Lazio – Lotito: per sempre assieme

Sarà perché il calcio italiano è in grave crisi economica e dunque i club sono più facilmente acquistabili, ma non passa giorno che non si vociferi di trattative fra sceicchi arabi, magnati russi, capitalisti americani o quant’altro che intendano mettere le mani sulle società italiane.

A tal proposito ieri era apparsa la notizia che la Lazio fosse nelle mire di un imprenditore arabo,  Khalid Al Shoaibi, il quale avrebbe offerto  la cifra di  80 milioni di euro per rilevare il pacchetto azionario in possesso di Lotito che ammonta al 66,692% della Società Sportiva Lazio S.p.a. Ma il numero uno biancoceleste smentisce e chiarisce: “La Lazio non è in vendita e non ho ricevuto offerte da nessuno. 80 milioni? È una cifra ridicola – dice il presidente a Lalaziosiamonoi.it -. Il club oggi vale molto di più, ma in verità non mi sono neanche posto il problema di saperne il valore: per me questa società è incedibile. Poi,lo ripeto, non ho ricevuto offerte ufficiali e non incontrerò nessuno. Mi sembrano sempre voci uscite ad arte, soprattutto in periodi particolari, nei momenti di difficoltà della squadra o in vista di appuntamenti importanti”.

Colpo Lazio: preso Felipe Anderson

Un colpo solo rinviato per Lotito: la trattativa doveva chiudersi entro la fine del mercato di gennaio, ma le operazioni sono state solo rinviate di qualche giorno.  E’ stato trovato l’accordo per il brasiliano Felipe Anderson che sbarcherà nella Capitale a luglio.

Lotito è riuscito a strappare l’ingaggio per la cifra di dieci milioni di euro, accordandosi prima con il Santos e poi col fondo inglese che deteneva il 30% dei diritti economici del giocatore che in precedenza aveva bloccato l’affare. L’intesa va solo formalizzata, mancano le firme, arriveranno in tempi brevi.

Il giocatore firmerà un contratto per cinque anni, e l’operazione non era andata in porto prima in conseguenza del fatto che le due parti comproprietarie del cartellino non avevano trovato l’accordo fra di loro per la divisione dell’incasso.

Colpo Lazio: preso Saha per sostiutire Klose fermo ai box

Klose si ferma per circa due mesi, quelli caldi della stagione ed il presidente Lotito non ci pensato su troppo. E dunque a disposizione di mister Petkovic arriva Louis Saha, francese e svincolatosi dal club inglese del Sunderland.

A comunicarlo tramite il proprio sito, l’attaccante 34enne è stato presentato oggi nel tardo pomeriggio  presso il centro sportivo di Formello. L’ex Manchester United si sarebbe legato alla Lazio sino al termine della stagione per un ingaggio di circa 500mila euro.

Dialogo in casa Lazio: Marchetti risponde a Lotito

La sconfitta contro il Genoa in pieno recupero ha acceso gli animi in casa laziale. Pur nell’ambito di una civile discussione, il presidente Lotito ha mostrato il suo disappunto, segno che conta molto su questa stagione per rientrare nel giro tricolore.

Lotito: “Alla Lazio serve la mentalità del Milan” e poi in merito alla sconfitta di ieri: “Perdere a Genova a venti secondi dalla fine è abbastanza da ingenui: ma non è un problema di qualità tecnica della rosa, piuttosto di mentalità”.

Dal ritiro azzurro il guardiano dei pali biancocelesti ha risposto da par suo: “Mentalità vincente? C’è. Non avremmo recuperato due gol”.

Il vero obiettivo di mercato per la Lazio è tenere Petkovic

Seconda in classifica a cinque punti dalla capolista Juventus, sul cui terreno ha strappato un sofferto 0-0, semifinalista in Coppa Italia contro gli stessi bianconeri ed agli ottavi di Europa League. Niente male per la compagine laziale, partita in sordina in estate e guidata da quel giramondo di Vladimir Petkovic, sconosciuto alla maggioranza e senza esperienze in campionati di grido.

Ora la dirigenza laziale vuole anticipare le possibili mosse degli avversari ed è intenzione di Lotito e del suo staff proporre al tecnico un contratto sino al 2016. L’attuale accordo scadrà nel 2014: due anni in più di durata e ingaggio più ricco, sarebbero queste le basi su cui trattare.

Buona Compleanno Lazio, 113 anni di storia

Subito dopo il campo, con il raggiungimento delle semifinali di Coppa Italia grazie alla vittoria sul Catania, è iniziata la festa. La Lazio infatti festeggia oggi 9 gennaio il suo compleanno, essendo nata nell’anno 1900 e compie dunque 113 anni di storia. Già nella serata di ieri la più grande polisportiva d’Europa, che consta ben 57 discipline al suo interno, ha visto allo scoccare della mezzanotte a Piazza della Libertà l’esibizione di fuochi pirotecnici e giochi di luce allestiti per l’occasione.

