Quando Boniperti regalò un righello a Dino Viola

Nella settimana dei centimetri e delle righe, torna alla mente un episodio analogo, che a distanza di più di 30 anni fa arrabbiare ancora tanti sportivi romanisti. Il 10 maggio 1981 infatti, allo stadio Comunale di Torino, andò in scena il match decisivo per il campionato fra Juventus e Roma, separate in classifica da un solo punto a vantaggio dei bianconeri.

La partita corse sempre sul filo della tensione, con risse fra giocatori e pochi tiri in porta, tanto che il direttore di gara Luigi Bergamo (diventato poi designatore) espulse Furino al 17° della ripresa per doppia ammonizione. Ma il momento clou della gara arrivò al 75°, quando su cross di Bruno Conti, Pruzzo colpì di testa in direzione di Turone che inzuccò alle spalle di Zoff. L’arbitro convalidò senza esitazioni , ma il suo guardalinee Sancini alzò la bandierina a segnalare la posizione irregolare del difensore giallorosso, tanto che Bergamo annullò il goal.

Il caso volle che quella domenica, a causa di uno sciopero, erano poche le telecamere Rai a lavorare ed in soccorso degli amanti della moviola e dei tanti appassionati, il giornalista Gianfranco De Laurentiis, grazie all’elaborazione al computer con un sistema chiamato Telebeam, affermò che il giocatore era in posizione irregolare di soli 10 centimetri, confermando l’operato dell’arbitro.

Alla fine del torneo la Juventus si aggiudicò il 19° scudetto con due punti di vantaggio sulla Roma e a dimostrazione dei toni stemperati dell’epoca, il presidente romanista l’ingegner Dino Viola dichiarò: “Questione di centimetri”. In risposta all’ironica affermazione, il suo collega juventino Giampiero Boniperti fece recapitare allo stesso Viola un righello di plastica, che fu respinto al mittente con la frase: “Serve più a un geometra come lei che a un ingegnere come me”.

 

IL TABELLINO

Torino, 10 maggio 1981

JUVENTUS-ROMA 0-0                                                                                                 JUVENTUS: Zoff; Cuccureddu, Cabrini; Furino, Gentile, Scirea; Marocchino (Verza 36′ s.t.), Prandelli, Causio, Brady, Fanna. All. Trapattoni.                                                         ROMA: Tancredi; Spinosi, Maggiora; Turone, Falcao, Bonetti; Conti, Di Bartolomei, Pruzzo, Ancelotti, Scarnecchia. All. Liedholm.

ARBITRO: Bergamo di Livorno.NOTE: ammoniti Marocchino, Scarnecchia, Turone, Conti, Fanna, Falcao, Pruzzo. Espulso Furino per doppia amm.

Tavecchio: mai detto che voglio la moviola in campo

Tavecchio, numero uno della FIGC, a margine della presentazione del cartellone di appuntamenti di Torino 2015 Capitale Europea dello Sport, ha colloquiato con i giornalisti in merito al tema della tecnologia applicata al calcio, per aiutare e sostenere l’operato arbitrale. Per il presidente federale è stato il momento  per ribadire la sua opposizione ad un’introduzione “forte” nel sistema: “Nessuno in Federcalcio ha mai parlato di moviola in campo ma soltanto di gol-non gol sulla linea di porta o di dentro/fuori dall’area di rigore. Tutte le interpretazioni giornalistiche che hanno tirato in ballo la moviola sono errate”.

Ha però voluto aggiungere che “La Federcalcio  è disponibile a fare da cavia al progetto. La rilevazione con mezzi tecnici impiega 23 secondi, tenendo conto che in campo si spendono minuti per esultare, si capisce quanto il problema sia risolvibile”.

Mappa del tifo: diminuiscono gli appassionati, la Juve torna ad essere la più antipatica

Gli italiani si scoprono un po’ meno tifosi. Dal sondaggio condotta da Demos in collaborazione con Coop (Associazione Nazionale cooperative di consumatori), tra il 3 e il 7 settembre, emerge infatti che nel 2012 prosegue l’emorragia di chi si professa tifoso, con un calo del 3% rispetto allo scorso anno che porta a -13% il saldo degli ultimi tre anni. La percentuale dei tifosi sul totale è così scesa al 42,9% dal 45,3% del 2011 e dal 55,6% del 2009. Sul totale del campione quelli che si professano tifosi “militanti” sono il 18,4%, “caldi” il 14,2% e “tiepidi” il 10,3%.

Clicca qui  per vedere le Tabelle del sondaggio Demos-Coop.

Milan scalza l’Inter, salgono Roma e Napoli
La Juventus mantiene la testa della classifica come numero di seguaci, anche se la vittoria dello Scudetto non ha impedito la discesa dal 29,2 al 28,5% del totale dei tifosi. Alle sue spalle avvicendamento tra le milanesi con il Milan che acciuffa il 15,8% delle preferenze mentre i nerazzurri scivolano al 14,5% dal 18,6% del 2011 pagando la stagione molto negativa del 2011-2012 dopo i fasti degli ultimi anni. prendono quota invece Napoli (13,2% del totale dal 9% del 2011) e Roma (7,3% dal 6,5%) che nonostante il flop della stagione passata targata Luis Enrique beneficia dell’effetto Zeman e della convincente campagna acquisti.

La Juve torna a essere la più antipatica
Il ritorno alla vittoria della Juventus influenza decisamente la componente di “antipatia” dei bianconeri, tornati in testa con il 26,6% del campione che la addita come squadra più antipatica, percentuale praticamente raddoppiata rispetto al 2011. L’Inter, che di contro non è più la macchina da scudetti negli scorsi anni, è scesa a livello di antipatia dal 19,7% al 12,7%, incalzata dal Milan con il 9,3%.

Bene gli arbitri di porta, ma è quasi plebiscito per moviola in campo
Accoglienza positiva agli arbitri di porta con il 41,2% che ritiene che l’innovazione risolverà molte situazioni dubbie, anche se a un’altra domanda sull’opzione della moviola in campo e dei sensori alle porte i favorevoli sono addirittura l’86% del totale.

 

Sky anticipa tutti: moviola da subito

Dopo un’estate passata a discutere dell’utilità di introdurre un mezzo tecnologico per dipanare la questione dei goal fantasma, Sky di Rupert Murdoch prende la palla, è il caso di dirlo, al balzo e proporrà per la prossima stagione televisiva una possibilità in più.

Grazie a questo nuovo servizio, a pagamento, i telespettatori avranno l’opportunità di rivedere un episodio dubbio, un gol non gol o un fuorigioco netto o al limite.
Come dice il promo della campagna pubblicitaria di Sky: “Goal fantasma? Non restare nel dubbio. Con la moviola in diretta rivedi subito l’azione senza perderti un secondo della partita”.