Genoa – Roma vietata per gli ultras giallorossi

In base alle decisioni dell’Osservatorio  Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, il prossimo match di campionato fra Genoa e Roma si disputerà regolarmente a Marassi all’orario canonico delle 15.00 di domenica, subendo però alcune limitazioni. Come pubblica la società genoana sul proprio sito, è stata disposta la chiusura del settore ospiti, il divieto di vendita ai residenti nella regione Lazio, il divieto di vendita on-line ed è stata consentita la vendita dei tagliandi nelle sole ricevitorie abilitate nella regione Liguria.

Gasperini: giusta la nostra vittoria contro l’Inter

Sfida molto importante per il suo passato da interista quella di oggi a Marassi per Gasperini , tecnico del Genoa che lasciò la compagine nerazzurra già nel settembre del 2010 ad inizio torneo. E la vittoria maturata nei minuti finali grazie ad un goal di Antonelli, dopo le polemiche di inizio settimana, lo portano ai microfoni di Sky ad essere raggiante: “Abbiamo giocato una bella partita, era difficile su questo campo e l’Inter fisicamente è una squadra che ci dà qualche centimetro, ma il Genoa ha fatto benissimo. Siamo stati premiati da questa vittoria che per noi è importantissima. E’ indubbio che i nostri tifosi siano un aiuto e uno stimolo importante, i giocatori danno qualcosa di più, oggi si è visto a livello di intensità: abbiamo tenuto testa costantemente all’Inter, anche con occasioni importanti per fare gol. Polemiche alla vigilia? Con i giocatori dell’Inter ho sempre mantenuto un rapporto di stima e rispetto, casomai le parole al veleno le ho subite io”.

Sampdoria: Rossi non si tocca, è confermato

Ennesima sconfitta dei blucerchiati sul campo di San Siro contro un Milan rimaneggiato, ma il ds Sagramola conferma che l’allenatore Delio Rossi non è a rischio, come conferma l’intervista riportata dal quotidiano genovese Il secolo XIX: «Rossi gode della nostra totale fiducia. Penso che non debba dimostrare qui alla Sampdoria quello che sa fare. E’ un tecnico di grande esperienza, la sua carriera parla per lui. Ha ottenuto dei risultati importanti con tante squadre. Insomma, non lo scopriamo noi e tra l’altro lo ha dimostrato anche nello scorso campionato, quando ha portato la Samp a quota 35 punti in poche partite. In questo momento oggettivamente difficile, in mancanza di risultati, la squadra ha perso sicurezza. Lui deve ritrovare la quadratura del cerchio e siamo convinti che ce la farà».

Preziosi: no a Cassano, troppo rischioso

Gustoso incontro di mezzogiorno ieri a Marassi dove il Genoa ha ottenuto il punto necessario per la salvezza e la contemporanea sconfitta del Palermo a Firenze garantisce al Grifone un’altra stagione nella massima serie. Ma era anche l’occasione per rivedere sul terreno di gioco nello stadio che lo ha visto protagonista in passato con i colori del club blucerchiato.

L’ipotesi di mercato che circolava nelle ultime ore era il ritorno di FantAntonio a Genova, ma Preziosi ha messo subito i paletti: «Nonostante gli ottimi rapporti tra noi non è un’operazione fattibile, ci sono costi troppo alti di mezzo e voglio assolutamente evitare certi rischi».

Sampdoria – Inter: i convocati delle due squadre per il recupero di domani

Portieri: Berni, Da Costa, Romero.
Difensori: Berardi, Castellini, De Silvestri, Gastaldello, Mustafi, Poulsen, Rodriguez, Rossini.
Centrocampisti: Krsticic, Maresca, Munari, Obiang, Palombo, Poli, Renan, Soriano.
Attaccanti: Estigarribia, Icardi, Maxi Lopez, Sansone.

Portieri: Handanovic, Belec, Juan Pablo Carrizo;                                                                 Difensori: Silvestre, Ranocchia, Samuel, Pasa, Alvaro Pereira, Juan Jesus, Jonathan; Centrocampisti: Zanetti, Schelotto, Kovacic, Alvarez, Guarin, Kuzmanovic, Gargano, Benassi;                                                                                                                                 Attaccanti: Palacio, Rocchi, Cassano.

Per Allegri, scudetto alla Juve al 99,9%

“La Juventus vincerà lo scudetto al 99,9%. Impossibile riprendere 11 punti ad una squadra così solida e poi noi dovremo praticamente vincerle tutte”. Così Massimiliano Allegri in conferenza stampa alla vigilia della sfida con il Genoa intende spegnere ogni velleità dei tifosi rossoneri di trionfare in campionato.

