Diakitè fa le valigie: in Inghilterra con Di Canio

L’ultimo anno in maglia biancoceleste lo aveva praticamente passato interamente in tribuna, messo fuori rossa dal presidente Lotito quando l’ivoriano non si era mostrato disposto a firmare il prolungamento di contratto. Poi il brutto episodio della sua auto e quella di un familiare incendiate nella stessa notte.

Ora Diakitè volta pagina e lo farà con la maglia del Sunderland, la squadra inglese di Premier League guidata dall’ex bandiera laziale Paolo Di Canio. Il giocatore ha firmato un contratto di tre anni con i Black Cats.

Lazio: 4 rinnovi di contratto in un giorno solo

La S.S. Lazio, tramite il direttore sportivo e coordinatore dell’area tecnica Igli Tare, ha reso noto di aver prolungato il contratto a quattro giocatori: il difensore brasiliano Andrè Dias rimarrà in biancoceleste fino al 2014, il centrocampista nigeriano Ogenyi Onazi fino al 2016, mentre il centrocampista urugaiano Álvaro González e il centrocampista bosniaco Senad Lulić fino al 2017.

“Quando c’è la volontà da tutte le parti per proseguire un cammino insieme, la società ha sempre riconosciuto il valore dei giocatori, sia a livello economico che tecnico”, è il commento ufficiale di Tare.

Non altrettanto di può dire per altri due elementi della rosa a disposizione di Petkovic: “La Lazio ha fatto di tutto per rinnovare i contratti di Cavanda e Diakitè. Ulisse Savini ha in procura entrambi e gli accordi precedenti sono cadutì”.

In casa Lazio esclusi dall’Europa League Rocchi e Diakitè

Diramata la lista dei 25 laziali per l’Europa League. Scalpore fanno le esclusioni effettuate dall’allenatore Petkovic di nomi eccellenti come Rocchi e Diakitè, segnale forse di situazioni di mercato non sistemate. Fuori inoltre sono  Brocchi, Matuzalem, Sculli e Foggia.

Portieri: 1 Bizzarri, 22 Marchetti, 44 Scarfagna

Difensori: 20 Biava, 39 Cavanda, 2 Ciani, 3 Dias, 29 Konko, 19 Lulic, 26 Radu, 5 Scaloni

Centrocampisti: 27 Cana, 87 Candreva, 38 Cataldi, 8 Hernanes, 7 Ederson, 15 Gonzalez, 24 Ledesma, 6 Mauri, 23 Onazi

Attaccanti: 99 Floccari, 11 Klose, 18 Kozak, 25 Rozzi, 10 Zarate

Lazio scatto Champions


Giornata pomeridiana pressochè segnata dal segno X e dal risultato di 2-2 in ben tre sfide.
Nell’anticipo di mezzogiorno l’Atalanta si è quasi guadagnata la salvezza, almeno sul campo, con il risultato all’inglese di 2-0 grazie al vecchio Tiribocchi ed al giovane Gabbiadini, opposto ad un Bologna che pare ormai quello classsico arrendevole delle ultime stagioni.

Alle 15 sulla zona Champions, la Lazio mette le sue mani grazie a Diakitè con un colpo di testa nei minuti finali, sconfiggendo il Cagliari ed allungando sul Napoli (2-2), fermato al San Paolo da un Catania che non molla mai, dopo aver sprecato un doppio vantaggio.In zona salvezza ben tre scontri diretti hanno caratterizzato la giornata, tutti terminati senza nè vincitori nè vinti.
Il Cesena dice quasi addio alla massima serie nel derby con il Parma (2-2) mentre Novara e Lecce si tolgono anch’esse una bella fetta di possibilità di uscire dai bassifondi della classifica (0-0), aiutando così di fatto il Siena che in casa del Chievo raggiunge la parità grazie a Destro (1-1).
Quasi un match di fine campionato invece sotto la Lanterna fra Genoa e Fiorentina, con Palacio che al 90° sancisce la parità (2-2).

E stasera la parita delle partite di questi ultimi anni, accesa sia dal punto di vista agonistico sia mediatico, vista l’importanza della posta in palio. La Juventus proverà a tenersi vicino il più possibile il Milan con una vittoria mentre Ranieri tenterà di tenersi il posto in panchina, visto l’andazzo delle ultime partite.
Alle 20.45, i nerazzurri entreranno per la prima volta nella nuova casa dei bianconeri, dove sono apposti 29 scudetti , a ricordo di una sfida giuridica che non si è ancora conclusa.