Quando la squalifica arriva per una lavagna

Martedì è giornata di Giudice Sportivo per quanto riguarda la Lega Pro e questa settimana, leggendo il comunicato ufficiale, viene voglia di sorridere per un episodio curioso accaduto nel match del Girone C tra Juve Stabia e Martina Franca. Sul punteggio di 1-1, che sarà poi quello finale, il direttore di gara Bertani indica chiaramente tre minuti di recupero; poichè in questo campionato non è prevista la figura del quarto uomo, il compito di alzare la lavagna luminosa spetta ad un dirigente della squadra di casa. Ed in questa occasione il direttore generale della Juve Stabia, Giulio Vuolo Zurlo, solleva l’attrezzatura indicandone invece quattro.

Tuttavia non sfuggiva tale comportamento alla terna, tanto che nel comunicato si legge che l’inibizione fino al 31 marzo 2015, a cui si aggiungono 500 euro d’ammenda: “perché di sua iniziativa segnalava un tempo di recupero diverso e maggiore di quello indicato dall’arbitro e confermato da un assistente arbitrale”.

La Juve Stabia sempre più su, il Grosseto con un piede in Lega Pro

JUVE STABIA-GROSSETO 2-1
Marcatori: 12′pt Zito, 11′ st Mancino (GR), 30′st Bruno (JS)
Juve Stabia (4-3-3): 22.Seculin; 2.Martinelli, 28.Murolo, 6.Scognamiglio, 25.Baldanzeddu; 10.Caserta, 5.Doninelli (32′pt 4.Agyei), 3.Zito; 7.Verdi (15′st 17.Suciu), 9.Bruno, 20.Cellini (23′st 27.Acosty). A disposizione: 1.Nocchi, 16.Improta, 18.Guarino, 21.Jidayi. All. Piero Braglia
Grosseto (4-2-3-1): 12.Lanni; 4.Feltscher (45′pt 29.Padella), 14.Iorio, 8.Som Fabrice, 30.Donati; 6.Crimi, 7.Mancino; 13.Obodo, 24.Soddimo (7′st 34.Foglio), 17.Gimenez (33′st 36.Coulibaly); 11.Piovaccari. A disposizione: 22.Franza, 19.Barba, 20.Mandorlini, 27.Calderoni. All. Francesco Moriero
Arbitro: Angelo Cervellera di Taranto
Note – Ammoniti: Cellini, Seculin, Zito, Bruno (JS); Crimi, Mancino (GR). Recupero: 2′(pt); 3′(st).

Gli squalificati in Serie B

Gli squalificati dopo il 26° turno di Serie B sono: BACINOVIC (Verona) per tre giornate mentre per un turno VASTOLA (Virtus Lanciano), BERNARDINI (Livorno), BUDEL (Brescia), COPPOLA (Cesena),DI CARMINE e PAOLUCCI (Cittadella), DICUONZO, GORZEGNO e SARTORIO MEZAVILLA (Juve Stabia), GOMES RIBEIRO (Varese), MORO (Empoli) e ZAZA (Ascoli).

Verona sconfitto anche a Brescia: Sassuolo pari a Bari. Il Livorno dilaga

17° turno di serie B all’insegna delle squadre di casa. Andamento altalenante per le prime tre della classe che inanellano 3 risultati differenti.

Il Verona esce meritatamente sconfitto dalla sfida di Brescia con i goal di Daprelà e di Scaglia. Il Sassuolo pareggia 3-3 una partita spumeggiante a Bari.

Nessun problema per il Livorno che asfalta 4.0 in casa il Grosseto.
Dietro il trio di testa vittoria del Varese, 1-0 contro la Ternana e del Modena 1-0 in pieno recupero contro il derelitto Novara. Goal rispettivamente di Ebagua e di Ardemagni. In chiave cannonieri da segnalare la doppietta di Sansovini ad Empoli che non è sufficiente per consentire allo Spezia  prendersi i 3 punti. Punteggio finale 2-2 grazie ai goal toscani d Saponara e Tavano. Vittoria nel posticipo delle 18 della Provercelli contro il Vicenza per 2-1.

