Sampdoria: tre rinnovi in un colpo solo

Momento felice quello per i colori doriani: dopo il cambio di allenatore , l’arrivo di Delio Rossi ha portato entusiasmo e punti importanti per una classifica decisamente tranquilla. E’ giunto dunque il momento per la dirigenza di pensare anche al futuro ed oggi lo ha fatto con l’apposizione di tre importanti firme sui rinnovi di contratto per tre giovani elementi della rosa. Eder, Krsticic ed Obiang allungano infatti la loro permanenza a Genova fino al 2017. Ecco le loro sensazioni apparse con un comunicato sul sito ufficiale del club.

«Sto provando sensazioni bellissime – racconta emozionato Eder dopo la sottoscrizione dell’accordo in sede -. Per me la Samp è una società importante, tutti mi hanno sempre trattato benissimo, dai compagni ai tifosi. Sono orgoglioso e felice di avere rinnovato: era il mio obiettivo e spero di rimanere qui a lungo». Krsticic è dello stesso avviso: «Anche il mio desiderio era e rimane questo e non l’ho mai nascosto. Devo molto alla famiglia Garrone e per ripagarla sogno di giocare ancora tantissime partite con questa maglia». Pure l’ultimo a firmare in ordine cronologico, Obiang, non nasconde la propria soddisfazione durante il rinfresco offerto in Sala Trofei a tutti i dipendenti blucerchiati: «La Sampdoria rappresenta davvero una grande famiglia e non finirò mai di ringraziarla. Sono molto contento di poterne fare parte ancora per tanto tempo».

Sincertià Ferrara: con Icardi e Poli ho avuto culo

Derby carico di significati per entrambi gli allenatore e festeggiare è uno solo, Ciro Ferrara da Napoli che finalmente riesce a muovere la classifica con questi tre punti che gli permettono in un solo colpo di scavalcare un bel lotto di squadre.
In conferenza stampa l’ex tecnico dell’under 21 si rende poi autore di una simpatica frase, utilizzando il termine fortuna in maniera colorita per descrivere un paio di decisione tecniche azzeccate: “Nella vita ci vuole culo. Avevamo la palla noi, non mi sembrava il caso di fare il cambio. Il calcio è stato inventato dal Diavolo, altrimenti non si spiega. Lo dice un mio amico. Cosa mi hanno insegnato questi due mesi? Tempi difficili perché molte la sconfitta non era immeritata, altre volte sì”.

Icardi ha determinate caratteristiche, deve migliorare in alcune cose. E’ un ragazzo del 1993, abbiamo una squadra giovane e per ora ci serve gente d’esperienza dal 1′ come Eder, Maxi e Pozzi. Oggi ha fatto comunque benissimo. Poli? Ci avevo parlato due giorni fa, ho un centrocampo forte e mi serviva la loro esperienza. Avevo detto ad Andrea che avrebbe segnato, ho avuto culo due volte”.