Scudetto Lazio? Solo con il nuovo stadio

Entusiasmo a mille in casa biancoceleste: vittoria nel derby che vale la Coppa Italia ed Europa garantita, certezze sulla panchina che rispondono al nome di Petkovic e giocatori fondamentali come Klose ed Hernanes convinti del progetto proposto da Claudio Lotito che, in un’intervista al Corriere dello Sport fa sognare i tifosi: “Con lo stadio vincerò tutto, fate la legge e la Lazio sarà da scudetto. Ora è innegabile, siamo la prima squadra di Roma. Rinforzerò la rosa sul mercato, con 22 titolari scelti anche per mentalità. Ho una lacuna: lo sponsor, ma se alla Roma offrono 8 milioni e a noi 2 io non firmo. Pallotta lontano? Alla Salernitana io partecipo, telefono al ds alle 2 di notte”.

Inter: Stramaccioni ne convoca 22, out Cassano

Match decisivo in chiave Europa per i nerazzurri quello di domani sera contro una Lazio tornata a splendere grazie ai goals di Klose. Stramaccioni ha convocato i giocatori rimasti della rosa, “graziati” dagli infortuni, a cui si aggiunge in attacco la linea verde della Primavera, dato che l’unico a disposizione è l’acquisto di gennaio Rocchi, che torna così a sfidare i suoi ex compagni.

Portieri: 1 Handanovic, 27 Belec, 30 Carrizo;

Difensori: 23 Ranocchia, 26 Chivu, 28 Pasa, 31 Pereira, 40 Juan Jesus, 42 Jonathan, 62 Ferrara, 63 Spendlhofer;

Centrocampisti: 7 Schelotto, 10 Kovacic, 11 Alvarez, 14 Guarin, 17 Kuzmanovic, 19 Cambiasso, 24 Benassi;

Attaccanti: 18 Rocchi, 45 Forte, 47 Colombi, 61 Garritano.

Germania: mancano gli attaccanti, in nazionale solo Gomez

Nazionale tedesca priva quasi totalmente di attaccanti, visti gli infortuni di Klose e Hummels. Guai seri dunque per il ct Löw, che ha convocato anche il centrocampista del Bayern Monaco, Bastian Schweinsteiger, per la doppia sfida di qualificazione ai Mondiali 2014 contro il Kazakhstan, che si giocheranno ad Astana il 22 marzo e a Norimberga il martedì successivo.

Portieri: Manuel Neuer (Bayern Monaco), Rene Adler (Amburgo), Ron-Robert Zieler (Hannover 96)

Difensori: Philipp Lahm, Jerome Boateng (Bayern Monaco), Benedikt Höwedes (FC Schalke 04), Per Mertesacker (Arsenal), Heiko Westermann (Amburgo), Marcel Schmelzer (Dortmund)

Centrocampisti: Bastian Schweinsteiger, Toni Kroos; Thomas Müller (Bayern Monaco), Mario Götze, Marco Reus, Ilkay Gündogan, Sven Bender (Dortmund), Mesut Özil, Sami Khedira (Real Madrid), Julian Draxler (Schalke), Sven Bender, Andre Schürrle (Bayer 04 Leverkusen), Lukas Podolski (Arsenal)

Attaccante: Mario Gomez (Bayern Monaco)

Buona notizie per la Lazio: Klose rientra a fine mese

Il sito ufficiale del club biancazzurro porta buone notizie per i tifosi dell’Aquila: Miroslav Klose è stato sottoposto questo pomeriggio a Monaco di Baviera dal prof. Muller-Wohlfahrt a controllo clinico specialistico e strumentale. L’atleta rientrerà nella giornata di domani per iniziare la seconda fase del protocollo riabilitativo della durata di 2 settimane. In data 18/03 verrà effettuato l’ultimo controllo specialistico al seguito del quale verrà stabilita l’esatta data della completa ripresa dell’attività agonistica.

