Serie B: Goal line technology nei prossimi play-off

Il Presidente della Lega di Serie B Abodi ha parlato ai microfoni di Gr Parlamento in merito all’utilizzo di strumenti che possano aiutare gli arbitri nel dirimere la questione annosa del goal- no goal. Ed ha espresso il suo pensiero netto in merito: “Gli arbitri, per quanto possano far bene, non possono fare a meno della tecnologia: nella prossima assemblea chiederò di adottare il “gol-non gol” per i playoff; ma credo che la scelta debba essere fatta a 360 gradi, in campo e fuori. La Goal line technology è troppo grande per noi dal punto di vista finanziario ma dal prossimo campionato si potrebbe attuare nei playoff”.

Serie B: contro il calcioscomesse Abodi introduce il difensore civico

Nel corso del convegno progetto «Stop Match Fixing», tenutosi a Roma presso Unioncamere, il presidente della Lega di Serie B Abodi ha presentato la proposta che sarà introdotta nel prossimo torneo cadetto, ovvero la figura del “difensore civico” che lavorerà fianco a fianco di tecnici e calciatori per informarli sui comportamenti che potrebbero essere passibili di sanzioni. E ricordando che il lavoro deve partire dalla base, ha dichiarato: «Se non c’è credibilità si perde tutti. Ecco perché la formazione deve partire dal basso per poi alzare il livello dell’impegno senza equivoci, perché esistono fatturati di varia natura che sono interdipendenti tra di loro. Ma l’etica viene prima delle palestre».

Serie A: l’elenco di anticipi-posticipi fino a gennaio

Le Lega di Serie A ha determinato gli anticipi e posticipi dal 18° turno di andata al 2° di ritorno: il big match fra le due prime in classifica, sarà in posticipo al 5 gennaio per dare un buon inizio al nuovo anno solare. Di seguito il calendario completo.

18a giornata andata:
domenica 5 gennaio
ore 15 Chievo-Cagliari;
ore 18 Fiorentina-Livorno;
ore 20.45 Juventus-Roma;

lunedì 6 gennaio
ore 12.30 Napoli-Sampdoria;
ore 18.30 Lazio-Inter;

19a giornata andata:
sabato 11 gennaio
ore 18 Livorno-Parma;
ore 20.45 Bologna-Lazio;

domenica 12 gennaio
ore 12.30 Torino-Fiorentina;
ore 20.45 Sassuolo-Milan;

lunedì 13 gennaio
ore 19 Sampdoria-Udinese;
ore 21 Inter-Chievo;

1a giornata ritorno:
sabato 18 gennaio
ore 18 Roma– Livorno;
ore 20.45 Juventus-Sampdoria;

domenica 19 gennaio
ore 12.30 Udinese-Lazio;
ore 20.45 Milan-Verona;

2a giornata ritorno:
sabato 25 gennaio
ore 18 Napoli-Chievo;
ore 20.45 Lazio-Juventus;

domenica 26 gennaio
ore 12.30 Verona-Roma;
ore 20.45 Fiorentina-Genoa.

Abodi rieletto presidente della Lega di Serie B

Era stata chiesta la disponibilità da parte dei presidenti della serie cadetta e così è stato. Andrea Abodi è stato infatti rieletto all’unanimità (22 voti su 22) presidente della Lega di serie B al termine dell’assemblea elettiva svoltasi oggi. Al suo fianco, in qualità di vicepresidente, è stato indicato il vicepresidente del Crotone Salvatore Gualtieri.
Sono stati inoltre eletti i consiglieri Carlo Accornero, presidente del Novara, Andrea Corradino, vicepresidente dello Spezia, Francesco Ghelfi, in rappresentanza dell’Empoli, Enzo Montemurro del Varese e Gianluca Sottovia del Padova.

Alvarez punta sul 2013…in nerazzurro

Finora l’argentino Alvarez non ha stupito ancora i fans sulle tribune di San Siro. Arrivato dal Sudamerica con i titoli da star e di possibile fenomeno , in un anno e mezzo non ha ancora saputo far rimanere a bocca aperta lo staff nerazzurro come invece seppe fare nelle fila del Velez.
Sulla pagine Facebook della Lega di Serie A si è voluto lanciare in proclami ben auguranti per il futuro di un giocatore che farebbe bene al calcio italiano: “Spero in un anno senza infortuni, perché non mi hanno permesso di esprimermi come vorrei in Italia”.

