Arda Turan sui biglietti da 10 euro!

 

L’Atletico Madrid ha deciso di celebrare il raggiungimento dei 10 milioni di Like su Facebook in maniera alternativa ed originale. La dirigenza dei colchoneros ha infatti deciso di mettere in vendita al prezzo di 10 euro, 500 posti per il match di Liga contro l’Almeria del prossimo 21 febbraio. Inoltre, chiunque andrà sul sito del club di Madrid oggi e farà un click sull’immagine di Arda Turan impressa su una banconata da 10 euro, potrà usufruire di sconti, sempre del 10% su prodotti ufficiale della squadra campione in carica di Spagna.

Valencia: l’ex presidente voleva rapire il suo successore!

Clamoroso a Valencia, parafrasando la storica frase di un radiocronista. L’ex numero uno del club Juan Soler, è stato infatti arrestato oggi con l’accusa di aver tentato di rapire il suo successore, Vicente Soriano, rimasto in carica per un solo anno. Secondo il resoconto riportato sui quotidiani spagnoli, Soler avrebbe tentato l’operazione in seguito a presunti mancati versamenti di quote relative al passaggio della società. Un’intercettazione telefonica avrebbe però svelato il piano criminoso. Soler è stato rilasciato perché Soriano non ha presentato denuncia, con l’ordine restrittivo di non avvicinarsi a meno di venti metri da Soriano.

La maglia catalana non porta bene al Barca: ancora zero vittorie

Scelta con orgoglio dalla dirigenza del Barcellona per dimostrare il senso di appartenenza alla Catalogna, la maglia a strisce giallorosse non porta bene alla squadra dato che al momento, utilizzata in cinque occasione e tutte in trasferta, non ha mai visto alcuna vittoria.

I matches che hanno visto indossare a Iniesta e compagni la camiseta “senyera” sono stati dapprima l’amichevole estiva di lusso contro il Bayern Monaco dell’ex Guardiola, finita con una sconfitta per 2-0. Poi i pareggi in sequenza (1-1) in Supercoppa del Re contro l’Atletico di Madrid, in Liga contro l’Osasuna (0-0) ed in Champions contro il Milan (1-1). Infine ieri è arrivata la prima sconfitta stagionale al San Mames contro l’Atletico di Bilbao per 1-0 ed in questo modo sono stati raggiunti in vetta alla classifica dall’Atletico Madrid

 

Casillas: Real mio unico amore

Ha vissuto il tentativo di rimonta dalla panchina, dopo che il tecnico Mourinho gli ha preferito ormai da un paio di mesi il suo dodicesimo, ma il morale non si è abbassato. e forse, in virtù del fatto che l’addio dell’allenatore portoghese è pressoché certo, Iker Casillas si permette di considerarsi ancora il titolare. Ecco dunque che le sue ultime dichiarazioni su quello che verrà sono anche dettate da alcuni certezze tecniche.

“Il mio futuro è al Real perché ho un contratto, sono qui da nove anni e perché questo è il club della mia vita dove mi piace stare. Ora dobbiamo pensare a fare più punti possibili nella Liga e concentrarci sulla finale di Copa del Re che si disputerà al Bernabeu e che dobbiamo vincere per i nostri tifosi”. Sulla finale di Champions tutta tedesca poi: “Complimenti a Bayern e Borussia, hanno meritato. A fine match ho abbracciato tutti i miei compagni perché hanno fatto uno sforzo immenso. L’anno che verrà il Real Madrid sarà ancora in lizza per approdare in finale e cercare di vincere la ‘Decima’.

Il Barca e Messi: matrimonio fino al 2018 pronto

Leo Messi diventerà presto l’ultimo giocatore a legarsi al club estendendo il contratto dopo i recenti allungamenti del capitano Carles Puyol e Xavi . Giovedì, al ritorno dall’amichevole a Stoccolma contro la Svezia, firmerà il rinnovo con il Barcellona fino al 30 giugno 2018.

Come annunciato lo scorso 18 dicembre, il sito ufficiale del club catalano ha pubblicato il comunicato ufficiale, spegnendo così ogni possibile illazione su cambi di casacca.

Paura Juve: Llorente salta il match di Liga per infortunio

Problema al ginocchio per Fernando Llorente , neo – juventino, nell’allenamento di rifinitura di sabato mattina. In uno scontro è caduto a terra tenendosi il ginocchio. E’ subito uscito dal campo e, ovviamente, non è stato convocato da Bielsa per la partita di ieri sera contro l’Atletico di Madrid che i suoi compagni hanno vinto per 3-0.

Oggi verranno disputati i primi accertamenti; i medici bianconeri, come da regolamento, non possono intervenire nella questione in quanto il giocatore è tesserato fino a giugno con il club  basco.

E’ fatta : Pepito Rossi torna in Italia

Bella notizia per il calcio italiano: Giuseppe Rossi, dopo 5 anni trascorsi in Spagna nelle fila del Villareal, torna a vestire la maglia di una squadra italiana, quella della Fiorentina.
Seppure ancora fermo ai box per l’infortunio patito nella scorsa stagione che lo ha costretto ad una doppia operazione al ginocchio, Rossi è stato acquistato dai viola.

Il comunicato sul sito della squadra gigliata recita così: “ACF FIORENTINA e CF VILLARREAL SAD confermano di aver raggiunto un accordo per il trasferimento del calciatore GIUSEPPE ROSSI a titolo definitivo, subordinato alla firma del contratto economico da parte dello stesso”.

L’accordo fra le due società è stato raggiunto sulla base di   circa 10 milioni di euro più bonus per una cifra complessiva intorno ai 16 milioni mentre per il giocatore è previsto un contratto di 4 anni a poco più di due milioni di euro a stagione più bonus legati al rendimento.

Una multa per il sovrappeso, in Spagna ha funzionato

In Spagna e più precisamente al Valladolid, squadra militante nella Liga, hanno trovato un metodo efficace per scongiurare  il rientro  dalle feste dei giocatori in sovrappeso. il tecnico serbo Miroslav Djukic aveva infatti dato disposizioni in merito ad una possibile multa qualora non si fossero rispettati i parametri.

La penalizzazione decisa era la seguente: per ogni 100 grammi che superava il chilo e mezzo concesso per le feste natalizie, i giocatori incorsi in peccati di gola avrebbero  dovuto pagare 100 euro. Il risultato è stato ottimo, perchè nessuno ha sgarrato alla ripresa degli allenamenti.

“I giocatori sono professionisti, sanno che devono controllarsi molto e lo hanno fatto al di là che vi fosse una multa in caso contrario. Tutta la squadra è in condizioni perfette”, ha spiegato Djukic al quotidiano spagnolo Marca.