Lo stesso medico sociale biancoceleste Stefano Salvatori ha dichiarato ai microfoni di Lazio Style Radio: “Ho sentito Klose, gli esami strumentali sono andati molto bene. Il professore deve ancora stilare il prossimo percorso, che dovrebbe essere di due settimane: attorno al 18 marzo il ragazzo dovrebbe effettuare un altro controllo. In questo periodo il protocollo dovrebbe prevedere anche l’inizio del lavoro dal punto di vista atletico. Siamo ancora in fase di riabilitazione, ma il programma sta andando come abbiamo previsto: inizialmente si era parlato di una tempistica di otto settimane, poi di sette settimane. La data del rientro cadrebbe quindi attorno al 24 marzo, quando pero’ il campionato sara’ in sosta. Sono abbastanza fiducioso che torni a disposizione per il 30 marzo contro il Catania”.

Dialogo in casa Lazio: Marchetti risponde a Lotito

La sconfitta contro il Genoa in pieno recupero ha acceso gli animi in casa laziale. Pur nell’ambito di una civile discussione, il presidente Lotito ha mostrato il suo disappunto, segno che conta molto su questa stagione per rientrare nel giro tricolore.

Lotito: “Alla Lazio serve la mentalità del Milan” e poi in merito alla sconfitta di ieri: “Perdere a Genova a venti secondi dalla fine è abbastanza da ingenui: ma non è un problema di qualità tecnica della rosa, piuttosto di mentalità”.

Dal ritiro azzurro il guardiano dei pali biancocelesti ha risposto da par suo: “Mentalità vincente? C’è. Non avremmo recuperato due gol”.

Lazio – Juventus: stasera la prima finalista di Coppa Italia

Serata di gala all’Olimpico di Roma ,che sarà il teatro della finalissima di Coppa Italia fra poco meno di 4 mesi. Per decidere la prima finalista si affrontano Lazio e Juventus, uscite un pò acciaccate in termini di risultati, dall’ultimo impegno di campionato. Dopo il pareggio per 1-1 di settimana scorsa a Torino, ai laziali basta un pareggio a reti inviolate od una vittoria per accedere all’ultimo atto, che manca ai biancocelesti dalla stagione 2008-09 quando poi superarono ai rigori la Sampdoria. Per la Juventus invece la finale sarebbe la possibilità di giungere, in caso di vittoria alla decima coccarda tricolore.

Mister Petkovic ripresenta al centro dell’attacco il bomber Klose, la cui assenza si è fatta pesantemente sentire negli ultimi tempi mentre nei bianconeri out Marchisio per febbre con Pirlo che torna perlomeno in panchina.

 

LAZIO (4-1-4-1): Marchetti; Konko, Dias, Biava, Radu; Ledesma; Candreva, Hernanes, Mauri; Gonzalez; Klose. A disp.: Bizzarri, Ciani, Cavanda, Stankevicius, Scaloni, Kozak, Floccari. All. Petkovic

JUVENTUS (3-5-2): Storari; Barzagli, Bonucci, Peluso; Isla, Padoin, Pogba, Vidal, Giaccherini; Vucinic, Giovinco. A disp. Buffon, Caceres, Lichtsteiner, Marrone, De Ceglie, Pirlo, Matri. All: Conte.

Lazio : i convocati per il match di Coppa Italia

Come riporta il sito ufficiale della società biancoceleste, il tecnico Vladimir Petkovic ha diramato la lista dei convocati in vista della gara di stasera contro la Juventus in programma alle ore 20:45. Il nome più eclatante che manca è il bomber tedesco Klose, ancora alle prese con un infortunio che lo ha costretto a saltare anche l’ultimo turno di campionato.

Portieri: Marchetti, Bizzarri, Carrizo;

Difensori: Biava, Cavanda, Radu, Scaloni, Zauri, Ciani;

Centrocampisti: Cana, Ledesma, Mauri, Candreva, Lulic, Gonzalez, Brocchi, Hernanes;

Attaccanti: Floccari, Kozak, Rozzi.

Petkovic chiede attenzione: Ogni cosa sarà decisiva per superare il turno

Il pareggio in terra siciliana contro il Palermo ha rallentato la cosa dell’aquila biancoeleste in campionato, ma l’impegno di domani sera allo Juventus stadium per l’andata della semifinale di Coppa Italia ha visto il tecnico slavo Petkovic porre l’accento sull’aspetto tecnico della sfida con i bianconeri capoclassifica.