Ma ciò che è rimasto nel cuore e nella mente finora del giovane Ricky sono state le due due sfide cittadine giocate: “Assolutamente i due derby che ho giocato. E’ stato un sogno divenuto realtà per me vincerli entrambi”.Infine, conclude: “Non c’è nulla di più bello dello stadio il giorno derby, quando è pieno. Il derby di Milano attira, poi, l’attenzione di tutto il mondo, anche in Argentina”.

Galliani, Abbiati e il labiale della discordia (video)

Mettici una prima parte di stagione travagliata, sia tua che della squadra in cui giochi. Mettici che hai fatto più errori da settembre a novembre che in tutta la scorsa stagione. Aggiungici che l’amministratore delegato della società in cui militi, appena entra in uno stadio per seguire te e i tuoi compagni, smette i panni del dirigente per vestire quelli del tifoso sanguigno. Ora non dimenticarti che lo conosci dai tempi in cui difendevi la porta del Monza, l’anno era il 1998.

RAPPORTO SPECIALE – Da questa bella frullata non possono che saltare fuori le spalle larghe di Christian Abbiati, abituate a reggere il peso delle critiche più feroci e – talvolta – ingiuste o incomplete. Salta però fuori anche un sorriso, non radioso ma nemmeno troppo amaro, perché appunto il capitano rossonero conosce bene il suppporter Adriano: “Il dottor Galliani è il primo tifoso del Milan, mi ha chiamato e mi ha detto che dopo un secondo gli era già passata. Mi vuole molto bene, lo so e me lo dimostra sempre. Per me è un argomento che non è mai stato neanche aperto” .

GLI INSULTI E LE SCUSE – In questione c’è ovviamente il labiale ingeneroso e spontaneo con cui l’a.d. del Diavolo ha apostrofato, sabato sera a Napoli, l’estremo difensore. Il suo chiarissimo: “che portiere di m…., che portiere del c….” ha fatto ormai il giro del web.

http://youtu.be/UaJp8DbBuus

Oggi, a margine di una riunione in Lega, il braccio destro di Berlusconi è tornato sull’episodio, confermando che è stato solo uno slancio troppo colorito da parte del milanista Adriano, mentre il Dottor Galliani, già un secondo dopo, pensava di chiedere scusa ad un ragazzo che conosce da 15 anni e a cui vuole sinceramente bene. Jekyll & Hyde insomma.

SI PASSA OLTRE, 300 CON IL MILAN – Del resto è stato lo stesso Abbiati a confermare che: “Il dottor Galliani manifesta sempre con me tutti i suoi sentimenti, sia quelli belli sia quelli brutti, con lui ho instaurato questo rapporto; ormai ci conosciamo da molto tempo.”

Storia già chiusa quindi. Mercoledì ci sarà da scrivere un  capitolo importante, soprattutto per il veterano dei pali milanisti: in Belgio infatti i guantoni di Christian difenderanno la porta del Milan per la trecentesima volta in carriera. Non male per un portiere di m.

 

Nuova stagione al via con la panchina lunga di 12 giocatori

Importante novità a pochi giorni dal via della Serie A. La FIGC ha accolto la richiesta pervenuta dalla Lega calcio e già a partire dal primo weekend di campionato le squadre potranno portare in panchina 12 giocatori rispetto ai 7 previsti dal precedente regolamento. Pertanto dalla prima giornata del campionato di Serie A che prende il via sabato 25 agosto le squadre potranno mettere nella listada consegnare all’arbitro 23 giocatori e in panchina potranno sedere 12 riserve, come già avviene per le fasi finali dei Campionati del Mondo e dei Campionati Europei. Il presidente della Figc, Giancarlo Abete, ha così accolto la richiesta contenuta nella lettera ricevuta ieri dal presidente della Lega di Serie A, Maurizio Beretta. Le società potranno consegnare una lista di 23 giocatori anche per la Coppa Italia, per la Supercoppa e per il campionato Primavera.

Principale promotore della panchina lunga è stato il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentis, che ha motiviato l’iniziativa anche per i risvolti economici del mandare in tribuna giocatori importanti presenti nelle rose ormai molto ampie che caratterizzano le squadre di calcio.  La notizia non ha particolarmente scaldato il tecnico della Roma, Zdenek Zeman, tradizionalmente abbastanza restio a ruotare i giocatori utilizzati. “Per me non cambia molto – ha tagliato corto Zeman – la mia esperienza mi dice che 18 giocatori erano sufficienti”.