Sampdoria: Rossi non si tocca, è confermato

Ennesima sconfitta dei blucerchiati sul campo di San Siro contro un Milan rimaneggiato, ma il ds Sagramola conferma che l’allenatore Delio Rossi non è a rischio, come conferma l’intervista riportata dal quotidiano genovese Il secolo XIX: «Rossi gode della nostra totale fiducia. Penso che non debba dimostrare qui alla Sampdoria quello che sa fare. E’ un tecnico di grande esperienza, la sua carriera parla per lui. Ha ottenuto dei risultati importanti con tante squadre. Insomma, non lo scopriamo noi e tra l’altro lo ha dimostrato anche nello scorso campionato, quando ha portato la Samp a quota 35 punti in poche partite. In questo momento oggettivamente difficile, in mancanza di risultati, la squadra ha perso sicurezza. Lui deve ritrovare la quadratura del cerchio e siamo convinti che ce la farà».

Ufficiale: Giampaolo rescinde con il Brescia

Dopo la breve fuga dalla città lombarda, con la comunicazione che si trovava tranquillamente nella casa di villleggiatura a Giulianova, Giampaolo è risalito a Brescia per definire, assieme al proprio legale, la rescissione con la società presideuta da Gino Corioni

Ed in un comunicato all’ANSA ha reso note le personali motivazioni che lo hanno spinto a concludere anzitempo l’avventura con le Rondinelle: “Lascio il Brescia, e lo faccio con comprensibile amarezza. La mia irrevocabile decisione dipende da uno stravolgimento degli obiettivi della società non più in linea con quelli programmati. A malincuore e con comprensibile amarezza confermo la mia volontà, già manifestata domenica al direttore sportivo Andrea Iaconi e a Fabio Corioni, di rassegnare le dimissioni da allenatore responsabile della prima squadra del Brescia. Tale irrevocabile decisione è dipesa da uno stravolgimento degli obiettivi della società non più in linea con quelli programmati all’inizio della stagione sportiva”.

Flamengo ancora sconfitto: lascia il tecnico Menezes

Flamengo sempre più giù in classifica dopo l’ennesima sconfitta stagionale, avvenuta stavolta contro l’Atletico Paranaense, quarto in classifica. Ed in seguito ad essa l’ex ct del Brasile Mano Menezes ha deciso di lasciare la panchina del club rossonero dopo soli quattro mesi di permanenza. Menezes è il terzo tecnico del team carioca a gettare la spugna in questa stagione mentre la squadra si trova al 15° posto in campionato con 26 punti a sole due lunghezze dalla zona retrocessione.

Repubblica Ceca: il ct Bilek si dimette dopo il ko con l’Italia

Neanche il tempo di bere l’amaro calice della sconfitta che Michal Bilek, ct della Repubblica Ceca, dopo il ko subito in rimonta contro l’Italia ha annunciato le dimissioni: “Avevo detto che se c’era la possibilità di qualificarci sarei rimasto, ma visto che non è così mi dimetterò. Peccato perché se Kozak avesse segnato il 2-0 al termine del primo tempo, sarebbe finita diversamente”.

Nedved: il futuro di Conte? Aspettiamo a fine anno

Pavel Nedved è intervenuto in esclusiva ai microfoni di Sky Sport per provare a fare chiarezza sul tecnico juventino Antonio Conte, dopo una settimana in cui il calciomercato ha portato l’allenatore di Lecce a fare alcune considerazioni che potevano indurre i tifosi bianconeri a temere una conclusione del rapporto con la dirigenza con il termine della stagione in corso.

“Credo che ogni tanto ci stia che qualcuno sbuffi e dica delle cose. Però, credo che ci sia grandissima sintonia tra Antonio e la società, non vedo nessun problema”. C’è una paura, magari piccola, di perderlo a fine stagione? “Antonio? No, perché non è giusto affrontare una stagione calcistica dove ti aspettano impegni importanti come campionato e Champions League pensando che l’allenatore potrebbe andare via. Noi dobbiamo esser concentrati sul lavoro che dobbiamo fare durante l’anno, poi è normale che a fine anno, sempre a fine anno, ci si sieda a un tavolo. Lo abbiamo fatto l’anno scorso e lo faremo di nuovo. E poi faremo le nostre valutazioni, cosa vorrà il mister e cosa vorrà la società. Nessuna paura, assoluta tranquillità, consapevoli che siamo davvero forti e possiamo fare davvero molto bene su tutti i fronti”.