Nota di colore infine a Castellammare di Stabia dove le vespe pareggiano 1-1 con il Cittadella. Caserta, marcatore della squadra di casa, ha dedicato la marcatura allo sfortunato tifoso scomparso in settimana. Nella foto il ricordo dei compagni di curva.

 http://www.youtube.com/watch?v=n9XrUdm_bm0

http://youtu.be/n9XrUdm_bm0

Livorno nuovamente al secondo posto in classifica. Sale la Juve Stabia

Tanti goal nella 15° giornata di serie Bwin che, in attesa del posticipo tra Brescia e Sassuolo, ha visto il Livorno imporsi con autorità per 2-0 su un evanescente Varese.
Proprio i labronici tornano secondi in classifica a 32 punti insieme al Verona fermato ieri sera nell’anticipo casalingo 1-1 dal Cesena.

Bella la vittoria della Juve Stabila (doppietta di Danilevicius) che sale così al 4° posto in classifica solitaria a 24 punti. Tra gli altri risultati vittoria dell’Empoli 3-2 nel derby con il Grosseto. Vittoria derby anche per il Padova 2-1 sul Cittadella e del Crotone 2-0 a Vercelli. Vince il Vicenza 2-1 su un sempre più disperato Novara e il Bari 3-0 convincente a Lanciano. Pareggiano 1-1 sia Reggina e Ternana, sia Modena Ascoli.

Serie B: ecco le designazioni di domani

Campionato lungo quello cadetto, che torna in campo domani sera alle 20.45 , eccetto Ternana – Sassuolo alle 18.00, per la disputa della 12-esima giornata di andata. Ecco le designazioni

Martedì 30 ottobre ore 20.45
ASCOLI–NOVARA: IRRATI
BARI–EMPOLI: PALAZZINO
CESENA–GROSSETO: DI PAOLO
CITTADELLA–BRESCIA: LA PENNA
CROTONE–VERONA: DI BELLO
JUVE STABIA–REGGINA: TOMMASI
LANCIANO–LIVORNO: BORRIELLO
MODENA–PADOVA: NASCA
PRO VERCELLI–SPEZIA: GIANCOLA
TERNANA–SASSUOLO: CERVELLERA (ore 18.00)
VARESE–VICENZA: FABBRI

Il sindaco di Padova attacca gli ultras violenti

Il primo cittadino di Padova Flavio Zanonato ha fatto un intervento a gamba tesa sugli ultras patavini che si sono resi protagonisti di alcuni incidenti nel pre partita con la Juve Stabia, portando a ben 44 Daspo e lo ha fatto attraverso “Facebook”: “Mi fate semplicemente schifo, e sono dalla parte di chi cerca di impedire le vostre violenze da frustrati. Il fatto che non siate di Padova è un motivo di orgoglio”.

Sempre mediante i media tecnologici i tifosi biancoscudati avevano insultato pesantemente lo stesso sindaco e l’assessore allo sport Umberto Zampieri, dopo le severe valutazioni espresse contro i tifosi che venivano accusati di “non rappresentare la Padova sportiva”.

Il sindaco della città di San’Antonio ha voluto poi chiarire la sua battaglia: “In altri Paesi ci sono riusciti con serietà e rigore, in Italia, anche a causa dei furbi e degli indulgenti, non ancora. Per quanto mi riguarda continuerò a battermi perché il calcio italiano torni ad essere un patrimonio di tutti, delle famiglie, dei ragazzi, delle persone per bene, e non ostaggio di una frangia di violenti”.

Il Sorrento a Castellamare di Stabia? Ai tifosi delle “Vespe” la cosa non piace

Iniziato il campionato con una sconfitta casalinga contro il Livorno, la Juve Stabia, o meglio lo stadio Menti di Castellammare di Stabia potrebbe ospitare l’esordio del Sorrento, squadra di LegaPro, domenica prossima contro il Gubbio.

