FIFA: test di sessualità ai prossimi Mondiali femminili?

calcio femminile

I prossimi Mondiali femminili in Canada, che inizieranno il prossimo 6 giugno, potrebbero riservare per le calciatrici un particolare esame medico. Infatti secondo il quotidiano tedesco Bild, la  FIFA è pronta a sottoporre le calciatrici al test di sessualità. L’organizzazione intende così eliminare i dubbi, sollevati nella precedente edizione in Germania nel 2011, quando presumibilmente tre giocatrici della Guinea Equatoriale erano di sesso maschile.

Il capo delegazione della nazionale tedesca Doris Fitschen, leggenda del calcio femminile mondiale, ha garantito che i 23 elementi della Germania siano donne, secondo quello che certificano gli esami medici a cui si sono sottoposte le atlete. Sempre a Bild la Fitschen ha dichiarato in merito ai possibili test di femminilità: ” E’ certo che esiste questo requisito, però la FIFA avrà le sue buone ragioni. Le nostre giocatrici sono di sesso femminile”.

La manifestazione, che si disputerà dal 6 giugno al 5 luglio, vedrà i suoi incontri disputarsi ad  Edmonton, Moncton, Montreal, Ottawa e Vancouver. Alla fase finale partecipano 24 squadre: l’Italia non sarà presente dopo essere stata eliminata nei play-off dall’Olanda nello scorso autunno.

 

 

Mondiale Donne 2019: scelta la Francia come sede

E’ stata la Francia ad aggiudicarsi l’assegnazione per la sede dove disputare i Mondiali femminili di calcio nel 2019 da parte della FIFA. Il paese transalpino ha battuto la concorrenza della Corea del Sud e per la prima volta avrà l’onore di ospitare una competizione per nazioni in campo femminile. La Francia dunque prosegue sull’onda lunga che gli ha visto già assegnati gli europei 2016.