Prandelli, esonero in vista al Gala?

Per Cesare Prandelli sarà un 2014 da dimenticare: dopo la burrascosa esperienza al Mondiale in Brasile, con l’eliminazione subito al primo turno, le dimissioni volontarie lo avevano allontanato dall’Italia, portandolo in Turchia dove ha firmato nel luglio scorso un sontuoso contratto con il Galatasaray. Ma anche in questo  caso le vicende sportive hanno preso una piega negativa: in difficoltà nel campionato, i giallorossi turchi hanno finora un ruolino di marcia pessimo, fatto di 4 sconfitte ed un pareggio e dopo ieri sera, i viaggi europei sono matematicamente terminati.

Secondo il quotidiano turco online Hurryet, che oggi titola: “La dirigenza del Galatasaray ha deciso di porre fine alla gestione di Cesare Prandelli”, ed aggiunge che “Determinanti  le due ultime sconfitte incassate dal Galatasaray, che dopo l’ultimo brutto ko contro il Trabzonspor in campionato lo scorso fine settimana, è stato battuto 2-0 ieri sera nel penultimo turno di Champions, compromettendo le residue speranze di qualificarsi almeno per l’Europa League”.

Gala distrutto, ma Prandelli smorza: qui per vincere il campionato

Altra batosta per il turchi del Galatasaray: stavolta in Champions League la batosta arriva dal Borussia Dortmund di Jurgen Klopp che nella competizione europea pare avere un altra marcia. Il 4-0 finale non ammette repliche ma l’ex tecnico della nazionale Prandelli non pare averne troppo a male: “Abbiamo giocato contro una grande squadra, abituata negli ultimi anni a vincere nelle coppe europee. Dobbiamo migliorare piano piano”. Ed ha aggiunto, sempre ai microfoni di Smartspor: “Il nostro obiettivo primario è la Turkish League. Il Galatasaray mi ha portato qui per conquistare il titolo in campionato, per la quarta stella. Ora dobbiamo concentrarci lì”.

Prandelli, ct dell’Italia fino al 2016: vicini all’accordo

Sarà Prandelli il tecnico dell’Italia anche per il prossimo biennio. L’accordo è stato raggiunto fra il tecnico bresciano e la federazione con piena soddisfazione delle parti, espressa dallo stesso allenatore che ha reso noto alla stampa : “In questo momento provo una grande soddisfazione: sono orgoglioso del fatto che la Federcalcio mi abbia proposto un rinnovo biennale, a prescindere dal risultato del Mondiale: e per questo io ho dato piena disponibilità”.

Leonardi (ds Parma): quando valutai Paletta 35 milioni….

Il Parma si gode il rientro fra i ranghi gialloblù di Gabriel Paletta, difensore esterno che da oriundo ha fatto il suo esordio in nazionale mercoledì contro la fortissima Spagna ed ha lasciato ben impressionati gli addetti ai lavori ed il ct Prandelli in primis. Ed il direttore sportivo, in un’intervista a Parma Channel, ha voluto scherzare sula valutazione del giocatore: «Mi ha fatto piacere per Gabriel, la sua professionalità è apprezzata da anni a Parma. Purtroppo c’è poca preparazione a livello nazionale sui grandi club. Mi davano del pazzo quando ho detto che valeva 35 milioni, ora dicono che sono meno pazzo -se la partita di mercoledì è servita per farlo conoscere a tutti ne sono contento, ma la dice lunga sull’impreparazione a livello generale nel calcio italiano».

Italia: scelta la sede del ritiro degli azzurri in Brasile

Con un comunicato apparso sul proprio sito internet, la FIGC ha reso nota la sede del ritiro degli azzurri di Prandelli in Brasile per il prossimo campionato del mondo. La delegazione azzurra partirà il prossimo 5 giugno e raggiungerà il “Portobello Safari Resort” di Managaratiba, distante circa 100 km da Rio de Janeiro. Il ct intende concedere di portare anche le famiglie dei giocatori all’interno del resort. Le alternative non soddisfacevano lo staff azzurro, tanto che Prandelli ha voluto dichiarare: “perché ritiri ideali in Brasile non ce ne sono”.

Prandelli: Juve ancora la più forte di tutte

Avviato il raduno della nazionale a Coverciano, Cesare Prandelli riprende nella conferenza stampa i temi del campionato, soprattutto dopo l’ultimo turno che ha visto la Juventus battere seccamente nel punteggio la sua antagonista delle ultima stagioni, il Napoli, che fino a domenica era appaiato al secondo posto. «L’altra sera – ha esordito il ct azzurro – abbiamo rivisto la Juve degli ultimi due anni, grande carattere. Non c’erano dubbi prima e non ci sono nemmeno ora. Sarà ancora la squadra da battere».

E poi passando ai protagonisti più attesi con la maglia azzurra, le due punte Balotelli e Rossi ha detto: “Balotelli sta vivendo un momento un pò strano e particolare ma ormai deve convivere con la pressione, sta a lui e ai suoi comportamenti gestirla”. “Se hai orgoglio e carattere questi sono momenti che ti possono fortificare, ora Mario deve ritrovare fiducia, serenità, sorriso”, mentre per Rossi, giunto in ritiro con qualche linea di febbre ha detto: “Gli infortuni hanno rafforzato di più Pepito, per me lui può giocare prima o seconda punta”.

Balotelli ed i mass media troppo vicini

Arriva la nazionale a Napoli in città in vista dell’allenamento odierno a Quarto che si svolgerà su un campo confiscato alla criminalità organizzata e riqualificato: alla stazione la ressa è sempre tanta, come l’entusiasmo dei tifosi. Ma anche la calca degli operatori al lavoro è pressante e forse si esagera nel voler cercare di interpretare ogni minimo gesto o espressione, soprattutto se è di Mario Balotelli e guardate un pò cosa succede al cameraman che si avvicina troppo a SuperMario…

http://youtu.be/NT2_CJlmOhU

Per Ghirardi questo Cassano è da nazionale

Dopo la vittoria contro il Sassuolo nel derby emiliano per 3-1 con un goal del barese , il presidente del Parma Ghirardi si gode la domenica felice e provoca Prandelli in ottica nazionale: «E’ andata bene contro il Sassuolo, abbiamo fatto un’ottima prestazione. Cassano? Si è dimostrato importante per la squadra, secondo me è da Nazionale, fuori dal campo è una persona perfetta. Campionato? Quest’anno sarà difficile, molte squadre più deboli si sono rafforzate. Ma credo che, in linea generale, stiano tornando i grandi calciatori nel calcio italiano. La nota di Agnelli agli azionisti? Bisogna essere più coesi tra di noi, sarebbe importante lottare tutti dalla stessa parte, è positivo che si sia mosso».

Prandelli stima Garcia: porta novità nel calcio italiano

Arriva dal tecnico della nazionale italiana la patente di innovatore per il neo tecnico giallorosso , il francese Garcia. Intervistato in relazione al prossimo derby della capitale, Prandelli ha detto : «Il derby tra Roma e Lazio? Mi aspetto una partita spettacolare dal punto di vista tecnico, ma al di là di tutto sarà una grande manifestazione sportiva. Garcia? Nel Lille ha fatto delle cose importanti, la sua caratteristica principale è l’equilibrio e secondo me è un tecnico che ha delle buone intuizioni innovative»