Nené: Cagliari migliore senza Ficcadenti

Prima vittoria in assoluta in questo campionato per  il Cagliari, grazie al rigore trasformato da Nenè nell’ultimo quarto d’ora ma le parole che rilasciato l’attaccante al cronista di Tuttosport dimostrano che l’ambiente sardo è più sereno dopo il licenziamento di Ficcadenti.

«Mi spiace per l’ormai ex allenatore. Ma il suo modo di far giocare la squadra non andava bene per questo Cagliari. Con la nuova guida tecnica è cambiato qualcosa di sostanziale. Adesso siamo più offensivi, ci schieriamo con due punte e il trequartista», ha dichiarato Nenè, messo spesso da parte dall’ex tecnico: «Io sono un professionista e resto a disposizione dell’ allenatore. Se decide di mandarmi in campo bene, sennò mi adeguo. Ficcadenti mi aveva detto che mi mancava il ritmo partita, che non ero pronto. Mah… Certo che è difficile mostrare le tue qualità a spizzichi e bocconi, giocando magari meno di 15 a fine partita e magari a risultato consolidato. Ma non mi sono mai lamentato. Ho un contratto col Cagliari e intendo onorarlo fino in fondo. E ora, come ho accennato, mi pare che sia cambiato molto. Fortunatamente…».

 

Adesso è ufficiale: Cagliari riparte da Pulga

Esonero nell’aria in Sardegna da domenica pomeriggio, dopo la sconfitta casalinga contro il Pescara ed ora è arriva tal’ufficialità della società presieduta da Massimo Cellino.

L’allenamento odierno è stato diretto dal neo allenatore Ivo Pulga unitamente al suo staff, del quale in qualità di vice fa parte Diego Lopez, oltre al preparatore dei portieri Nico Facciolo e al collaboratore tecnico Luigi Corellas. Pulga nel tardo pomeriggio di domani verrà presentato alla stampa.

In giornata era stata definita la cessazione del rapporto fra il Cagliari e Massimo Ficcadenti, al quale la società ha posto i migliori auguri per il proseguo della carriera

Anche il Cagliari presenta la lista dei numeri di maglia

Ecco la lista dei numeri di maglia con cui il Cagliari di Ficcadenti si presenta ai nastri di partenza della Serie A 2012-13

1 AGAZZI Michael

2 CAMILLERI Vincenzo

3 ARIAUDO Lorenzo

4 NAINGGOLAN Radja

5 CONTI Daniele

7 COSSU Andrea

8 AVELAR Danilo

9 LARRIVEY Joaquin

13 ASTORI Davide

14 PISANO Francesco

15 ROSSETTINI Luca

16 ERIKSSON Sebastian

18 NENE’ Miguel Anderson Da Silva

19 RIBEIRO Thiago

20 EKDAL Albin

21 DESSENA Daniele

23 IBARBO Victor

24 PERICO Gabriele

25 AVRAMOV Vlada

26 ANEDDA Riccardo

27 SAU Marco

29 MURRU Nicola

30 SAMPAIO Rui

33 PIREDDA Marco

34 DEL FABRO Dario

51 PINILLA Mauricio

Intanto il Cagliari lavora in silenzio per la prossima stagione

Il Cagliari di Cellino, come tutti gli ultimi anni, punta ad una stagione tranquilla di metà classsifica, lanciare qualche prospetto interesssante per sistemare le casse societarie e da quest’anno lavora anche per il nuovo stadio che sostituirà almeno nei prossimi tre anni l’ormai vetusto Sant’Elia.

Rimasti in Sardegna a preparare la nuova stagione, i rossoblu hanno affrontato e battuto in amichevole a Macomer per 3-0 contro il Porto Torres. Trattenuti ancora (per poco ?) i gioielli Astori e Nainggolan, il tecnico Ficcadenti è apparso contento della prestazione.

