Delio Rossi: Samp , ora devi reagire

Blucerchiati tramortiti dopo il netto 0-3 ssubito nel derby della Lanterna. Ma per il tecnico Delio Rossi la gara di Trieste contro il Cagliari deve rappresentare il match della svolta: «Cambiare completamente tutto dopo una partita del genere significherebbe trovare dei capri espiatori e questo non mi piace. Per giudicare questa squadra non bastano tre partite, anche Gesù non ha fatto tutto in un giorno».

A questo punto la reazione è segno di forza: «Le persone non si giudicano dalle parole ma dalle azioni, dobbiamo rifarci una verginità nelle prossime partite. Per fortuna non siamo alle Olimpiadi dove se uno cade ha finito, noi domani torniamo subito in campo».

In conferenza stampa il tecnico ha poi diramato l’elenco dei i 24 convocati: Da Costa, Fiorillo, Tozzo, Costa, Gastaldello, Mustafi, Palombo, Regini, Salamon, Barillà, Bjarnason, De Silvestri, Gavazzi, Gentsoglou, Krsticic, Obiang, Renan, Rodriguez, Soriano, Wszolek, Gabbiadini, Petagna, Pozzi, Sansone.

E’ fatta : Pepito Rossi torna in Italia

Bella notizia per il calcio italiano: Giuseppe Rossi, dopo 5 anni trascorsi in Spagna nelle fila del Villareal, torna a vestire la maglia di una squadra italiana, quella della Fiorentina.
Seppure ancora fermo ai box per l’infortunio patito nella scorsa stagione che lo ha costretto ad una doppia operazione al ginocchio, Rossi è stato acquistato dai viola.

Il comunicato sul sito della squadra gigliata recita così: “ACF FIORENTINA e CF VILLARREAL SAD confermano di aver raggiunto un accordo per il trasferimento del calciatore GIUSEPPE ROSSI a titolo definitivo, subordinato alla firma del contratto economico da parte dello stesso”.

L’accordo fra le due società è stato raggiunto sulla base di   circa 10 milioni di euro più bonus per una cifra complessiva intorno ai 16 milioni mentre per il giocatore è previsto un contratto di 4 anni a poco più di due milioni di euro a stagione più bonus legati al rendimento.

Giuseppe Rossi-Inter: è possibile

“Diciamoci la verità: Pepito è forte, è talento allo stato puro, ma è fragilino. Le ginocchia che scricchiolano presto e che presto si rompono, già due interventi. Dai, è un rischio.” “Sì però lo dicevano anche di Roberto Baggio…”

Ecco, più o meno questo potrebbe essere stato lo scambio di battute, negli ultimi mesi, tra un qualunque dirigente di un club alla ricerca di un giocatore offensivo e il procuratore di Giuseppe Rossi. Certamente costui è di parte, ma non gli si può dar torto. In fondo, anche sul divin codino in pochi sono stati pronti a scommettere, a più riprese, davanti alle rotture a catena di cui è stato vittima. Ma quelli che hanno puntato tutto su di lui, non si sono pentiti.

Massimo Moratti è un romantico, Baggio lo ha avuto. Ha puntato e non si è pentito. Da tempo vorrebbe arrivare anche al giocatore del Villareal, nella speranza di non mangiarsi le mani più in là. Ma un romantico parte dal presupposto che le mani potrebbe divorarsele se un talento se lo prende la concorrenza.

Per questo la dirigenza dell’Inter potrebbe mettersi al lavoro già da gennaio. Il procuratore di Rossi, Federico Pastorello, fa sapere che il suo assistito dovrebbe ritornare abile e arruolato per marzo. L’obiettivo è quello di essere al top nella prossima stagione, per puntare alla maglia azzurra in ottica Mondiale brasiliano. Pepito verrebbe a Milano di corsa, questo non è un mistero; oltretutto il Villareal, sceso nella Serie B spagnola, non potrà pretendere la luna, anche perché il giocatore è fermo da più di un anno.

Si vedrà. Se come è già accaduto nel recente passato saranno solo fuochi fatui; se l’ostracismo verso il ragazzo born in the Usa finalmente cesserà oppure no. Nel frattempo, mettiamo un dvd con i migliori gol di Baggio.

Esonerato Ciro Ferrara! Alla Samp arriva Delio Rossi?

