Piquè: non vestirò mai la maglia del Real Madrid

Sta assumendo sempre più importanza e peso nello spogliatoio del Barcellona il difensore centrale Gerard Piqué, visto che nel corso del programma sportivo ‘El Larguero’ della televisione Cadena Ser ha parlato del suo rapporto con la squadra catalana, con la quale ha fatto tutta la trafila fin dai primi calci, lasciandola solo per la parentesi (vincente) al Manchester United.

“Quando sono partito non pensavo al ritorno, però dentro il mio cuore avevo la speranza di tornare”. Ed alla domanda di un possibile cambio di maglia, ha risposto in maniera netta: “Il Real Madrid ? Non si può mai dire mai, però quello che so è che mi sento molto culè (il modo gergale per dire del Barcellona) e mai potrei indossare quella maglia, per me il Barca è sempre stato tutto”.

 

E’ nato il figlio di Shakira e Piquè: si chiama Milan

“Siamo felici di annunciare la nascita di Milan Piqué Mebarak, figlio di Shakira Mebarak e di  Gerard Piqué, nato il 22 gennaio alle ore 21:36 in Barcellona, Spagna. Il nome Milan (si pronuncia MI-lan, l’accento cade sopra la prima sillaba), significa caro, pieno di grazia e amorevole nella lingua slava; in latino, entusiasta e laborioso; in sánscrito, unificazione”, così recita il comunicato che la coppia ha reso alla stampa.

Come aveva anticipato il padre, il piccolo al momento della nascita è diventato socio del Barcellona. La clinica ha informato che il peso del pargolo è vicino ai 3 chili e che sia lui sia la madre sono in perfette condizioni di salute.

Shakira aspetta un figlio da Piquè: ora è ufficiale

Tramite una nota pubblicata sul suo profilo Twitter, la cantante colombiana Shakira ha ufficializzato la notizia di essere incinta e che per questo motivo ha voluto ritardare le attività promozionali in corso in questi giorni.

Nonostante ciò, nel fine settimana il concerto previsto a Las Vegas si terrà comunque. Il padre, il difensore del Barcellona e della Spagna Gerard Piquè, ha diffuso il comunicato attraverso anche Twitter per rendere pubblica ai suoi fans la lieta notizia.

Video hard: ricattati Piquè e Shakira

 

Guai a luci rosse in vista, per la coppia Shakira-Piquè. Da qualche giorno infatti gira la voce nelle redazioni spagnole che qualcuno stia tentando di “piazzare” un sex tape, della durata di un quarto d’ora circa, nel quale i due starebbero facendo sesso in barca. Le “talpe” dicono che si tratterebbe di una una sorta di ricatto, architettato proprio da due ex collaboratori della cantante colombiana, licenziati a loro dire “senza alcun motivo”. Sembra abbiano chiesto un “indennizzo economico”, ma le cifre non sono note; tuttavia l’atto pare orientato più alla vendetta che non allo sfruttamento monetario.

La coppia più bella di Spagna è recidiva: già qualche mese fa il 25enne difensore del Barcellona e la sua compagna erano stati oggetto di un gossip a luci rosse, finendo per essere costretti a smentire proprio l’esistenza di un filmato hard. In pochi giorni tutto era rientrato, ma ora l’indiscrezione sembra tornata alla ribalta.

 

Italia-Spagna: le probabili formazioni della finalissima

 

Cresce la febbre per il match decisivo di Euro 2012.
A Kiev si respira già la tensione di quello che rappresenta il capitolo conclusivo del maggior evento legato al mondo del calcio dopo i mondiali.

Da una parte l’11 pluricampione iberico guidato da Vicente Del Bosque, favorito dalla striscia vincente inanellata negli ultimi anni e anche dai bookmaker.

Dall’altra gli azzurri guidati da Cesare Prandelli che arrivano all’incontro forti di uno stato di forma in crescendo.
Sarà una partita molto tattica che probabilmente verrà risolta da un episodio di un singolo. Da non scartare lo spauracchio rigori.

Unico dubbio legato alle formazioni è legato alla presenza o meno in campo di El Nino Torres: il centravanti mancato nelle ultime partite dovrebbe partire nuovamente dalla panchina anche se un suo schieramento a sorpresa non è da escludere completamente.

Ecco le probabili formazioni in campo, si gioca alle 20:45, arbitra il portoghese Proença.

 

Spagna (4-3-3): Casillas, Arbeloa, Piqué, Ramos, Alba, Xavi, Busquets, Xabi Alonso, Silva, Iniesta, Fabregas. All.: Del Bosque.


Italia (4-3-1-2): Buffon, Balzaretti, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Pirlo, De Rossi, Marchisio, Montolivo; Cassano, Balotelli. All.: Prandelli.

