Coppa Italia: alla Roma il match di andata, ma è ancora tutto da decidere

All’Olimpico di Roma, giallorossi e nerazzurri si sono sfidati per la semifinale di andata di Coppa Italia,il cui ritorno si disputerà solo il 17 aprile. Bel primo tempo degli uomini di Zeman che passano dopo mezzora di gioco a condurre per 2-0, mettendo quasi il sigillo sulla sfida e lasciando però diverse occasioni da rete insolute.

Il goal di Palacio allo scadere della prima frazione riapre il match che poi , nel secondo tempo vive di emozioni alterne. Prima Alvarez, sul cui tiro si oppone Perrotta a pochi passi dalla porta e poi Lamela, che non approfitta di uno smarcamento in area, sono i momenti su cui si chiude una sfida che deciderà solo fra tre mesi chi avrà la speranza di alzare la coppa nazionale nella finale di maggio.

Roma (4-3-3): Stekelenburg; Piris, Marquinhos (59′ Castan), Burdisso, Balzaretti; Bradley, Tachtsidis, Florenzi (77′ Perrotta) Lamela, Destro, Totti. A disposizione: Goicoechea, Lobont, Antei, Castan, Sammartino, Ricci, Lucca, Perrotta, Marquinho. Allenatore: Zeman

Inter (3-5-2, poi 4-4-2): Handanovic; Ranocchia, Chivu, Juan Jesus; Zanetti, Pereira (74′ Alvarez) ,Cambiasso, Benassi (64′ Gargano), Obi (45′ Nagatomo); Guarin; Palacio. A disposizione: Belec, Di Gennaro, Silvestre, Nagatomo,, Mudingayi, Alvarez, Gargano, Jonathan, Rocchi, Bessa, Livaja. Allenatore: Stramaccioni

Arbitro: De Marco di Chiavari

Ammoniti: 39′ Alvaro Pereira69′ Guarin83′ Chivu85′ Lamela

Marcatori: 12′ Florenzi32′ Destro43′ Palacio

Perrotta: primo calciatore in attività ad entrare in FIGC

Con la rielezione di Giancarlo Abete alla presidenza della federazione con un plebiscito, il Consiglio Federale ha effettuato anche il rinnovo delle cariche per il prossimo quadriennio.

La novità consiste nel fatto che Simone Perrotta è il primo giocatore in attività ad entrare in Consiglio Federale. Il calciatore in forza alla Roma e campione del mondo nel 2006, affianca Damiano Tommasi, Demetrio Albertini e Umberto Calcagno. “È un onore entrare nel consiglio della Figc . Sento la responsabilità e l’importanza di questa nomina. Sono sicuro che sarà un’esperienza che mi farà crescere professionalmente e mi darà la possibilità di vedere il calcio sotto un’altra prospettiva”.