Parma: nessuna offerta, ora è Serie D

Stadio-Tardini-Parma

E’ sfumata anche l’ultima possibilità per il Parma di rimanere nel calcio professionistico.. Dopo la retrocessione sul campo, decretata anche in conseguenza dei punti di penalizzazione subiti per le note vicende societarie, per i ducali, come riportano in una nota i curatori fallimentari Angelo Anedda e Alberto Guiotto ed appena lanciato dall’agenzia di stampa Reuters.. Il ritiro in mattinata della cordata guidata dall’ex campione di baseball Mike Piazza, denominata Nuovo Parma Calcio Srl,  ha fatto seguito all’abbandono delle trattative avvenuta nel week end da parte della cordata Magico Parma spa guidata da Giuseppe Corrado.

Il debito sportivo, ammontante a 22,6 milioni di euro, ha reso impossibile pertanto qualunque ipotesi di permanenza in Serie B. Nelle prossime ore, come riporta il comunicato, i curatori si riuniranno con il comitato dei creditori e con il giudice delegato Pietro Rogato “per le necessarie determinazioni in merito alle procedura fallimentare e all’esercizio provvisorio dell’impresa”. A questo punto per il Parma l’unica possibilità perchè i colori  gialloblù scendano ancora in campo rimane la Serie D, il primo campionato dilettantistico della piramide del calcio italiano.

Anche Pirlo si muove per salvare il Brescia

Dal Brescia ha iniziato la sua scalata al calcio che conta ed il primo amore non si scorda mai: Andrea Pirlo, bresciano doc ed uscito dal settore giovanile delle Rondinelle, che in questo momento stanno attraversando una   grossa crisi finanziaria che ne sta mettendo a repentaglio la prosecuzione nel torneo cadetto, ha voluto sollecitare l’impegno della città lombarda per salvare una squadra storica del calcio italiano. Ed ieri , prima del match casalingo che il Brescia ha vinto contro una big come il Frosinone, ha dichiarato all’ANSA: «Soffro anche io nel vedere la squadra per la quale faccio il tifo e nella quale sono cresciuto in queste pessime condizioni. Ho parlato con gente importante, gente che conta, spero di poter fare qualcosa. Ho fatto tutto quello che era nelle mie possibilità, spero possa bastare. Nei prossimi giorni cercherò altri contatti, di sicuro non ho intenzione di mollare la presa. Intanto però cerchiamo di battere il Frosinone nel prossimo turno di Serie B».

Bari: domani in tribunale per il fallimento

Mancano ancora solo poche ore al fallimento del Bari calcio, operazione che però consentirà ai pugliesi di mantenere il titolo sportivo. L’amministratore unico della società biancorossa Franco Vinelli ha infatti annunciato che domani mattina si presenterà nel tribunale del capoluogo pugliese per consegnare i libri contabili. Per quel che riguarda la regolarità della stagione sportiva non dovrebbero sorgere problemi, in quanto la procedura rispetta le Norme Noif, seguite recentemente anche dall’Ascoli.

Bologna: arrestato l’ex presidente Porcedda

Sergio Porcedda, ex presidente del Bologna calcio e imprenditore sardo, è stato arrestato questa mattina dalla Guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta. L’ex numero uno felsineo, al timone della società rossoblu per pochi mesi nel 2010, è indagato anche nel capoluogo emiliano proprio per fatti risalenti alla sua esperienza nel mondo calcistico.

E’ accusato di appropriazione indebita per la vicenda dei 3 milioni di euro passati nel luglio 2010 dalle casse del Bologna Calcio a quelle dell’Asf dello stesso Porcedda, che era anche la controllante del Bologna, e poi rientrati nelle casse societarie il 23 dicembre (quando si perfezionò la vendita del Bologna) ma sotto forma di albergo.

Porcedda acquistò la società dalla famiglia Menarini, ma lasciò la presidenza dopo pochi mesi. il Bologna Calcio, sull’orlo del tracollo, fu salvato da una cordata di personaggi pubblici e imprenditori bolognesi, tra cui Gianni Morandi, Giovanni Consorte e Massimo Zanetti.

Mantova: Fabrizio Lori arrestato per bancarotta fraudolenta

 

Fabrizio Lori, ex patron del Mantova Calcio, è stato arrestato questa mattina dagli uomini del Nucleo speciale di polizia valutaria della guardia di Finanza per bancarotta fraudolenta.
Lo riportano numerose agenzie di stampa precisando che l’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata firmata dal Gip del tribunale di Milano Alessandra Clemente, su richiesta del pm Isidoro Palma.

L’accusa nei confronti di Lori è quella di aver creato un buco da 40 milioni di euro alle società del gruppo Pansac, attualmente in amministrazione controllata.

Secondo la Guardia di Finanza sono state documentate operazioni distrattive e dissipative di ingenti somme di denaro; in particolare 19 milioni di euro sarebbero stati illecitamente trasferiti, fra il 2004 ed il 2010, a favore della società di calcio Ac Mantova, attualmente in fallimento, di cui Lori ha ricoperto le cariche di presidente del consiglio di amministrazione e di amministratore delegato.

 

Nessuna pietà per la storia: i Rangers ripartono dalla quarta serie

La lega calcio scozzese ha deciso che il club più titolato del calcio nazionale i Rangers di Glasgow, 54 titoli nazionali vinti, sia relegato in quarta serie (l’equivalente della Lega Pro 2.a divisione) dopo l’esclusione dal massimo campionato a causa di un dissesto finanziario che ha costretto a porre in liquidazione la società.

Il nuovo club aveva chiesto ugualmente l’iscrizione al campionato con una nuova proprietà, ma gli altri club della Lega e ieri la Scottish football League (Sfl), hanno respinto l’iscrizione almeno alla seconda serie. Prima il Fisco aveva aperto un contenzioso per una somma pari a venti milioni di euro e di recente ha respinto un piano di risanamento ad opera dell’uomo d’affari Charles Green.
Il rischio adesso per la Scottish League è di naufragare a causa dei contratti televisivi che assicuravano alla lega scozzese un centinaio di milioni di euro, a patto di almeno 4  Old Firm, ovvero lo storico derby fra Celtic e Rangers.