”Queste sono partite dove si gioca per 180 minuti e si deve lottare per ogni gol subito o fatto. Ogni cosa potrebbe essere decisivo per la qualificazione. Vincendo potremo dare una bella impronta anche per il futuro”, ed aggiunge: ”Voglio una squadra disciplinata, ben consapevole e pronta a sfruttare le occasioni a disposizione. Serve una partita intelligente, non giocata troppo in difesa”.

In merito agli infortuni che hanno fermato alcuni perni fra titolare, fa pretattica: ”Konko, Klose, Radu e Stankevicius sono in dubbio. Oggi devo valutare quali calciatori convocare, poi domattina deciderò chi mandare in campo. Solo chi è al 100% può giocare, chi sente il minimo fastidio non può essere pronto anche per via delle temperature e del campo pesante. Anche su Klose valuterò domani”.

L’avversario chiede concentrazione: ‘‘La Juve è sicuramente la squadra più forte del campionato, anche se noi stiamo facendo benissimo visto che abbiamo una media di più di due punti a giornata. Per batterla dovremo essere propositivi”.

Lazio affonda l’Inter grazie a Klose. Palermo spreca a Udine

Un’Inter sprecona e sfortunata (2 pali colpiti) torna dalla trasferta di Roma con una pesante sconfitta che allontana i nerazzurri dalla vetta. Vince la Lazio che riesce ad infilzare gli avversari grazie ad un velenoso contropiede di Mirolasv Kose. Ora la corsa sulla Juventus diventa difficile per la squadra di Stramaccioni. La Lazio ha già messo la freccia per il sorpasso sui nerazzurri.

Nel pomeriggio intanto il Palermo ha sfiorato il colpo grosso a Udine. In vantaggio grazie ad un fortunato goal di Ilicici, l’Udinese è riuscita a pareggiare proprio al 90° grazie al solito Di Natale. In entrambi i goal determinanti gli errori dei portieri.

Lazio avanti tutta: ora è quinta da sola

Lazio (4-1-4-1): Marchetti; Cavanda, Biava, Ciani, Radu; Ledesma (20′ st Cana); Candreva (37′ st Lulic), Gonzalez, Ederson (1′ st Hernanes), Mauri; Klose. A disp.: Bizzarri, Carrizo, Konko, Diakitè, Scaloni, Onazi, Kozak, Floccari, Rocchi. All.: Petkovic

Udinese (3-5-1-1): Brkic; Coda (42′ st Heurtaux), Danilo, Domizzi (24′ Angella); Pereyra, Willians (1′ st Ranegie), Allan, Badu, Armero; Maicosuel; Di Natale. A disp.: Padelli, Pawlowski, Faraoni, Gabriel Silva, Pasquale, Reinthaller, Zielinski, Gerardi. All.: Guidolin

Arbitro: Calvarese
Marcatori: 17′ Gonzalez, 31′ Klose, 14′ st Hernanes
Ammoniti: Ledesma (L), Coda (U)
Espulsi: –
Note: al 12′ Brkic (U) para un rigore di Ledesma (L)

La parola ai vincitori e vinti ai microfoni di Sky dopo la partita: il centrocampista laziale Hernanes

Si è rivista la Lazio brillante di un mese fa
Ci siamo ripresi, abbiamo fatto una buona sequenza dopo la vittoria nel derby, un pareggio a Torino e adesso siamo tornati  a vincere in casa. Era quello che volevamo per poter raggiungere quelle che erano sopra. Dobbiamo continuare così, lavorando e cercando sempre di migliorare.
Vi ha dato una motivazione in più questa specie di rivincita nei confronti dell’Udinese? Ne ha parlato anche Petkovic prima di questa partita
Lui, forse, questa carica non la sentiva tanto, perché è arrivato quest’anno e non ha sofferto con noi. Ma noi, non potevamo non fare bene contro di loro. Per due anni c’hanno mandato fuori dalla Champions League e oggi nella nostra testa è come una rivincita.
Per i friulani il portiere Brikic, che ha parato un rigore
“Abbiamo giocato molto male. Niente è andato bene questa sera. La Lazio si è dimostrata una grande squadra, dobbiamo migliorare in tante cose. Domenica c’è un’altra partita, speriamo di rifarci. Il rigore parato? Ho aspettato Ledesma, ho aspettato la sua ultima mossa. Mi è andata bene”.