Mourinho festeggia la Capitol One a modo suo

Vittoria del Chelsea nella finale di Wembley valida per la Capitol One, ovvero la Coppa di Lega Inglese, contro i concittadini del Tottenham. Ed alla fine il tecnico Josè Mourinho ha mostrato tutta la sua gioia alternando scherzi con il cameramen ad incredibili tuffi sul prato verde. Ecco una carrellata delle immagini che vedono lo Special One protagonista

Mourinho scherza con la telecamera in Chelsea – Tottenham

Primo successo in Inghilterra per Josè Mourinho nella sua seconda esperienza inglese e poco prima del triplice fischio del’arbitro nella finale di Wembley per la Coppa di Lega, ufficialmente denominata Capitol One. Sul punteggio di 2-0 il tecnico portoghese si lascia andare ad un gesto simpatico all’indirizzo della telecamera di bordocampo.

Gli arbitri inglese contro il Chelsea? Mah…

Josè Mourinho è tornato alla carica contro la classe arbitrale nello scorso week end quando,dopo il pareggio interno contro il Burnley, si è scagliato contro il direttore di gara (a parole) nella conferenza stampa del dopo partita. Tuttavia qualcuno si è divertito ad osservare i filmati e ad annotare alcuni interventi che paiono poco “regolari” da parte della banda dei Blues….

 

Furia Mourinho: meglio non parlare di arbitri

Per Josè Mourinho il tema arbitri è sempre stato scottante: impossibile dimenticare le famose manette esibite durante Inter – Sampdoria nell’anno del Triplete. Neanche la parentesi spagnola con il Real Madrid è servito per placare i suoi scatti  e ritornato in Premier League con il Chelsea, non ha perso lo smalto. Oggi pomeriggio, dopo il pareggio interno per 1-1 contro il Burnley ha dato i numeri, nel senso dei minuti, per indicare i momenti chiavi del match “Ci sono quattro momenti del match che spiegano la storia. Minuti 30, 33, 43 e 69. Non chiedermi altro perchè non posso aggiungere altro. Quando l’ho fatto in passato sono stato punito. Per spiegare dovrei usare parole che non posso dire. Dico solo che sono sorpreso che oggi il Chelsea non abbia perso”.

Ivanovic: da morsicato a morsicatore?

Branislav Ivanovic, difensore del Chelsea, è stato uno di quei giocatori che ha sentito sulla sua pelle i denti di Luis Suarez, l’attaccante  uruguaiano che nel corso della carriera si è esibito in questo poco edificante gesto. Ma stavolta potrebbe essere stato lo stesso Ivanovic ad aver morsicato un avversario. Nel match di ieri sera contro l’Everton, pochi minuti prima del goal vittoria per i blues di Willian, il calciatore slavo ha stretto in una morsa con il braccio McCarthy, afferando poi con i denti la spalla del suo avversario.

Josè Mourinho, intervistato al termine della partita dalla BBC, non ha lasciato spazio alle polemiche: “Non fatemi ridere”. Intanto in giornata la commissione disciplinare della federazione inglese investigherà sull’episodio accaduto durante un momento caldo dell’incontro che ha visto coinvolto i giocatori di entrambe le squadre.

 

Chelsea vince allo scadere: ancora +7 sul City

Vittoria in extremis per il Chelsea di Josè Mourinho: un goal di Willian all’89° permette ai Blues di superare l’Everton e di mantenere invariato il vantaggio in classifica sul Manchester City, vincente sul campo dello Stoke City con un netto 4-1 grazie alle reti di Aguero (doppietta), Nasri e Milner mentre per padroni di casa rete della bandiera di Crouch.

Nel Chelsea da sottolineare l’esordio con il club londinese del’ex Fiorentina Cuadrado, rimasto in campo fino al 7° quando è stato sostituito dallo spagnolo Fabregas.

Mourinho: il 6-0 del Chelsea lo rende spavaldo di fronte alla stampa

Vittoria con punteggio tennistico per il Chelsea in uno dei tanti derby londinesi contro l’Arsenal del tecnico francese Wenger, che dopo il match ha declinato il passaggio in conferenza stampa. Invece per Mourinho si è trattato di un momento in cui esaltare la sua squadra di fronte ai giornalisti ed ha voluto porre l’accento sul risultato che non lascia alcun dubbio sulla volontà dei blues di lottare per il titolo fino in fondo: «Eravamo troppo forti oggi. Siamo venuti per ucciderli, e in dieci minuti li abbiamo distrutti» ed ha aggiunto : «La partita è finita dopo i primi due gol nei primi sette minuti. La loro espulsione ci ha ulteriormente avvantaggiati ma la partita era già chiusa. Detto ciò, la sanzione ci stava».

Mourinho: idea Zanetti per il suo Chelsea

Pazza idea si potrebbe idea, oppure scelta dettata dalla conoscenza della persona. Josè Mourinho starebbe infatti pensando a portare a Stamford Bridge il capitano dell’Inter Javier Zanetti con un contratto di durata annuale, per poi inserirlo con calma nell’organico tecnico del Chelsea. Al momento Zanetti è legato alla società nerazzurra fino al prossimo giugno.

Mourinho: vorrei che ogni giorno fosse Natale

Abituati ad un Josè Mourinho sempre sul piede di guerra, il tecnico portoghese in previsione delle feste natalizie mostra un lato più umano e socievole. Per un’intervista concessa alla rivista ufficiale del Chelsea, Mou ha dichiarato che non trascorre molto tempo durante le festività con la propria famiglia, ma cerca di far si che ogni giorno possa essere come Natale. La causa della sua assenza è però legata al calcio, ovvero alle partite ed agli allenamenti imposti dal calendario della Premier League che non si ferma mai.

“Prima di tutto, devi fare questi sacrifici con la tua famiglia perché non ci sono alternative”, ha voluto specificare Mourinho. “Allo stesso tempo, devi far capire alla tua famiglia che è motivato da qualche cosa di speciale, che stai facendo qualcosa di speciale. Stai dando ad altre persone ed altre famiglie quello che desiderano quando si trovano assieme in questa fase dell’anno. Le persone vogliono stare assieme e si divertono a stare nelle loro case, ma anche guardando il calcio”.

Passando poi alla sua famiglia ha voluto mostrare un lato sentimentale poco noto al grande pubblico:  “L’altra cosa da fare è di provare e dare alla tua famiglia un pò di Natale ogni giorno dell’anno! Devi provare ad avere lo spirito natalizio e le emozioni che le persone hanno nelle loro case in questo momento dell’anno, non solo per una settimana , ma un pò ogni settimana”.

 

 

Mourinho dopo l’espulsione in tribuna con il tifoso del Chelsea

Pagare solo 15,50 sterline ( circa 18 euro) e ritrovarsi lo Special One, al secolo Josè Mourinho fianco a fianco a seguire il match del Chelsea. L’episodio è accaduto sabato scorso a Stamford Bridge quando, nel corso della partita contro il Cardiff City, vinta per 4-1, Mourinho è stato espulso dall’arbitro Anthony Taylor dopo una discussione accesa.

Allontanato dal fischietto, con l’obbligo di stare almeno 8 file più indietro rispetto alla propria panchina, il portoghese ha trovato il luogo  ideale a fianco del 17enne Sean Buxton che non ha saputo resistere alla tentazione di scattarsi una foto senza che Mou se ne accorgesse e subito postarla in Twitter, ricevendo più di 5000 visite. Il momento di celebrità è poi continuato con la menzione del commentatore Gary Lineker nel corso del programma Match of the Day.