Ancora porte chiuse per il Cagliari

Ancora notizie negative per i tifosi cagliaritani, perché il match di sabato prossimo ad Is Arenas tra il Cagliari e la Fiorentina vedrà ancora gli ingressi sbarrati al pubblico, ma dopo il parere dell’ex prefetto di Roma, inviato della Lega di Serie A, Achille Serra, il responso è stato ancora una volta per la disputa a porte chiuse.

Per Cagliari-Roma non è ancora arrivata l’ora giusta

Era attesa per la mattinata odierna la decisione dell’Alta Corte del Coni relativo al ricorso del Cagliari alla Figc per la partita persa a tavolino 3-0 dai rossoblu contro la Roma dello scorso settembre. Tutto posticipato ancora: si dovrà attendere qualche giorno per conoscere la decisione dell’Alta Corte di Giustizia Sportiva. All’udienza di oggi, nel Coni, per la discussione del ricorso del Cagliari contro la Figc, e nei confronti della Roma, erano presenti i legali Mattia Grassani (Cagliari) e Saverio Sticchi Damiani (Roma).

Cagliari – Sampdoria: deciso per la disputa a porte chiuse

Ecco il comunica ufficiale con cui la Lega Calcio di Serie A autorizza il club di Cellino ad ospitare nello stadio di Is Arenas il match di domenica prossima contro la Sampdoria.

Il Presidente della Lega Nazionale Professionisti Serie A,
vista la richiesta della Società Cagliari Calcio S.p.A. del 26 febbraio 2013 di disputare la
gara Cagliari – Sampdoria, della 9ª giornata di ritorno del Campionato di Serie A TIM,
presso lo Stadio “Is Arenas” di Quartu Sant’Elena;
preso atto della Determinazione dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive
n. 42 del 9 novembre 2012, con la quale lo stadio “Is Arenas” di Quartu Sant’Elena viene
dichiarato a norma;
vista la licenza d’uso e autorizzazione concessa, in data 6 marzo 2013, dal Vice Sindaco di
Quartu Sant’Elena, in accoglimento della richiesta della Società Cagliari Calcio S.p.A.,
affinché la suddetta gara si disputi allo stadio “Is Arenas” di Quartu Sant’Elena in assenza
di pubblico;
visto il nulla osta del 6 marzo 2013 della Prefettura di Cagliari, per i profili attinenti alla
tutela dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica, allo svolgimento della gara in oggetto;
dispone che la gara CAGLIARI – SAMPDORIA, della 9ª giornata di ritorno del Campionato di
Serie A TIM 2012/2013, si disputi domenica 10 marzo 2013, alle ore 15.00, presso lo
Stadio “Is Arenas” di Quartu Sant’Elena, in assenza di pubblico.

Anche per il Fenerbache porte chiuse in Europa

Grossa giornata di lavoro per la commissione disciplinare dell’UEFA che ha sanzionato il club turco del Fenerbache, che disputerà la sfida valevole per gli ottavi di Europa League in programma il 14 Marzo contro il Viktoria Plzen a porte chiuse, a causa dei razzi lanciati fuori dallo stadio. Inoltre il Fenerbache non potrà partecipare alla prossima competizione di Europa League, oltre a dover pagare una multa pari a  60.000 euro.

Sanzione pesante per il Corinthians: match a porte chiuse

La Conmebol ha deciso nella giornata di ieri di colpire pesantemente il club del Timao, in cui milita da gennaio l’ex milanista Pato. In seguito alla morte di un giovanissimo tifoso del San Jose, colpito da un razzo scagliato dai tifosi brasiliani, si è deciso di vietare la stadio in occasione dei prossimi matches casalinghi di Copa Libertadores al pubblico. In trasferta invece  verrà vietata la vendita dei tagliandi per il settore ospiti.

Sanzione pesante per la Pro Vercelli

Obbligo di giocare la prossima gara nel proprio stadio a porte chiuse e una ammenda di 10.000 euro. Questo è il prezzo che la Pro Vercelli dovrà pagare per gli episodi accaduti  durante la partita del campionato di Serie B contro la capolista Sassuolo, giocata sabato scorso. Lo ha stabilito il giudice sportivo, con la seguente motivazione  “comportamento violento, aggressivo, ingiurioso, minaccioso e intimidatorio dei propri dirigenti e sostenitori” precisando che si è verificata un’aggressione all’arbitro da parte di persone non autorizzate ad essere presenti negli spogliatoi.

Inoltre per il capitano della squadra piemontese Abbate che è stato espulso “per proteste nei confronti degli Ufficiali di gara; sanzione aggravata perché capitano della squadra. Per avere, al termine del primo tempo, al rientro negli spogliatoi, rivolto all’Arbitro reiterate espressioni ingiuriose e minacciose assumendo un atteggiamento aggressivo, limitato solo dall’intervento di alcuni suoi compagni” sono ben quattro i turni di stop.

Is Arenas senza pace: Cagliari – Milan a Torino

Pare davvero senza fine la storia dello stadio casalingo per il Cagliari. Stavolta la questione che nega ai rosssoblù di giocare di fronte ai propri tifosi è legata al fatto che il sindaco di Quartu, a cui spettava la decisione definitiva riguardo all’agibilità dell’impianto, dopo che era arrivato il sì dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive che aveva capovolto la decisione della Commissione di Sicurezza, non si sia voluto ancora pronunciare.

Motivo per il quale la decisione definitiva è stata presa dalla Lega. Anche sul profilo Facebook del responsabile della comunicazione della società sarda Ivan Paone si ha la conferma della decisione presa: “La Lega Calcio si appresta a ufficializzare lo stadio Olimpico di Torino quale sede della gara Cagliari-Milan. Intanto, il sindaco Contini tace. Cellino ribadisce che il Cagliari giocherà solo a IS Arenas”.

Porte chiuse per il Fenerbahce in Europa League

Colpito duro il Fenerbahce che è stato punito con la sanzione della disputa del prossimo match casalingo di Europa League col Bate Borisov (21 febbraio) a porte chiuse. Lo ha stabilito la Commissione Disciplinare e di Controllo della Uefa a seguito degli incidenti verificatisi lo scorso 6 dicembre 2012 in occasione del match conclusivo del girone di Europa League contro il Borussia Mönchengladbach.

Il club turco era stato accusato di “carenze organizzative e lancio di razzi e/o fuochi d’artificio” come recita il comunicato ufficiale UEFA. Il Fenerbahce è stato multato anche di 40mila euro. La dirigenza di Istanbul potrà presentare ricorso entro tre giorni dal ricevimento delle motivazioni della sentenza.