Quando Mancini segnò contro la sua Inter

Stagione 1998/99 Inter – Lazio arrivò al quinto turno di andata. Pochi mesi prima a Parigi, in una notte di maggio, i nerazzurri avevano trionfato sui biancocelesti nella finale di Coppa Uefa per 3-0 e nella notte di san Siro i laziali si presero una sonante rivincita. Nel tabellino dei marcatori anche un certo Roberto Mancini, che nella stagione seguente riuscì a vincere lo scudetto nella città capitolina.

San Siro, 18 ottobre 1998                                                                                                       

INTER: Pagliuca, Silvestre, Bergomi, Colonnese, Moriero (54′ Ventola), Winter, Dabo (64′ Zé Elias), Simeone, Zanetti, Djorkaeff, Zamorano. A disp. Mazzantini, Paulo Sousa, Galante, Pirlo, Cauet. All. Simoni.
LAZIO: Marchegiani, Pancaro, Fernando Couto (68′ G.Lopez), Mihajlovic, Favalli, Sergio Conceicao, Venturin, Almeyda, Nedved, Salas (15′ Gottardi), R.Mancini (48′ Baronio). A disp. Ballotta, Baronio, Iannuzzi, Lombardi, Marcolin. All. Spinosi – DT Eriksson.
Arbitro: Boggi (Salerno).
Marcatori: 1′ Salas, 22′ Winter, 36′ Sergio Conceicao, 40′ R.Mancini, 53′ Sergio Conceicao, 74′ Nedved, 77′ Ventola, 96′ Ventola.

Javier Zanetti: Inter, credo al terzo posto

Capitano coraggioso in campo e dirigente sempre teso al risultato: così l’argentino Javier Zanetti dimostra di non aver mai mollato la presa, nemmeno uscito dal rettangolo di gioco. Dopo la vittoria di ieri sera contro il Chievo, la prima per Mancini in panchina dal suo ritorno all’Inter, l’ex capitano ha dichiarato in occasione della sua presenza a New York al palazzo dell’ONU: “Terzo posto? Speriamo, sono molto fiducioso. Mi auguro che Mancini insieme ai calciatori possa fare un ottimo lavoro”.

Inter: Sylvinho già a Milano per lavorare con Mancini

Prima giornata nerazzurra per il nuovo assistente di Roberto Mancini: è infatti arrivato alla Pinetina Mendes de Campos Sylvio, più semplicemente Sylvinho, per pranzare assieme al tecnico dell‘Inter e l’intero staff tecnico. Il vice – Mancio vanta già nel suo recente passsato collaborazioni con il tecnico di Jesi, avendo lavorato al Manchester City.

Inter – PSG, amichevole in Marocco a dicembre

Amichevole di lusso fra l’Inter di Mancini ed il PSG di Blanc è stata programmata per il 30 dicembre prossimo a Marrakech. Lo ha reso noto la federazione calcistica del Marocco in un comunicato, aggiungendo che sede del match sarà il Grande stadio di Marrakech, con una capienza di oltre 40.000 posti, Solo dieci giorni prima sarà la location della finale del Mondiale per club.

Adani: niente Inter, rimango in tv su Sky

L’ex difensore di Inter e Brescia Daniele Adani ha deciso di non continuare con la carriera in panchina: dopo che nelle ultime ore le voci che lo volevano come tecnico in seconda sulla panchina dell’Inter, voluto dal subentrato Mancini, ha pubblicato sul suo profilo Twitter una nota in ci conferma di voler continuare ad apparire sui canali Sky in veste di opinionista.

“Sono abituato a parlare di calcio alla gente, ma è difficile per me farlo se l’argomento in questione sono io. Sento tuttavia la necessità di spiegare come sono andate le cose in questi giorni, soprattutto perché ci tengo molto a dire grazie a Roberto Mancini – fuoriclasse in campo, in panchina e nella vita – per avermi ritenuto all’altezza di fare parte del suo staff nella nuova avventura all’Inter. Umanamente, prima ancora che professionalmente, l’attenzione che Roberto ha dimostrato nei miei confronti è una delle più grandi dimostrazioni di stima che ho ricevuto nella mia carriera. Una carriera che negli ultimi anni ha preso una strada che mi entusiasma e affascina, un percorso che non pensavo potesse diventare così importante per me. Ho la fortuna e il privilegio di poter raccontare il calcio con tutto l’amore e la passione che ho per questo gioco e voglio continuare a farlo, con professionalità, dedicandovi tutto il mio tempo. Per me contano la parola data, i rapporti, i progetti da portare avanti giorno dopo giorno, tutte cose che mi legano a Sky, luogo ideale per lavorare come piace a me. Con i miei “compagni di squadra” abbiamo ancora tanta strada da fare insieme. E tanta strada farà certamente l’Inter di Roberto Mancini, una persona speciale, al quale auguro davvero il meglio per il futuro. Grazie a tutti per i fantastici messaggi di questi giorni… ci vediamo in onda! Daniele”

