Barcellona – Manchester City : i numeri parlano spagnolo

Barcellona – Manchester City è uno dei due ottavi di finale che si disputeranno nella serata di mercoledì. Gli spagnoli partono con il grosso vantaggio della vittoria per 2-1 nel match di andata svoltosi in trasferta. Pertanto una vittoria, un pareggio od una sconfitta per 1-0 permetterebbe agli uomini di Luis Enrique di passare il turno.

Nelle 35 volte precedenti che il Barcellona ha vinto l’andata fuori casa, 33 volte ha passato il turno: le uniche due volte che non è riuscita a confermarsi è stato  contro il Colonia nel primo turno della Coppa UEFA 1980/81 (1-0 in trasferta, 0-4 in casa), e il Metz nel primo turno della Coppa delle Coppe 1984/85 (4-2 in trasferta, 1-4 in casa).

In casa il Barcellona ha affrontato complessivamente compagini inglesi per 29 volte: 16 vittorie, 11 pareggi e due sole sconfitte.

Di contro il Manchester City ha con le squadre spagnole il seguente bilancio: una vittoria, un pareggio e ben quattro sconfitte, di cui una nell’unico precedente con il Barcellona, quando al Nou Camp fu battuto per 2-1 dopo aver perso anche il quell’occasione il match d’andata in casa con il punteggio di 2-0

Derby di Madrid: l’Atletico non lo vince in casa dal 98-99!

Ed arrivò il giorno del derby di Madrid: per il 22° turno alle ore 16.00 scendono in campo sul terreno del Calderon, Atletico e Real, al loro 156° derby per quel che riguarda le sole sfide di Liga. Nei precedenti 155 incontri il bilancio parla nettamente in favore dei blancos con 85 vittorie contro le 37 dei padroni di casa, completati da 33 pareggi mentre lo score delle reti, sempre in favore delle merengues, è di 276-206.

Ma per gli uomini di Simeone vi è un altro muro da abbattere: infatti l’ultima vittoria casalinga in un derby risale addirittura alla stagione 1998-99, giornata n° 37, quando trionfarono per 3-1 in virtù delle reti di Josè Mari (poi transitato al Milan), Lardin e Juninho, inframezzate dal momentaneo pareggio di Morientes. In quella partita scesero in campo anche gli italiani Torrisi e Michele Serena, in un’annata che aveva visto Arrigo Sacchi alla guida della squadra fino alla 222-esima giornata.

Roma – Lazio: i precedenti in casa dei giallorossi

Arriva il derby della capitale, domenica pomeriggio all’Olimpico. Roma – Lazio si disputerà in casa dei giallorossi per la 71-esima volta: nei precedenti 70 incontri il duello vede “prevalere” i pareggi, avvenuti ben in 31 occasioni mentre le vittorie romaniste sono 26 contro la metà, 13 , di quelle laziali. Il totale delle reti vede sempre prevalere i giallorossi con un bilancio di 87 contro 57. La distribuzione delle segnature fra primo e secondo tempo è di 36-51 per la Roma e di 24-33 per la Lazio.

Ultima vittoria Roma : 2013-14 4° turno Roma – Lazio 2-0 Balzaretti, Ljajic                           Ultimo pareggio         : 2012-13 31° turno Roma – Lazio 1-1 Hernanes (L) , Totti (R)         Ultima vittoria Lazio  : 2011-12  26° turno Roma – Lazio 1-2 Hernanes (L), Borini (R), Mauri (L)

Fiorentina – Empoli: i precedenti

Fiorentina – Empoli ha una storia recente come classica toscana in quanto i precedenti fra le due squadre nella massima serie hanno inizio solo dalla stagione 1986/87 quando le due squadre impattarono per 1-1 all’Artemio Franchi, con un marcatore di lusso fra le fila dei gigliati, Giancarlo Antognoni, bandiera del calcio viola.

In totale i matches disputati sono sette con il seguente bilancio: 4 vittorie casalinghe, 2 pareggi ed una sola vittoria esterna nella stagione 1997/98 per 2-1 ( Batistuta, Tonetto e Martusciello) con lo score delle reti complessive di 11-5 in favore della Fiorentina.

Particolare curioso: l’Empoli finora nelle sette sfide precedenti non ha mai segnato nel primo tempo di gioco e le due squadre preferiscono comunque andare in rete nella seconda frazione di gioco poichè la suddivisione fra i due tempi è di 5-11 complessivamente.

Quando Mancini segnò contro la sua Inter

Stagione 1998/99 Inter – Lazio arrivò al quinto turno di andata. Pochi mesi prima a Parigi, in una notte di maggio, i nerazzurri avevano trionfato sui biancocelesti nella finale di Coppa Uefa per 3-0 e nella notte di san Siro i laziali si presero una sonante rivincita. Nel tabellino dei marcatori anche un certo Roberto Mancini, che nella stagione seguente riuscì a vincere lo scudetto nella città capitolina.