 

Fiesta e sorrisi, il Barcellona si gode Milano

allenamentiescherziBarcellona.jpg

Il day after di Messi e compagni è un tuffo nell’entusiasmo primaverile della periferia meneghina. Sotto gli occhi attenti e pazienti di un nutrito gruppo di tifosi e curiosi, perlopiù ragazzi con il sogno di un autografo sulla maglia blaugrana, i campioni d’Europa e del Mondo effettuano il consueto allenamento di scarico all’inconsueto centro Facchetti, quartier generale della Primavera dell’Inter.

Ma facciamo un passo indietro: Guardiola & C. decidono per un rientro posticipato in patria, causa sciopero generale iberico che paralizza anche gli aeroporti;  così la società di Massimo Moratti mette a disposizione del Barcellona i propri campi per una sgambata.

La cronaca di oggi racconta di appassionati presenti davanti ai cancelli di Interello già dalle prime ore del mattino, complice una gustosa temperatura frizzante ed un sole quasi estivo; come fossimo ancora fuori dal Meazza, vediamo stazionare una bancarella di souvenir e bandiere, dove un baffo brizzolato che la sa lunga fa gli ultimi affari con le maglie della Pulce e le sciarpe commemorative del match contro il Milan (una l’abbiamo acquistata anche noi, ndr).

Verso le 11 e 30, con la proverbiale calma spagnola, appare il futuristico pullman griffato della società catalana, anticipato dalle sirene della Polizia Locale e seguito dalle grida dei quasi cinquecento affezionati calciofili.

Nemmeno dieci minuti dopo, alla spicciolata i giocatori fanno il loro ingresso sul terreno di gioco del campo principale, a ridosso della strada che si snoda dentro il parco di Niguarda; quasi a voler sottolineare una volta di più il disappunto per la negata irrigazione del prato di San Siro, il manto verde viene accarezzato dallo spruzzo di quattro getti d’acqua. I cancelli restano chiusi ed i tifosi devono accontentarsi di guardare attraverso le reti, i fotografi e la stampa (compresa quella internazionale) hanno a disposizione una decina di minuti per scattare e filmare, poi devono defilarsi: insomma, ci viene sussurrato che oggi i padroni di casa sono Pep e soci, hanno carta bianca e così hanno deciso.

Qualche mugugno, qualche coro che inneggia a Mourinho – dopotutto, siamo dentro la sua ex casa – e intanto il blando allenamento prende il via; Messi è il più richiesto, Pique il più beccato, Xavi e Iniesta i più ammirati.

Chi ha giocato ieri sera effettua principalmente un lavoro atletico ai margini del campo, fatto di corsa leggera sul lato lungo, stretching ed un po’ di torello; gli altri invece effettuano attività anaerobiche e più finalizzate ad una serie di conclusioni in porta che strappano applausi. Anche le riserve e i giovani sembrano avere un telecomando tra i piedi, chiedere per conferma ai due portieri Valdes e Pinto.

Un pallone finisce tra la gente – rinviato forse apposta da Pedro per fare un piccolo regalo – e si scatena una bagarre tra qualche ragazzino di cui uno, più lesto ed in tuffo, agguanta lo sferico cimelio. Sorrisi anche sul volto dei calciatori.

In tutto un’ora e un quarto che lascia un sapore dolce nella bocca degli intenditori: non è cosa di tutti i giorni poter vedere i marziani allenarsi sotto casa.

Nel pomeriggio libera uscita, domani il rientro in aereo per preparare la prossima gara di Liga, in programma sabato sera.

Nota a margine della mattinata: Duncan, talentuoso centrocampista della Primavera interista fresca campione d’Europa, era presente ed ha concesso foto e autografi ad adolescenti con l’occhio lungo e sognante. Il futuro è già qui.

Giuseppe Rossi e Barça “legati”, la prima pagina di Sport

rossisport
Se Marca parla di Juventus e Real Madrid, parla italiano anche Sport, quotidiano sportivo di Barcellona. Si parla di Giuseppe Rossi, che secondo quanto riportato dal quotidiano catalano avrebbe raggiunto l’accordo con il Barcellona e avrebbe anche chiesto al Villarreal di non considerare altre offerte. In prima pagina si evidenzia che l’accordo sarebbe stato raggiunto per una durata quinquennale e per una cifra di tre milioni più premi. Si parla anche delle sue congratulazioni a Piqué dopo la vittoria della Champions, complimenti che avrebbe fatto attraverso twitter con successivi ringraziamenti del centrale azulgrana. I due potrebbero tornare a giocare insieme dopo l’esperienza avuta proprio con i “red devils” del Manchester United.