Mancini torna all’Inter? Lo dice Cuper

Dopo Walter Mazzarri, sempre che il tecnico livornese saluti a fine stagione, potrebbe essere la volta del ritorno di Roberto Mancini in nerazzurro. Lo dice l’ex, a sua volta allenatore interista Hector Cuper, che ha confidato alla stampa turca in occasione di un evento pubblicitario a cui ha partecipato Cuper, attualmente tecnico Al-Wasl in Qatar : «L’Inter è pronta a chiedergli di tornare. Lui non è felice al Galatasaray e vorrebbe tornare in Italia», ed ha aggiunto: «Il club nerazzurro ha già iniziato a parlare con lui. A breve potrebbe anche arrivare una proposta formale».

Mancini: il Galatasaray è un grande club

Appena sbarcato in Turchia per firmare con il club di Istanbul, Roberto Mancini è subito ripartito con la squadra alla volta di Torino, dove stasera disputerà l’incontro chiave per tenere accesa la speranza di passaggio del turno. Ed il tecnico jesino è assai contento della scelta fata, come ripete ai microfoni di Sky Sport: «E’ successo tutto in fretta. Non me l’aspettato, forse nemmeno il club. Il Galatasaray è un grande club in Europa, il più grande di Turchia e non ho avuto dubbi nel rientrare immediatamente in gioco. Si qualifica sempre in Champions League, vince spesso il campionato e quindi ci sono i presupposti per far bene. E’ bello che il mio ritorno coincida con la partita con la Juventus. Non conosco il campionato turco ma conosco bene la squadra, Istanbul è una grande città e spero che possa essere un’esperienza bella e vincente».

In merito alla possibilità di arrivare un giorno alla Nazionale italiana ha detto: «Sono state scritte molte cose, tante inesatte. Io ho un contratto di 2 anni e mezzo con il Galatasaray e vediamo come andranno le cose».

Mancini conferma il 2° portiere per la finale di FA Cup

Sarà ancora il 12° a disposizione di Roberto Mancini, ovvero Costel Pantilimon, a scendere in campo peer il Manchester City nella finale di FA Cup, in programma sabato a Wembley contro il Wigan. Lo stesso tecnico italiano ha confermato: “Abbiamo deciso dall’inizio della stagione di far giocare Pantilimon in coppa, quindi sabato lui merita di giocare. Hart ha vinto la FA Cup due anni fa e il campionato lo scorso anno; è il miglior portiere in Inghilterra e sono convinto che sia felice di vedere giocare sabato il suo secondo.”

In questa stagione Pantilimon, portiere anche della nazionale del suo paese, ha disputato 5 matches di FA Cup, 1 in League Cup e la Community Shield vittoriosa in agosto contro il Chelsea.

 

 

Moratti conferma Stramaccioni: lui diverso da Mancini e Zaccheroni

“Si riparte con Stramaccioni”. Lapidario Massimo Moratti che ieri mentre entrava negli uffici della Saras ha dato già direttamente la notizia che il tecnico romano sarà sulla panchina nerazzurra anche per la prossima stagione. “La sua situazione è diversa da quella di Zaccheroni e anche di Mancini, che decise di uscire e poi ci ripensò quando era troppo tardi”, ha precisato Moratti che ha voluto così separare nettamente le diverse storie.

“Nelle condizioni attuali far bene è già una cosa importante, ma l’orgoglio può portarci a fare anche meglio di quanto avessimo pensato”, è stato il commento sull’attuale stagione, a so dire ancora positiva, nonostante gli alti e bassi continui.

Successo per il City di Mancini, ma la vetta dista ancora tanto

Successo esterno per il City di Mancini che sbanca il Villa Park con una rete dell’argentino Tevez allo scadere della prima frazione. La partita cambia quando , al 25° del primo tempo, Mancini deve sostituire per infortunio  il centrocampista Jack Rodwell e viene rimpiazzato da Dzeko mentre Yaya Toure viene posizionato dietro la linea mediana per sostenerla. Con la sconfitta i Villans rimangono in terzultima posizione in Premier League, in piena lotta per non retrocedere mentre i Citizens rimangono a 12 punti dalla vetta, dove si trovano i concittadini dello United.

Aston Villa Guzan – Clark – Bennett – Baker – Lowton – N’Zogbia (Holman – 65′ ) – Westwood (El Ahmadi – 85′ ) – Delph – Agbonlahor – Benteke – Weimann (Dawkins – 84′ )

Manchester City Hart – Zabaleta – Clichy – K Toure – Nastasic – Milner – Garcia – Rodwell (Dzeko – 25′ ) – Silva (Barry – 90′ ) – Y Toure – Tevez (Nasri – 75′ )

Marcatore : Tevez 45°

Ammonizioni:  Delph e Benteke (AV)