Tata Martino: Icardi deve cambiare atteggiamento

Tecnico dell’Argentina dopo le dimissioni di Sabella al termine del mondiale, il Tata Martino, ex allenatore del Barcellona, sta lavorando in previsione della prossima Copa America di giugno in Cile. Dopo aver aperto virtualmente le porrte alllo juventino Carlos Tevez, Martino ha voluto dare una tirata d’orecchio al gioiello dell’Inter Mauro Icardi: “Rispetto Icardi, e non mi sembra che le cose calcistiche siano un grande impedimento. Però se mi chiedono se mi piaccia il suo comportamento, io dico di no e che vorrei si parlasse di lui solo per cose calcistiche. Ma non è detto che lo scarti in assoluto”.

Icardi: in Inghilterra vogliono investire su di lui

Arrivato in pompa magna al’Inter, il talento argentino Icardi ha faticato ad imporsi, per via di problemi fisici perduranti, conditi da situazioni extra – campo che lo hanno portato alla ribalta sul piano dell gossip. Poi l’ingresso spesso fra gli undici titolari, ha permesso a Maurito di esprimere il suo potenziale. Tuttavia la prossima campagna acquisti nerazzurra potrebbe vederlo fra i sacrificati: la nuova proprietà infatti, vorrebbe costruire una grande Inter e per poter racimolare i soldi necessari al colpo estivo Icardi potrebbe dover cambiare maglia.

E’ di oggi la notizia a tal proposito che un fondo d’investimento inglese, con azionisti e capitali del Qatar, avrebbe intenzione di acquisire il cartellino del giocatore e addirittura lo avrebbe già proposto all’Atletico Madrid, club emergente del panorama calcistico europeo.

Icardi , futuro con la nazionale (bianco)-azzurra….

L’attaccante argentino della Sampdoria Mauro Icardi, tentato dal tecnico degli azzurri Cesare Prandelli, ha ammesso che fin da bambino sogna di giocare con la nazionale albiceleste.

“Sono argentino e già da bambino sempre ho desiderato vestire la camiseta dell’albiceleste. arrivare a coronare questo sogno sarà per me fantastico”, ha detto Icardi in un’intervista al quotidiano di Genova Il Secolo XIX. Icardi, che con i suoi ottimi ultimi rendimenti ha visto dirottare gli interessi del selezionatore azzurro su di lui, ha espresso in occasione di un colloquio riservato con il d.t. argentino Sabella il suo volere.

Seppure non ci sia stata alcuna conferma ufficiale da parte dello stesso Sabella, Icardi potrebbe essere inserito nella lista dei convocati già per il doppio turno di qualificazioni ai mondiali quando l’Argentina incontrerà il Venezuela in casa e poi volerà a La Paz per affrontare la Bolivia.

Arriva la smentita : nulla di vero nell’accordo Icardi – Inter

E’ durato lo spazio della mattinata la verità in merito all’accordo fra l’argentino di talento Mauro Icardi e la società nerazzurra. L’agente del giocatore Pino Letterio ha smentito ai microfoni di radio Kiss Kiss che tutto sia già scritto: “Non è vero niente di quanto riportato oggi dai giornali che davano per fatto il passaggio di Mauro all’Inter. In realtà noi stiamo lavorando per un rinnovo con la Sampdoria perché troviamo molto carino nei confronti di Garrone, di Sagramola e di Osti trovare un accordo. Poi magari prenderemo una decisione insieme. Non abbiamo espresso nessuna preferenza né per l’Inter né per il Napoli. Tra le altre cose con il Napoli ci incontreremo la settimana prossima per parlare di Icardi, di Diakitè e anche di altri giovani interessanti che abbiamo in procura. La scelta deve essere fatta in modo razionale. Sicuramente Mauro non va mandato in un club che non ha una progettualità, perché se non c’è un progetto su di lui e se la società non crede davvero in Mauro è inutile optare per una soluzione che anche se vantaggiosa dal punto di vista economico poi non ti fa crescere dal punto di vista professionale. Nel calcio, purtroppo, di meteore se ne sono viste tante e per Mauro vogliamo solo il massimo.”

Icardi sarà nerazzurro, accordo fra i clubs

Come anticipa sulle sue colonne l’edizione odierna del Corriere dello Sport, Mauro Icardi vestirà a partire dalla prossima estate la maglia dell’Inter. A sancire la definitiva chiusura delle contrattazioni mancano solo le firme sui contratti, ma hanno superato sul filo di lana il Napoli e l’accordo verrà messo nero su bianco nei termini regolamentari nel prossimo mercato estivo.