“Ho visto una squadra in crescita, che ha fatto notevoli passi avanti sul piano del gioco”afferma l’allenatore rossoblù al sito ufficiale della compagine sarda. Avelar e i nuovi acquisti si stanno integrando bene con la realtà rossoblù.

Di strada c’è ne è ancora tanta da fare: “Non siamo ancora al cento per cento, in particolare non abbiamo ancora il mirino buono per concretizzare le numerose occasioni che riusciamo a creare, ma sicuramente la prestazione è stata superiore rispetto alle due precedenti, sia nel primo che nel secondo tempo”.

Un mix, comunque, che fa ben sperare: “Bene la difesa e anche i nuovi, che si stanno inserendo gradualmente nel tessuto della squadra. Mi è piaciuto anche Murru, un ragazzo di 18 anni di prospettiva che vogliamo far crescere”.

Aspettando Milan e Juventus, divertono Atalanta e Cagliari

Atalanta_goal

Non solo Champions: spazio nella serata di ieri anche per l’antipasto della Serie A, con i primi due recuperi della 33esima giornata, rinviata per il lutto Morosini. Negli anticipi due belle e convincenti vittorie casalinghe di Atalanta e Cagliari (sull’ormai consueto neutro di Trieste) a scapito rispettivamente di Chievo e Catania.

ATALANTA–CHIEVO  1-0 (71’ Maxi Moralez)

La squadra di Colantuono mostra sin  dai primi minuti di possedere maggiore aggressività e determinazione rispetto alla compagine clivense. Decide il match un gol capolavoro del piccolo Maxi Moralez che, ottimamente servito da Schelotto, inventa una parabola imprendibile: la sfera picchia sul palo interno alla destra dell’incolpevole Sorrentino per poi finire in rete. Sesto sigillo in campionato per il trequartista argentino ma primo in assoluto tra le mura amiche. Moralez si è anche visto annullare un goal nel primo tempo (su assist di Bonaventura, fuorigioco millimetrico) .

Vittoria quindi meritata per i padroni di casa che, dopo aver raggiunto con ampio anticipo la salvezza, puntano alla crescita ed al consolidamento del gioco in vista del prossimo campionato.

CAGLIARI – CATANIA (a Trieste) 3-0 [22’ Thiago Ribeiro, 80’ Pinilla, 95’ Ibarbo]

Vittoria preziosissima per il Cagliari di Ficcadenti che, con questi tre punti, si allontana dalla zona retrocessione e dalle ire funeste del patron Cellino, avvicinandosi un pò di più alla salvezza matematica (Lecce permettendo). Il Catania di Montella deve cedere l’onore delle armi dopo aver giocato comunque una gara intensa sul piano dell’impegno. Prima del vantaggio sardo (griffato Thiago Ribeiro) gli etnei sono andati vicino al goal con l’argentino Bergessio, non trovando però lo specchio della porta. A ridosso della fine del primo tempo un tiro-cross di Seymour coglie impreparato Avramov ma la sfera, per sua fortuna, sbatte sulla parte alta della traversa. Nella ripresa i siciliani non mollano e sfiorano ripetutamente la rete del pari (bravo Avramov a riscattarsi e a salvare più volte i suoi). Sul versante opposto sono i sardi a cogliere un palo con il solito Conti. Poi entra il fulmine colombiano Ibarbo ed i giochi si chiudono: assist per Pinilla all’80 e rete al 95’ al termine di una lunga azione solitaria. L’estroso sudamericano pare avere un conto aperto con i siciliani, visto che anche  all’andata mise la firma sulla partita con una rete da sogno.

Programma di oggi, recupero 33° turno Serie A:

NOVARA– LAZIO (12:30), LECCE-NAPOLI, PALERMO-PARMA, ROMA-FIORENTINA, SIENA-BOLOGNA, UDINESE-INTER (15:00), CESENA-JUVENTUS, MILAN-GENOA (18:00)