San Siro, 18 ottobre 1998                                                                                                       

INTER: Pagliuca, Silvestre, Bergomi, Colonnese, Moriero (54′ Ventola), Winter, Dabo (64′ Zé Elias), Simeone, Zanetti, Djorkaeff, Zamorano. A disp. Mazzantini, Paulo Sousa, Galante, Pirlo, Cauet. All. Simoni.
LAZIO: Marchegiani, Pancaro, Fernando Couto (68′ G.Lopez), Mihajlovic, Favalli, Sergio Conceicao, Venturin, Almeyda, Nedved, Salas (15′ Gottardi), R.Mancini (48′ Baronio). A disp. Ballotta, Baronio, Iannuzzi, Lombardi, Marcolin. All. Spinosi – DT Eriksson.
Arbitro: Boggi (Salerno).
Marcatori: 1′ Salas, 22′ Winter, 36′ Sergio Conceicao, 40′ R.Mancini, 53′ Sergio Conceicao, 74′ Nedved, 77′ Ventola, 96′ Ventola.

Real Madrid: l’unico precedente contro un’argentina è un Ko

Se per il club argentino del San Lorenzo de Almagro, dal nome del quartiere originario della squadra, si tratta della prima partecipazione al Mondiale per Club (ex Coppa Intercontinentale), per i blancos del Real Madrid siamo giunti alla sesta finale della competizione che designa il club più forte del mondo.

Ma l’unico precedente contro una squadra argentina suona male per i madridisti: infatti nel 2000 furono sconfitti nella finale di Tokyo del 28 novembre dal Boca Juniors per 2-1 con doppietta dell’idolo boquense Martin Palermo in rapida sequenza (2° e 5° minuto) mentre per il il Real accorciò inutilmente le distanze il brasiliano Roberto Carlos all’undicesimo della prima frazione di gioco, rimanendo vani gli assalti alla porta argentina nel proseguo del match. L’unico giocatore tuttora presente nella rosa a disposizione di Carlo Ancelotti che disputò quell’incontro è il portiere Iker Casillas.

Ecco gli altri precedenti del Real Madrid nelle finali disputate

1960 Real Madrid – Penarol 0-0 e 5-1                                                                                       1966 Penarol – Real Madrid 2-0 e 2-0                                                                                       1998 Real Madrid – Vasco de Gama 2-1                                                                                 2002 Real Madrid – Olimpia 2-0

Milan – Napoli: i precedenti a San Siro

Milan – Napoli si giocherà per la 67-esima volta sul terreno dei rossoneri. Nei 66 precedenti il bilancio è il seguente: 31 vittorie casalinghe, 23 pareggi e 12 vittorie esterne mentre lo score delle reti è 144 – 64 sempre per i rossoneri. L’ultima vittoria del Milan risale alla stagione 2010-11 (27° turno) per 3-0 siglato Ibrahimovic, Boateng, Pato; l’ultimo pareggio invece è stato scritto nella stagione 2012-13 (32° turno) con il risultato di 1-1 Flamini (M) e Pandev (N). L’anno scorso invece il Napoli sbancò San Siro per 2-1 grazie a Britos ed Higuain mentre la segnatura della bandiera dei rossoneri fu siglata da Balotelli.

Roma – Livorno: l’ultimo incontro fu favorevole ai toscani

Inizia il girone di ritorno con un classico testa – coda fra la Roma , seconda in classifica ed il Livorno, ultimo e fresco di cambio di tecnico con il rientro di Attilio Perotti che lascia la scrivania per tornare a sedersi sulla panchina dei labronici. i precedenti sono però assolutamente favorevoli ai giallorossi, che sul proprio terreno possono vantare nei precedenti 17 incontri ben 13 vittorie, 2 pareggi e sole due vittorie ospiti, l’ultima coincidente anche con l’ultimo scontro diretto fra le due squadre avvenuto nella stagione 2009-10, quando alla nona di andata una rete di Tavano bastò per sbancare l’Olimpico.

Il bilancio delle reti parla sempre romanista, con uno score di 41-7; interessante notare per gli scommettitori che ben 20 reti sono state segnate dalla Roma nella mezzora centrale delle partite, equamente divise fra i minuti 31°-45° e 46°-60°.

Atalanta – Juventus : gli orobici non vincono dal 2002

Atalanta – Juventus è una classica del calcio italiano che rappresenta la sfida di una delle provinciali storiche della massima serie contro il potere delle big . Per i nerazzurri bergamaschi poi l’ultimo decennio circa si è rivelato assai magro in termini di risultati. manca dalla stagione 2001-02, 17° turno una loro vittoria, quando finì 2-1 con reti di Lorenzi, Ventola ed autorete di Massimo Paganin per la Juventus, poi nei successivi 8 incontri, un solo pareggio e ben 7 sconfitte.

Nel complessivo ci sono state 7 vittorie casalinghe, 23 esterne e ben 21 pareggi, con lo score delle reti che parla chiaro: 48-82 per i bianconeri

Roma – Catania: ma il 2 all’Olimpico in 16 incontri!

Statistiche fanno rabbrividire i tifosi siciliani: ultimi in classifica, si trovano ad affrontare sul terreno dell’Olimpico una Roma che, seppur reduce da 4 pareggi negli ultimi 5 matches, non è mai stata battuta sul proprio terreno dal Catania. I precedenti parlano chiaro: 12 vittorie giallorosse e 4 pareggi, con un bilancio delle segnature di 51-18 e la cosa particolare è che le due squadre sono molto prolifiche nella seconda parte di gara: 19-5 nei primi 45 minuti di gara mentre nella ripresa il saldo diventa ben 32-13.