Ma la questione ha fatto scatenare un vero putiferio, perché l’Assessore all’Edilizia Sportiva Donnarumma del comune stabiese si è detto contrario all’evento già mesi fa, causa le pessime condizioni del manto sintetico, arrivando a minacciare le dimissioni dall’incarico qualora il Sindaco avesse accettato la proposta. Inoltre ai tifosi delle Vespe la cosa non è molto gradita, in quanto storici avversari del Sorrento. Ecco i comunicati del club stabiese e dell’Assessore Donnarumma in merito.

Il comunicato della S.S. Juve Stabia: In riferimento alla nota del Direttore Generale della Lega Pro, dott. Francesco Ghirelli, in relazione alla disputa della partita di calcio Sorrento-Gubbio il 2 settembre p.v. presso lo stadio Romeo Menti di Castellammare di Stabia, la S.S. Juve Stabia precisa di non essere mai stata interpellata da alcun organo, in quanto mera affittuaria dell’impianto sportivo. Pertanto, ogni decisione in merito spetta solamente al proprietario della struttura, ovvero l’Amministrazione Comunale.

Lo sfogo dell’Assessore Donnarumma: “Se il Sindaco ha fatto una scelta del genere di sua iniziativa, rassegnerò le mie dimissioni. Il manto erboso non è in grado di ospitare altre manifestazioni al di fuori di quelle legate alle formazioni cittadine che hanno già avuto difficoltà ad usufruire dell’unico impianto della città. Per le sue condizioni, il sintetico del Menti, potrà garantire non più che l’attuale campionato alla Juve Stabia. Proprio per questo motivo, le formazioni giovanili stabiesi hanno dovuto emigrare a Torre del Greco, mentre la Libertas Stabia ha disputato alcune gare a Vico Equense. Di fronte a queste difficoltà evidenti, se verranno davvero ospitate gare di formazioni non stabiesi, rassegnerò al Sindaco le mie dimissioni”.

Juve Stabia: assegnata la maglia n° 12 alla Curva Sud

La società di Castellammare di Stabia ha comunicato attraverso il sito ufficiale che, come segno di riconosceenza verso i propri caldi tifosi, la maglia n° 12 non è stata assegnata nessuna delle Vespe ma alla Curva Sud. Come da nuovo regolamento della Lega di Serie B, è stato necessario chiedere una deroga in quanto da questa stagione i numeri 1, 12 e 22 sono destinati ai portieri.

La S.S.Juve Stabia spa rende noto, di aver chiesto ed ottenuto, dalla Lega Calcio di serie B, l’autorizzazione a non assegnare, anche per questa stagione calcistica, la maglia nr.12 allo scopo di riservarla, simbolicamente, ai sostenitori della gloriosa Curva Sud per assicurare un concreto riconoscimento alla tifoseria stabiese.
Al riguardo il Direttore Generale, Clemente Filippi, che ha condotto la relativa iniziativa, sottolinea le motivazioni che hanno spinto il sodalizio gialloblè ad attivarsi nelle sedi competenti : “ Abbiamo sentito doveroso – ribadisce il dirigente – compiere questo atto per attestare maggiormente il nostro riconoscimento nei confronti della Curva Sud dopo una stagione esemplare, sotto tutti gli aspetti. Il comportamento dei nostri tifosi, ed in particolare della Curva Sud, è stato encomiabile – aggiunge Clemente Filippi – sia dal punto di vista del sostegno alla squadra, e quindi in termini di incitamento, che comportamentale, auspicando che il riconoscimento ottenuto possa essere, ove mai ce ne fosse bisogno, da stimolo a fare ancora meglio nella prossima stagione dove, ne siamo certi, i nostri tifosi dimostreranno ancora una volta di essere il 12^ uomo in campo”.
Conseguentemente il portiere Vitiello, al quale in precedenza era stata assegnata la maglia nr.12, prenderà la maglia con il numero 33.

Genoa, Improta in prestito alla Juve Stabia

Da Calciatori.com

L’ex attaccante esterno del Lanciano va in prestito al club campano…

Riccardo Improta lascia il Genoa per accasarsi alla Juve Stabia: il 19enne attaccante esterno rossoblu, prelevato lo scorso mese di gennaio dopo aver esordito in Lega Pro con il Lanciano, è stato ceduto in prestito con diritto di riscatto della comproprietà a favore dei campani e controriscatto per i liguri.