In termini di cifre si parla di una questione risolta sulla base di un importo che oscilla tra i 12 e i 15 milioni. A variare detto importo sarà il raggiungimento di alcuni bonus inseriti e legati al rendimento del giocatore. Considerando che il club di Garrone aveva acquistato dal Barcellona l’argentino per soli 400.000 euro, si tratterebbe dunque di aver realizzato una plusvalenza da sogno.

I complimenti del Messi(a) per Icardi

Mauro Icardi è un giovane talento argentino di belle speranze, doveva addirittura partecipare al campionato sudamericano per nazioni Under -20 ma la sua società , la Sampdoria, lo ha bloccato, ritenendolo necessario alla causa.
Dopo aver già contribuito alla vittoria del derby contro il Grifone, ieri mauro si è ripetuto, dando così ragione alla dirigenza blucerchiata nel volerlo trattenere in Italia e grazie alla sua doppietta, La Sampdoria ha vinto in rimonta ed espugnato lo Juventus Stadium.
ma la cosa gradita per il giocatore è stato ricevere i complimenti via sms del suo concittadino più famoso, ovvero Leo Messi, stella del Barcellona e del calcio mondiale.

19° turno Serie A: steccano Inter e Juventus, volano Lazio e Napoli

Sorprese a ripetizione nell’ultima giornata di andata della Serie A. La Sampdoria, reduce da una prima parte di stagione accidentata, ha trovato la forza di sovvertire i pronostici, ribaltando un risultato che sembrava già scritto. Allo Juventus Stadium gli uomini di Delio Rossi hanno saputo rimontare il vantaggio dei bianconeri (Giovinco su rigore) in inferiorità numerica per l’espulsione di Berardi. Il nuovo tecnico, subentrato a Ciro Ferrara, ha caricato al punto giusto i suoi, sfruttando la vena del baby attaccante argentino Icardi: doppietta per lui e 1-2 in cassaforte. Conte mastica amaro e incassa la terza sconfitta stagionale.

AQUILA SEMPRE PIU’ SU – Sorride quindi la Lazio che mantiene il secondo posto e si fa vedere negli specchietti della Vecchia Signora. Dopo la vittoria in rimonta di sabato sul Cagliari, il divario dai bianconeri è infatti sceso a soli 5 punti. Petkovic gongola anche perché i suoi allungano sulle dirette concorrenti per la Champions; l’Inter non digerisce il match delle 12 e 30 contro l’Udinese, incassando un sonoro 3-0 con doppietta del solito Di Natale. La Fiorentina invece stecca la prima del nuovo anno, cadendo in casa per mano di un cinico Pescara.

NAPOLI E MILAN AVANTI TUTTA – Torna il bel tempo anche su Napoli e Mazzarri può guardare di nuovo da vicino la vetta del campionato. Il secco 4-1 alla discontinua Roma di Zeman, consente agli azzurri di riacciuffare il terzo posto. Il San Paolo s’inchina al solito Edinson Cavani, che aggiunge una nuova tripletta alla propria collezione. Bene anche il Milan, almeno nel risultato, dato che la brillantezza e il gioco non si sono visti dalle parti di San Siro. Il 2-1 con cui i rossoneri hanno regolato il fanalino di coda Siena, permette ad Allegri di riavvicinare la Roma e di dimenticare il poker subito all’Olimpico prima delle feste.

LOTTA SALVEZZA – Sul fondo della classifica la lotta è aspra e serrata: oltre al già menzionato Pescara, torna a rialzare la testa il Genoa, vittorioso sul Bologna grazie alle due reti di Borriello. Il successo mancava al Ferraris dal 26 agosto e potrebbe essere un segnale importante in chiave salvezza. Ancora male il Palermo, vittima del buon Parma targato Donadoni. Ora la luce per Gasperini sembra davvero lontana.

RISULTATI 19° TURNO SERIE A: Catania-Torino 0-0, Lazio-Cagliari 2-1, Chievo-Atalanta 1-0, Fiorentina-Pescara 0-2, Genoa-Bologna 2-0, Juventus-Sampdoria 1-2, Milan-Siena 2-1, Parma-Palermo 2-1, Udinese-Inter 3-0, Napoli-Roma 4-1.

