Top 10 delle espulsioni più pazze nel calcio

Zidane materazzi

L’espulsione, con le norme che regolamentano sempre più il concetto di anti-sportività, sono ultimamente sempre determinate da somme d’ammonizione o da falli da ultimo uomo,  in genere non violenti e che hanno come unico intento quello di fermare l’avversario lanciato a rete senza ostacoli fra lui e la porta. Ma in questa occasione vogliamo proporvi una compilation dei cartellini rossi “pazzi”, quando uno dei giocatori  perde letteralmente la testa e si fa “giustamente” cacciare dal campo dal direttore di gara

Cavani espulso: Jara gli tocca il sedere e lo provoca in Coppa America

cavani uruguay

L’espulsione subita da Edinson Cavani per doppia ammonizione ha chiuso le porte del bis all’Uruguay in Coppa America: in dieci per tutto il secondo tempo, la Celeste ha subito il goal dell’1-0, rimanendo poi addirittura in nove e venendo così estromessa già nei quarti di finale dai padroni di casa del Cile. Tuttavia per l’ex Matador, il secondo giallo è arrivato in seguito ad una provocazione del difensore della Roja Jara che ha voluto assaggiare, in maniera volgare, il posteriore dell’attaccante del PSG.

CR7: solo due i turni di squalifica per l’espulsione di sabato

Il Giudice Sportivo spagnolo ha oggi sanzionato Cristiano Ronaldo con due giornate di squalifica per il cartellino rosso rimediato sabato nel match di Liga contro il Cordoba. CR7 si era reso protagonista di un’aggressione a Crespo e successivamente di un calcio nei confronti di Edimar, gesto che gli era costata l’espulsione. Secondo quanto riportato sul referto dal direttore di gara Hernández Hernández infatti, non vi è alcuna menzione dell’aggressione. Il Real Madrid dovrà dunque fare a meno di Ronaldo nel  match casalingo contro i baschi della Real Sociedad e nel recupero del match non disputato contro il Siviglia causa la partecipazione dei blancos al Mondiale per Clubs. Potrà così scendere in campo per il fondamentale derby madrileno contro l’Atletico fissato per sabato 7 febbraio.

Brutto intervento sulle gambe in Boca – Racing

In Argentina le squadre sono in piena fase preparatoria per il prossimo torneo che vedrà in lizza ben 30 squadre per il titolo nazionale, non più diviso in due tornei. E le amichevoli sono l’occasione giusta per far sentire la “garra”. Quando però si eccede , come in Boca Juniors – Racing Club, possono saltare i nervi, come occorso a Leandro Marin, e le ginocchia….del suo avversario. Per il difensore del Boca, ovviamente, è arrivato il meritato cartellino rosso.

Palo, doppio palo, goal!

Quando il penalty è surreale:  nel corso del match di Coppa d’Asia Arabia Saudita – Corea del Nord, viene commesso un fallo di mano in area di rigore. Ovviamente scatta la sanzione massima, cartellino rosso e rigore per gli arabi. Ed il tentativo di trasformazione sembra la simulazione di un flipper impazzito.

La testata di Zidane a Materazzi ancora attuale

Sono passati sette anni e mezzo dall’epica finale di Germania 2006 fra Italia e Francia,; ma ancora il ricordo della testata di Zidane a Materazzi può essere fonte di polemiche e stavolta ci ha tenuto l’arbitro di quell’incontro, l’argentino Elizondo, che ha voluto fare chiarezza in merito alla responsabilità della decisione di espellere il francese.

In un’intervista concessa alla rivista inglese Blizzard, il fischietto sudamericano ha spiegato l’accaduto: «Non avevo visto l’azione perché il gioco si stava sviluppando dall’altra parte del campo, così quando Materazzi era in terra ho solo aspettato che si alzasse. poi ho fermato il gioco ho chiesto agli assistenti cosa fosse successo e il quarto uomo Medina Cantalejo nell’auricolare ha detto “ho visto io!”. Dopo essermi consultato con Cantalejo sono andato a parlare anche con il guardalinee perché speravo che il pubblico pensasse che la decisione fosse stata presa dal guardalinee, anche se non era vero».

Mourinho dopo l’espulsione in tribuna con il tifoso del Chelsea

Pagare solo 15,50 sterline ( circa 18 euro) e ritrovarsi lo Special One, al secolo Josè Mourinho fianco a fianco a seguire il match del Chelsea. L’episodio è accaduto sabato scorso a Stamford Bridge quando, nel corso della partita contro il Cardiff City, vinta per 4-1, Mourinho è stato espulso dall’arbitro Anthony Taylor dopo una discussione accesa.

Allontanato dal fischietto, con l’obbligo di stare almeno 8 file più indietro rispetto alla propria panchina, il portoghese ha trovato il luogo  ideale a fianco del 17enne Sean Buxton che non ha saputo resistere alla tentazione di scattarsi una foto senza che Mou se ne accorgesse e subito postarla in Twitter, ricevendo più di 5000 visite. Il momento di celebrità è poi continuato con la menzione del commentatore Gary Lineker nel corso del programma Match of the Day.