A partire dalle ore 18 di oggi le manifestazioni organizzate per l’evento avranno il loro culmine con  l’appuntamento a Viale Tor di Quinto presso l’American Circus della famiglia Togni che ha preparato lo spettacolo «It’s Magic» interamente dedicato alla grande festa della Lazio e che vedrà la partecipazione di rappresentanti di ogni disciplina della polisportiva laziale.

Zarate ed il presepe di Formello

Curiosa espressione quella usata dall’argentino Mauro Zarate per esprimere il suo disappunto in merito alla situazione che ha passato nei primi mesi della stagione 2012-13. Vicino ad una possibile cessione presso altri lidi dove posa esprimere il suo talento, che nelle ultime due stagioni è parso molto in ribasso, l’attaccante della Lazio ha usato un’immagine natalizia curiosa con un post su Twitter: “In partenza per Roma! A fare il pastore di Formello per un anno”.

Il Presidente Lotito, tirandosi fuori dalla polemica con garbo, ha risposto ai microfoni di Sportitalia: “Non bado a queste cose, non seguo i social network. Io non rispondo perché sono i dipendenti che devono rispondere alle scelte della società e non la società che deve rispondere alle loro frasi”.

Tifosi Tottenham aggrediti: spunta un ultrà della Roma

Spunta un tifoso della Roma nel gruppo di ultras che mercoledì notte ha aggredito dieci supporters del Tottenham, in un pub della capitale. Uno di questi è in prognosi riservata a causa dell’aorta lesionata. La doverosa specifica su uno dei responsabili accertati, fa seguito alla notizia – fatta circolare forse con troppa superficialità – che dava di matrice laziale il raid della vigilia di Lazio-Tottenham.

Sulla questione è intervenuto anche il presidente biancoceleste, Claudio Lotito: ”I tifosi della Lazio non c’entrano niente con quello che è successo a Campo de’ Fiori. Sui veri responsabili ci saranno sorprese. Troppo facile parlare di aggressione realizzata da gente a volto coperto e dire che si tratta di tifosi laziali. Non è così, lo sapete ad esempio che tra questi folli, delinquenti da punire in maniera dura, c’erano anche tre stranieri? Ribadisco, i laziali non c’entrano”.

Le indagini sono ancora in corso e i filmati delle telecamere di sorveglianza non hanno detto tutto. E’ possibile che davvero il futuro prossimo riservi nuove e scioccanti sorprese.

Clamoroso: Gazza Gascoigne torna a Roma

In occasione del match di Europa League di giovedì prossimo alle ore 19.00 all’Olimpico fra Lazio e Tottenham, Paul Gascoigne sarà presente sulle tribune, lui ex di entrambe le squadre. La conferma è arrivata dal presidente dei biancocelesti Lotito ai microfoni di Lazio Style Radio.

“Ho pensato che in occasione di Lazio – Tottenham fosse un obbligo da parte nostra invitare allo stadio e a Formello Paul Gascoigne, un grande campione che ha rappresentato la storia del nostro club, ha entusiasmato tutti i beniamini all’epoca ed è ancora nei cuori di tantissimi tifosi proprio per la grinta, il carattere e per le grandi giocate che ha regalato. Gascoigne ha avuto un atteggiamento estremamente positivo quando gli è stata prospettata questa opportunità perché l’ha riportato indietro nel tempo facendogli rivivere quei momenti, consentendogli di capire che l’affetto della gente laziale nei suoi confronti non è mai cessato. Paul sarà protagonista di tante iniziative perché vorrei che rappresentasse una testimonianza del passato e far capire ai giovani quanto siamo predisposti a tutelare i valori storici di questo club e a tramandarli”.

Juventus – Lazio: i precedenti

Sono 68 i matches disputati in totale fra bianconeri e biancazzurri: il bilancio è nettamente a favore della Juventus, con ben 43 vittorie contro le 8 di marca laziale, i pareggi sono 17. L’ultimo successo della Lazio risale  alla giornata 14 della stagione 2002/2003 e finì con il punteggio di 1-2 (P.Nedved S.Fiore S.Fiore ), ma i bianconeri festeggiarono lo scudetto al termine del campionato. L’ultimo pareggio è stato invece registrato nella stagione 2009/10 con il punteggio di 1-1, reti di Del Piero (su rigore) e Mauri

Gli ultimi due incontri registrano la vittoria degli uomini del presidente Agnelli con identico punteggio di 2-1 e sempre con un goal ottenuto nei minuti finali dell’incontro, l”anno scorso fu Alex del Piero su punizione a contribuire  alla vittoria mentre l’anno prima fu un’azione di Krasic al 94° (!) a determinare l’autorete del portiere ospite Muslera.