Seppure sia rimasto in sella dopo ben sette sconfitte consecutive, è stata fatale per il tecnico Ciro Ferrara il ribaltone di Catania proprio contro quel Maran che nel giugno scorso era stato stoppato nel tentativo di promozione nei play-off di Serie B alla guida del Varese.

Come ha riferito Sky pochi minuti fa, sembra che il possibile successore sia stato individuato in Delio Rossi mentre è a rischio anche la posizione dell’attuale direttore sportivo Pasquale Sensibile.

 

Pepito Rossi: intervento riuscito, con altri 6 mesi di stop

“Intervento riuscito, evviva”. Con questo messaggio su twitter in inglese, spagnolo ed italiano Giuseppe Rossi ha rassicurato i tifosi sulle proprie condizioni, dopo l’operazione al legamento crociato del ginocchio destro, cui si è sottoposto negli Stati Uniti. L’attaccante del Villarreal, 25 anni, aveva subito un primo grave infortunio al ginocchio ad ottobre dell’anno scorso, ed una successiva ricaduta ad aprile.

Il club spagnolo ha comunicato che ci vorranno altri sei mesi per il recupero completo. L’intervento è stato eseguito dal chirurgo ortopedico Richard Steadman nella sua clinica di Vail (Colorado).

Ferguson-Berardi: è amore a prima vista per il talento del Sassuolo

 

 

A quanto pare non siamo capaci di tenerci stretti i nostri talenti in erba. Certo non è una novità, visto il recentissimo passato (leggi: Verratti) e in Inghilterra lo sanno meglio che in Francia; sopra ogni altro, lo sa Sir Alex Ferguson insieme al suo Manchester United. Dopo aver infatti strappato alla Lazio Federico Macheda ed aver visto transitare dalle parti di Old Trafford Giuseppe Rossi, i Red Devils ci riprovano con Domenico Berardi, attaccante di gran talento, classe 1994, attualmente in forze al Sassuolo in Serie B.

Sembra infatti che il Manager scozzese abbia dato mandato ai suoi collaboratori di redigere un dossier dettagliato sulla punta 18enne.

Al giovane catanese sono bastate due partite da titolare ed un goal – dice il Mirror – per impressionare un tecnico navigato come Ferguson, che ha subito messo in moto la sua rete di scouting per cercare di portare in Premier l’azzurro dell’Under 19.

Il consueto rischio che corre il nostro sistema pallonaro è quello di veder partire a basso prezzo talenti che, un domani, per rientrare nel Belpaese e militare in Serie A avrebbero un costo assai maggiore, sia in termini di cartellino che per quanto concerne l’ingaggio.

Al di là dei paletti imposti dal Fairplay finanziario – che in alcuni casi può diventare un alibi –  gli osservatori di casa nostra dovrebbero avere l’occhio svelto, tanto quanto quello che all’estero pare più allenato.

 

Pepito Rossi: dopo l’ultima operazione, sarà Napoli o Roma?

 

 

Alla fine di questo mese, ancora non è chiara la data precisa, Giuseppe Rossi tornerà sotto le mani ed i ferri del Dottor Steadman, in Colorado, per l’intervento di ricostruzione del legamento crociato del ginocchio destro. Nello scorso aprile Pepito aveva già subito una prima operazione di riempimento dell’osso, dopo il secondo infortunio patito in allenamento con il Villarreal. Com’è noto, questo iter aveva fatto saltare gli Europei all’attaccante azzurro, dopo il primo e già lungo calvario, seguito alla rottura del crociato – sempre dello stesso ginocchio – durante la gara persa contro il Real Madrid al Bernabeu, nell’ottobre del 2011.

Sul 25enne del Sottomarino Giallo si era mosso un po’ di mercato nell’ultima settimana di agosto: si era parlato per lui di un timido sondaggio da parte di Milan, Napoli e Roma, con la società partenopea senza dubbio più interessata; non è infatti un mistero che il presidente De Laurentiis sia da sempre un grande estimatore di Rossi. E’ possibile che pensi a lui come eventuale rimpiazzo di Cavani – sebbene le caratteristiche dei due siano differenti – qualora dovesse partire alla fine del prossimo anno. Anche il ds giallorosso Sabatini e Zeman non nascondono l’apprezzamento per il talanto ex Manchester United, ed attendono sviluppi.

