Effetto speciale

Segnare da calcio d’angolo è un’impresa che non si vede da anni sui campi da calcio di tutto il mondo. Questa volta invece, seppure si tratti di un allenamento, a Driussi, talento 18enne del River Plate e della nazionale albiceleste Under 20, riesce a far goal addirittura da dietro la linea di fondo campo. Per la serie Effetti Speciali

Tiki-taka giovanile

Campionato giovanile in Turchia, ma piccoli canterani del Barcellona crescono: più di 30 passaggi fra compagni, coinvolgendo anche il portiere che si diletta in un paio di dribbling davanti alla propria porta, per poi concludere in rete senza che gli avversari abbiano toccato palla

http://youtu.be/usBY-TYt4E0

Segna e culla un suo compagno !

Si chiama Michel Platini, ma non è famoso come l’attuale presidente dell’UEFA e campione del passato, eppure anche lui esercita l’arte del calcio, militando nel club bulgaro del Ludogorets, noto per aver eliminato settimana scorsa la Lazio dall’Europa League. Ebbene, nell’ultimo turno di campionato contro il Pirin, Platini, brasiliano, festeggia la sua rete sollevando e dondolando il compagni di squadra.

http://youtu.be/3HWDVZ6ubac

Toni salta la Juve e sogna di battere Buffon

Pesante assenza quella dell’ariete Toni contro la super retroguardia bianconera. Lo dice il giocatore stesso che al quotidiano torinese Tuttosport spiega il motivo:  “Ho ancora il tendine un po’ infiammato: non ce la dovrei fare. Servirebbe un miracolo. Allo Stadium andrò lo stesso, devo salutare tanti amici”.

Non poter scendere il campo per il centravanti del Verona è una cosa molto difficile da accettare: ” Affrontare la Juve è bello e stimolante. E poi lo Stadium è lo Stadium. Ogni tanto penso alla serata dell’inaugurazione. Ho segnato il primo goal, nell’unica occasione avuta. E’ incredibile: sono riuscito a entrare nella storia dello stadio senza mai averci giocato da professionista con la maglia bianconera”.

Tuttavia Toni non ripone i sogni nel cassetto ed anzi rivela che “è segnare una rete di scavino. Sarebbe bello segnarlo a Gigi, che resta di un altro pianeta. A sto punto, glielo prometto per il ritorno. Col Verona vorrei arrivare in doppia cifra, ma quel che più conta è segnare reti importanti come contro il Milan. Il sogno sarebbe chiudere con 300 reti tra i professionisti: me ne mancano ancora 24″.