Quando la squalifica arriva per una lavagna

Martedì è giornata di Giudice Sportivo per quanto riguarda la Lega Pro e questa settimana, leggendo il comunicato ufficiale, viene voglia di sorridere per un episodio curioso accaduto nel match del Girone C tra Juve Stabia e Martina Franca. Sul punteggio di 1-1, che sarà poi quello finale, il direttore di gara Bertani indica chiaramente tre minuti di recupero; poichè in questo campionato non è prevista la figura del quarto uomo, il compito di alzare la lavagna luminosa spetta ad un dirigente della squadra di casa. Ed in questa occasione il direttore generale della Juve Stabia, Giulio Vuolo Zurlo, solleva l’attrezzatura indicandone invece quattro.

Tuttavia non sfuggiva tale comportamento alla terna, tanto che nel comunicato si legge che l’inibizione fino al 31 marzo 2015, a cui si aggiungono 500 euro d’ammenda: “perché di sua iniziativa segnalava un tempo di recupero diverso e maggiore di quello indicato dall’arbitro e confermato da un assistente arbitrale”.

Parma: ufficiale la penalizzazione di un punto

Non c’è pace in casa Parma: il comunicato dell’ANSA appena pubblicato comunica che la società ducale ha subito la sanzione di un punto di penalizzazione al Parma per il mancato pagamento dell’Irpef a fine 2013. Così ha deciso il Tribunale Federale Nazionale della FIGC, di conseguenza il Parma scende in classifica a 5 punti, ancora più staccato dal quartultimo posto. Inibiti inoltre per due mesi il presidente, appena fresco di cessione, Ghirardi e il dg Leonardi.