Sergio Ramos senza scarpa in Celta Vigo – Real Madrid

E’ capitato qualche volta di vedere un calciatore segnare senza una scarpa, ma in questa occasione invece per Sergio Ramos si tratta di una cosa negativa, sportivamente parlando. Nell’azione che poi porta al primo goal del Celta Vigo, il difensore del Real Madrid perde una scarpetta e non riuscendo a rimettersela, corre a difendere la porta. Nulla di più inutile: Nolito riesce infatti a trovare il varco giusto facendo passare il pallone approfittando del piede scalzo di Sergio Ramos. Tuttavia il Real porterà in porto il risultato finale sbancando per 4-2 il campo di Vigo e rimanendo incollato al Barcellona capoclassifica.

E’ più facile andare d’accordo con mia moglie che con Sergio Ramos

Piccata arriva subito la risposta del tecnico portoghese in merito alla provocazione ricevuta da Sergio Ramos nel match contro il Deportivo La Coruna. Aver indossato la maglietta di Ozil sotto quella ufficiale ha fatto si che Mourinho in conferenza stampa pre Ajax abbia dichiarato: “La mia relazione con mia moglie è molto migliore di quella che ho con Sergio Ramos. E’ uguale al rapporto che  ho con Arbeloa o con qualunque altro giocatore”.

“Dovete parlare con Ramos, non con me. Non ho problemi con lui. e lui non ha problemi con me. Ramos è una grande professionista, questa cosa è chiara in assoluto”, ha risposto lo Special One per chiudere la discussione.

 

Provocazioni in casa Real

Dopo che il compagno di squadra Ozil era stato rimproverato dal tecnico Mourinho, nel match contro il Deportivo La Coruna Sergio Ramos ha deciso di sfidare l’uomo più potente della “Casa Blanca” e come dalla foto apparsa sul quotidiano Marca, ha disputato il match portando sotto quella ufficiale la maglia del giocatore tedesco.

A fine partita la sua dichiarazione è stata la seguente: “Mi si puòò rimproverare che questo è meglio o peggio, parò la mia attitudine è sempre stata buona”.

Per una foto in più, una Coppa rovinata


Tre membri del personale di sicurezza del Chelsea sono stati sospesi dopo aver danneggiato il trofeo della Champions League vinto dai blues nel maggio scorso, secondo l’informazione che fornisce il “Daily Mail”.

Le guardie posarono con la coppa per attirare le invidie degli amici ed in tale occasione cadde, rompendosi parte del trofeo. Seppure venne riposizionato, un membro dello staff notò il danneggiamento il giorno seguente e riportò l’informazione ai suoi superiori. Il Chelsea lo inviò immediatamente in fabbrica a Londra perchè venisse riparato.
Il club ha riconosciuto che il personale non era autorizzato a trovarsi nello stadio durante l’orario in cui furono scattate le foto.

Nonostante le squadre vincitrici di un titolo tale importante siano solite sistemarlo in un luogo del tutto sicuro, il club inglese aveva dato il permesso ai differenti dipartimenti di tenere la coppa nei propri uffici a ricompensa del duro lavoro svolto dai più di 400 impiegati. L’incidente ricorda quello occorso a Sergio Ramos del Real Madrid, che in occasione della vittoria della Coppa del Re del 2011, si lasciò sfuggire il trofeo dal bus che portava la squadra in trionfo per le vie della città madrilena.

Per una foto in piu’, una Coppa rovinata


Tre membri del personale di sicurezza del Chelsea sono stati sospesi dopo aver danneggiato il trofeo della Champions League vinto dai blues nel maggio scorso, secondo l’informazione che fornisce il “Daily Mail”.

Le guardie posarono con la coppa per attirare le invidie degli amici ed in tale occasione cadde, rompendosi parte del trofeo. Seppure venne riposizionato, un membro dello staff notò il danneggiamento il giorno seguente e riportò l’informazione ai suoi superiori. Il Chelsea lo inviò immediatamente in fabbrica a Londra perchè venisse riparato.
Il club ha riconosciuto che il personale non era autorizzato a trovarsi nello stadio durante l’orario in cui furono scattate le foto.

Nonostante le squadre vincitrici di un titolo tale importante siano solite sistemarlo in un luogo del tutto sicuro, il club inglese aveva dato il permesso ai differenti dipartimenti di tenere la coppa nei propri uffici a ricompensa del duro lavoro svolto dai più di 400 impiegati. L’incidente ricorda quello occorso a Sergio Ramos del Real Madrid, che in occasione della vittoria della Coppa del Re del 2011, si lasciò sfuggire il trofeo dal bus che portava la squadra in trionfo per le vie della città madrilena.