Giuseppe dovrebbe rientrare a marzo 2013, salvo imprevisti ulteriori, è lecito perciò aspettarsi un surriscaldarsi progressivo di eventuali trattative; il giocatore andrà in scadenza solo nel 2016 con la società spagnola, ma le quotazioni sono andate in picchiata, sia per gli acciacchi che per i destini dello stesso Villareal, caduto in disgrazia.

 

 

Primi verdetti ( forse )


In attesa dei processi relativi al calcioscommesse che infiammeranno l’estate giudiziara del pallone, entro stasera potrebbero arrivare le prime retrocessioni sul campo del campionato.

A Cesena i romagnoli padroni di casa sono costretti a vincere contro la Juve capolista e a sperare in una sconfitta del Genoa (possibile, forse probabile) contro il Milan mentre sul sintetico di Novara i piemontesi, in campo in questi minuti, possono anche perdere, avendo ancora qualche punticino in più che prolunga l’agonia.
Considerato che domenica riceveranno a loro volta la Juventus, non si intravedono molte possibilità, se non l’obbligo morale (e ne abbiamo bisogno) di onorare l’impegno stagionale, dopo 55 anni di assenza dalla massima serie.

La lotta salvezza vede la momento l’interessantissimo duello a distanza fra il Genoa ed Lecce che con la cura Cosmi si è rivitalizzato inanellando una serie importante di risultati ed oggi allo Stadio di Via del Mare, contro il Napoli di Mazzarri, un pareggio o meglio ancora una vittoria permetterebbe di candidarsi seriamente alla salvezza sul campo.

I genoani, dopo i fatti di domenica, sono in piena crisi tecnica: il quarto allenatore della stagione De Canio deve rappresentare l’ultima ancora e Preziosi fa molto affidamento sul tecnico ex commentatore Rai per uscire dalle secche. La tensione in casa del Grifone è alle stelle, ieri durante l’allenamento Jankovic e Sculli sono venuti alle mani, per il Presidente è indice di gruppo bello carico, il Milan sarà un ottimo test per verificarlo.

In Toscana le cose non sono invece rosee, dove la Fiorentina, partita con l’idea di un progetto pluriennale, si è ritrovata domenica dopo domenica a scendere in classifica ed ora solo 3 punti miseri la tengono in linea di galleggiamento. La sfida all’Olimpico contro la Roma impegnata per entrare in Europa non è certamente la partita più adatta per respirare. Delio Rossi, nello stadio che lo ha visto trionfare in Coppa Italia, si affida al duo della linea verde Jovetic – Cerci, per poi pensare alla panchina della prossima annata, Della Valle permettendo.

Palermo – Parma e Siena – Bologna concludono il programma riguardante le altre squadre impegnate nella lotta salvezza, chi perde soffrirà, chi vince vedrà il cielo un pò più azzurro.

Villarreal, Rossi operato di nuovo. Torna nel 2013?

rossi

Seconda operazione al legamento del ginocchio per lo sfortunato attaccante italiano

L’intervento è riuscito perfettamente, come ha fatto sapere lo stesso Giuseppe Rossi attraverso Twitter.

L’attaccante del Villarreal e della nazionale italiana si è sottoposto ad un secondo intervento per la ricostruzione del legamento del crociato del ginocchio destro infortunatosi nuovamente in allenamento. Rossi è stato operato negli Usa dal professor Richard Steadman nella clinica Steadman a Vail in Colorado. Rossi non dovrebbe tornare in campo prima del 2013.

Giuseppe Rossi e Barça “legati”, la prima pagina di Sport

rossisport
Se Marca parla di Juventus e Real Madrid, parla italiano anche Sport, quotidiano sportivo di Barcellona. Si parla di Giuseppe Rossi, che secondo quanto riportato dal quotidiano catalano avrebbe raggiunto l’accordo con il Barcellona e avrebbe anche chiesto al Villarreal di non considerare altre offerte. In prima pagina si evidenzia che l’accordo sarebbe stato raggiunto per una durata quinquennale e per una cifra di tre milioni più premi. Si parla anche delle sue congratulazioni a Piqué dopo la vittoria della Champions, complimenti che avrebbe fatto attraverso twitter con successivi ringraziamenti del centrale azulgrana. I due potrebbero tornare a giocare insieme dopo l’esperienza avuta proprio con i “red devils” del Manchester United.