Clamoroso: Leonardo si dimette e lascia il PSG!

In mattinata si erano diffuse le prime voci tramite internet che riguardavano il dirigente del club parigino, ma ora è arrivata la conferma ufficiale: Leonardo si è dimesso dall’incarico di direttore sportivo del PSG. Il comunicato del club francese parla di rammarico per la decisione da parte del dirigente brasiliano. A Leonardo viene espresso apprezzamento per il lavoro svolto a Parigi nel costruire una squadra importante a livello europeo. L’abbandono avverrà comunque solo al termine del periodo di mercato.

Clamoroso: il ct Keshi vince la Coppa d’Africa e si dimette

A nulla è valsa la vittoria in finale di Coppa d’Africa di ieri. Il ct Stephen Keshi ha infatti comunicato di aver rassegnato le proprie dimissioni alla Federazione a meno di 24 ore dal successo nella rassegna continentale nella finale contro il Burkina Faso. A rendere nota la decisione è stato lo stesso Keshi ai microfoni dell’emittente radiofonica Metro FM; secondo il ct, la Federazione nigeriana aveva deciso di chiudere il rapporto prima dei quarti di finale vinti contro la Costa d’Avorio.

Andreazzoli fissa i punti: Regole poche, ma regole

Può essere l’occasione della vita per Aurelio Andreazzoli: traguardo è condurre la Roma al termine del campionato, per ancora 15 partite e poi la dirigenza avrà il tempo per indicare la direzione.

Nella sua prima conferenza stampa, ha voluto fissare dei paletti chiari: “E’ talmente ampia l’idea di lavoro che io devo fare, come lo voglio fare e con chi lo voglio fare, che non posso permettermi di sprecare energie con sensazioni negative. Sono motivato e mi fa pensare di essere un po’ incosciente, ma sono talmente motivato che ho fatto la doccia a mezzanotte da solo nello spogliatoio per rimettere ordine ai pensieri, me la sto godendo. Più che una preoccupazione per me è una sensazione particolarissima per diversi motivi. Primo per l’entusiasmo mostrato dalla società. Sapevo di essere apprezzato, mi hanno scelto e mi hanno incaricato oltre a quelle che erano le normali aspettative. Sabatini mi ha coinvolto nel progetto ci siamo piaciuti subito e mi ha convinto”.

 

Zeman esonerato: la Roma cambia in corsa

“La AS Roma SpA comunica di aver sollevato il Signor Zdenek Zeman dall’incarico di allenatore della Prima Squadra. La società  ringrazia il signor Zeman e i suoi collaboratori per la professionalità e la dedizione con cui hanno svolto il loro lavoro. La squadra è stata temporaneamente affidata ad Aurelio Andreazzoli”.

Questo il comunicato con cui la dirigenza capitolina ha optato per il cambio tecnico dopo la sconfitta casalinga contro il Cagliari. La decisione è stata resa pubblica nel primo pomeriggio: diverse le voci che volevano l’arrivo di Laurent Blanc, per la costruzione di un nuovo progetto tecnico.

Alla fine il primo passo è stata la soluzione interna, con Andreazzoli, 58enne di Massa Carrara, arrivato nel club nel 2003 assieme a Luciano Spalletti con il ruolo di tattico e poi rimasto nei quadri.

Cesena: il presidente Campedelli si è dimesso

Come appare sul sito della società romagnola, il Presidente Igor Campedelli ha deciso di rassegnare le dimissioni: “Nonostante il breve preavviso ho deciso di sottoscrivere l’offerta presentatami lunedì sera dal gruppo Lugaresi-Massone consegnando, oggi stesso, l’originale del documento al loro legale. Ho scelto di accettare, nonostante il poco tempo datomi a disposizione, perché ripongo fiducia in Giorgio Lugaresi che ha costruito questa cordata che dà certezza di continuità. Per quanto mi riguarda ho deciso di rassegnare le dimissioni dalla carica di Presidente del Cesena Calcio perché, visto l’imminente ingresso di nuove figure nella compagine societaria, ritengo opportuno che sia il nuovo CDA ad eleggere il loro rappresentante”.