Lotito e la sua battaglia contro “i portoghesi” allo stadio

Per Lotito il calcio non è solo la la Lazio, ma da due stagioni a questa parte nel suo cuore  c’è anche la Salernitana, che rilevò con il cognato e che ha riportato già in Prima Divisione, con due promozioni consecutive.

Intervistato dall’emittente campana Lira Tv per il programma “Goal su Goal”, Lotito ha esordito con i toni entusiasti in merito all’aspetto tecnico: “Dovevamo vincere il campionato e l’abbiamo fatto, dovevamo arrivare primi e ci siamo riusciti, adesso ci resta la Supercoppa che sarebbe la ciliegina sulla torta, il primo trofeo nella storia della Salernitana”.

E’ poi voluto intervenire, sulla questione pubblico, che ritiene essere componente fondamentale per sostenere la Salernitana ed ha usato le sue note perifrasi , con un velo d’ironia:  “Cominciamo a creare rapporti biunivoci. Se c’è un atto di amore e di grande passione da parte di due persone – io e mio cognato – vogliamo che venga corrisposto soltanto con una presenza. Se mi si chiede di entrare gratis non è un atto d’amore ma una donazione unilaterale. La gente deve capire che deve esserci un’osmosi continua dove c’è una società che ha dimostrato di avere capacità e professionalità nell’investire le risorse e che hanno l’ambizione di volerla farla crescere ulteriormente. Capiamo le situazioni ma vorremmo che la gente recepisca quanto sia importante la loro presenza allo stadio”

Conte estraneo ai fatti, lo dice l’ex assistente Stellini

L’ex giocatore del Bari Cristian Stellini ed ex assistente di Conte è stato ascoltato oggi presso la Procura Federale di Roma in merito alla presunta combine di Bari – Treviso e Salernitana – Bari ed all’uscita, ai giornalisti che lo attendevano, ha rilasciato poche parole: “E’ andato tutto nella norma, niente di nuovo, ho risposto alle domande ribadendo quello che già avevo detto a Bari”.

Lo stesso legale di Stellini, Raffaele Della Valle ha commentato anche le vicende legate a Conte: “Abbiamo ribadito l’estreneità di Conte, questa è la realtà. I fatti vedono Conte estraneo nel modo più assoluto”.

Fuori programma per Lotito: Sputi ed insulti a Salerno

Non è stata una domenica tranquilla quella passata da Claudio Lotito sugli spalti dell’Arechi di Salerno per assistere al match della “sua” Salernitana contro il Borgo a Buggiano e valevole per il campionato di seconda divisione Lega Pro. Nonostante la vittoria per 3-1 che porta un pò di tranquillità in casa campana in termini di classifica, al termine del match il presidente laziale si era voluto avvicinare ai tifosi per spiegare meglio alcune frasi che aveva rivolto loro nei giorni scorsi.

Ma non ne ha avuto l’occasione in quanto dalle gradinate sono partiti sputi e forti contestazioni di fronte ai quali il patron si è allontanato indispettito. Lotito ha poi raggiunto a piedi la sede della società senza rilasciare alcuna dichiarazione. Il direttore organizzativo Gianni Russo ha però voluto far sapere la verità :”Il presidente ci è rimasto male perché dopo aver fatto tanto, di certo non si aspettava questa reazione. Questo non vuol dire che il suo impegno diminuirà, anzi lui è ancora più deciso a far bene e a mantenere le promesse”.