E preferisce accendere  i riflettori sulla sfida di stasera contro i rossoblù: “Domani (oggi n.d.r.) andrà in campo la formazione migliore, senza alcun turnover. L’obiettivo è la partita contro il Genoa, al Barcellona penseremo dopo”. “Il nostro obiettivo è difendere il terzo posto in campionato, in Champions sappiamo che può succedere qualsiasi cosa. L’altro giorno in Real-Manchester una decisione dell’arbitro ha rotto l’equilibrio della partita”.”Il mio contratto non è una priorità perché abbiamo due partite molto importanti davanti. Se arriveremo nelle prime tre posizioni in campionato sarà stata una buona stagione”.

Genoa – Milan: ordine pubblico sempre sotto controllo

In vista della partita Genoa-Milan, in programma venerdì allo stadio Luigi Ferraris con inizio alle 20.45, domani e’ stata convocata alla Prefettura di Genova una riunione del Comitato d’ordine e sicurezza pubblica.

Vi parteciperanno le forze dell’ordine, il sindaco di Genova, il commissario straordinario della Provincia, il direttore generale della Lega calcio serie A, il delegato provinciale del Coni, l’amministratore delegato del Genoa, il referente del Milan e il referente del Consorzio Stadium. Nel dicembre 2011, data dell’ultimo confronto nel capoluogo ligure fra le due squadre, le tensioni tra le tifoserie, ancora molto accese  dopo l’uccisione del tifoso genoano Vincenzo Spagnolo, accoltellato da un ultra’ milanista nel gennaio 1995 a Marassi – avevano portato ad una sospensione della partita per alcuni minuti a causa dei lacrimogeni lanciati dalle forze dell’ordine all’esterno dello stadio.

Sampdoria: Edoardo Garrone nuovo presidente

Ufficiale il cambio alla guardia del club doriano, lo rende noto in un comunicato ufficiale apparso sul sito : “Riunitosi in data odierna nella sede blucerchiata di piazza Borgo Pila 39, il Consiglio di Amministrazione della società ha nominato Edoardo Garrone quale Presidente dell’U.C. Sampdoria S.p.a. Il Cda ha inoltre ratificato la nomina di Monica Mondini (già consigliere a partire dal maggio 2004) quale Vicepresidente accanto a Fabrizio Parodi e di Paolo Lanzoni quale Consigliere (ruolo già ricoperto nel 2002)”.

Per Delio Rossi, il match con la Roma è decisivo

Arrivato sulla panchina blucerchiata  quando la squadra pareva allo sbando sotto il punto di vista dei risultati, Delio Rossi in poco più di un mese ha risollevato nettamente il club doriano, arrivando anche a sbancare lo Juventus Stadium e lanciando definitivamente il talento argentino Icardi.

Domenica arriverà a Marassi la Roma, e la situazione appare totalmente ribaltata, con il fresco licenziamento di Zeman ed una squadra giallorossa in piena involuzione. Sul sito ufficiale sampdoriano, nella conferenza stampa di presentazione del match, il tecnico è stato molto chiaro: “Per noi è una partita spartiacque. Veniamo da buone prestazioni e se continueremo così, ci avvicineremo prima alla nostra meta. Se invece non affronteremo la partita con lo spirito giusto diventerà insidiosa e il nostro campionato prenderà una brutta piega”.

La Samp guarda avanti: che domenica sia una festa

Ieri il giorno della tristezza  per la celebrazione dei funerali del patron della squadra blucerchiata, che ha fermato la Genova sportiva e non, vedendo la la partecipazione di tutto il mondo del calcio italiano.

Oggi il figlio Edoardo, sul sito ufficiale, ha voluto scrivere una lettera a tutti i tifosi della Doria : “A nome mio e della mia famiglia intendo ringraziare tutti, tifosi blucerchiati e non, per le manifestazioni d’affetto e di cordoglio ricevute in questi giorni e per la presenza sentita e rispettosa in occasione della giornata di ieri. Domenica la Sampdoria giocherà la prima partita senza mio padre, senza il Presidente. Lui amava Marassi in festa e vorrei fosse ricordato con gioia e allegria. Proprio per questo chiedo ai sampdoriani di onorare la sua memoria riempiendo e colorando di bandiere blucerchiate tutto lo stadio. Sarà, ancora una volta, orgoglioso di voi.  Edoardo Garrone”.