CLASSIFICA: Juventus 44 p.ti, Lazio 39, Napoli 37, Inter 35, Fiorentina 35, Roma 32, Milan 30, Parma 29, Udinese 27, Catania 26, Chievo 24, Atalanta 22, Torino 20, Sampdoria 20, Pescara 20, Bologna 18, Genoa 17, Cagliari 16, Palermo 15, Siena 11.

Mercato Juve: Llorente subito, blocco Samp per il futuro

La Juventus ha le idee chiare: Fernando Llorente entro la fine di gennaio,  poi uno sguardo al futuro con  opzioni mirate per la prossima stagione. La strategia di mercato in casa bianconera è ben definita. La dirigenza contatterà l’Athletic Bilbao per offrire 4-5 milioni di euro – una sorta di risarcimento –  per l’attaccante basco, che a giugno si libererà a zero. Ormai Llorente è ai ferri corti sia con la società che con la tifoseria, quindi non dovrebbero esserci intoppi (anche se il presidente del club biancorosso ha da tempo esresso l’intento di scontrarsi sino alla fine con la punta). Successivamente Marotta parlerà con la Sampdoria a proposito di Ziegler: per l’esterno che sogna il ritorno in blucerchiato e che Rossi accoglierebbe a braccia aperte, i bianconeri chiedono opzioni su Poli, Obiang e Icardi.  Alla Vecchia Signora interessano anche  giocatori in scadenza come Andreolli, Campagnaro e Diakité, ma non solo. Per la difesa è ormai fatta per il brasiliano Doria.

Sincertià Ferrara: con Icardi e Poli ho avuto culo

Derby carico di significati per entrambi gli allenatore e festeggiare è uno solo, Ciro Ferrara da Napoli che finalmente riesce a muovere la classifica con questi tre punti che gli permettono in un solo colpo di scavalcare un bel lotto di squadre.
In conferenza stampa l’ex tecnico dell’under 21 si rende poi autore di una simpatica frase, utilizzando il termine fortuna in maniera colorita per descrivere un paio di decisione tecniche azzeccate: “Nella vita ci vuole culo. Avevamo la palla noi, non mi sembrava il caso di fare il cambio. Il calcio è stato inventato dal Diavolo, altrimenti non si spiega. Lo dice un mio amico. Cosa mi hanno insegnato questi due mesi? Tempi difficili perché molte la sconfitta non era immeritata, altre volte sì”.

Icardi ha determinate caratteristiche, deve migliorare in alcune cose. E’ un ragazzo del 1993, abbiamo una squadra giovane e per ora ci serve gente d’esperienza dal 1′ come Eder, Maxi e Pozzi. Oggi ha fatto comunque benissimo. Poli? Ci avevo parlato due giorni fa, ho un centrocampo forte e mi serviva la loro esperienza. Avevo detto ad Andrea che avrebbe segnato, ho avuto culo due volte”.

La Lanterna è blucerchiata: 3-1 e Ferrara respira

7-5 prima della gara, le sconfitte consecutive per parte, 3-1 al 90° in campo e stavolta la superiorità numerica consiste nella vittoria del derby della Lanterna, stracittadina per disperati come era stata descritta da più fronti per le pessime situazioni di mercato, utilizzando un termine che spesso ha invece un significato ben peggiore. I doriani con il solo giovane 19enne Icardi, argentino e proveniente dal vivaio dell Barcellona, che prende per mano la sua squadra e la conduce alla vittoria scaccia crisi che salva la panchina di Ferrara e forse allontana Delneri da quella rosssoblù.

Sampdoria (4-5-1): Romero, Mustafi, Gastaldello, Rossini, Costa; Krsticic (21′ st Estigarribia), Munari, Obiang, Maresca (38′ st Tissone), Poli; Icardi (44′ st Soriano). A disp.: Berni, Falcone, Renan, Castellini, Poulsen, De Silvestri, Juan Antonio, Savic, Austoni. All.: Ferrara

Genoa (4-4-2): Frey; Sampirisi (38′ st Rossi), Granqvist, Bovo (1′ st Bertolacci), Moretti; Jankovic, Kucka, Tozser (1′ st Vargas), Antonelli; Borriello, Immobile. A disp.: Tzorvas, Donnarumma, Canini, Merkel, Seymour, Melazzi, Hallenius, Said. All.: Delneri

Arbitro: Mazzoleni

Marcatori: 16′ Poli (S), 36′ aut. Bovo (G), 28′ st Immobile (G), 43′ st Icardi (S)

Ammoniti: Icardi, Munari (S), Moretti, Kucka, Antonelli, Sampirisi (G)