombardia, Emilia – Romagna e Lazio, tutte con tre partecipanti al prossimo massimo campionato. Ben due le esordienti, Frosinone e Carpi.

Il Top 11 della serie A 2014-15 scelto dall’UEFA

serie a

La Top 11 serie A Uefa (3-4-3): Buffon; De Vrij, Bonucci, Glik; Candreva, Nainggolan, Pogba, Felipe Anderson; Icardi, Toni, Tevez. All. Allegri

Riassumendo per squadra abbiamo: Juventus con 4 elementi, Lazio 3, Inter, Torino, Roma e Verona con 1 ciascuno.

La divisione per nazionalità invece vede: Italia con 4 giocatori, Argentina 2, Francia, Belgio, Olanda, Brasile e Polonia con 1 elemento.