Lazio: 4 rinnovi di contratto in un giorno solo

La S.S. Lazio, tramite il direttore sportivo e coordinatore dell’area tecnica Igli Tare, ha reso noto di aver prolungato il contratto a quattro giocatori: il difensore brasiliano Andrè Dias rimarrà in biancoceleste fino al 2014, il centrocampista nigeriano Ogenyi Onazi fino al 2016, mentre il centrocampista urugaiano Álvaro González e il centrocampista bosniaco Senad Lulić fino al 2017.

“Quando c’è la volontà da tutte le parti per proseguire un cammino insieme, la società ha sempre riconosciuto il valore dei giocatori, sia a livello economico che tecnico”, è il commento ufficiale di Tare.

Non altrettanto di può dire per altri due elementi della rosa a disposizione di Petkovic: “La Lazio ha fatto di tutto per rinnovare i contratti di Cavanda e Diakitè. Ulisse Savini ha in procura entrambi e gli accordi precedenti sono cadutì”.

Lazio K.O. anche di fronte alla Giustizia Sportiva


Neanche 24 ore sono passate dal match contro i bianconeri ed il Giudice Sportivo ha deciso per la stangata in casa Lazio dopo la gazzarra di ieri sera allo Stadio Friuli di Udine. Quattro giornate di squalifica al portiere Federico Marchetti e 3 turni di stop a Dias.

Marchetti è stato punito “per avere, al termine della gara, sul terreno di giuoco, posto da tergo le mani sulla spalla dell’arbitro, spingendolo con veemenza”. Dias è stato sanzionato “per avere, al termine della gara, nel recinto di giuoco, assunto un atteggiamento aggressivo e gravemente intimidatorio nei confronti del quarto ufficiale venendo trattenuto con la forza dai presenti”. Per entrambi il campionato è già finito e le speranze di mantenere il terzo posto rischiano di andare in frantumi.

Reja ed i suoi rischiano di perdere un obiettivo che fino a poche settimane fa sembrava raggiunto, complice anche la prolungata assenza di Klose per infortunio che forse potrebbe farcela per il big -match dell’ultima giornata contro l’Inter. Chissà se i suoi compagni saranno stati in grado di mantenere la posizione. E per Stramaccioni, trainer nerazzurro , è un derby.