Zincha, la volpe contro il Polpo Paul

zincha

La Coppa America 2015 svoltasi in Cile e che ha visto la prima vittoria nel torneo sudamericano della formazione capitanata dallo juventino Arturo Vidal aveva come mascotte ufficiale una volpe, Zincha. E nella tradizione del calcio, chiedere il pronostico agli esperti è cosa assai normale. Un pò meno forse, se a predire il futuro è una volpe….dopo il polpo Paul dei Mondiali 2010 in Sudafrica, anche Zincha non sbaglia un colpo!

 

 

Coppa America 2015: tutti i goals della 44-esima edizione

coppa america 2015

Si è chiusa con la vittoria dei padroni di casa del Cile la 44-esima edizione della Coppa America. Per i cileni si tratta del primo successo assoluto mentre per l’Argentina di tratta della terza finale consecutiva persa del massimo torneo per nazionali del Sudamerica. Ecco una carrellata di tutti i goals dell’edizione 2015. Ci rivediamo nel 2016 per la Coppa del Centenario negli Stati Uniti!

Messi perde la finale, un bambino lo consola

messi

Non sempre le fiabe hanno lieto fine ed anche stavolta Leo Messi e l’Argentina perdono la finale, la seconda consecutiva dopo quella dei Mondiali 2014 in Brasile contro la Germania. ma al termine della lotteria dei rigori, un bimbo entra in campo, indossando la maglietta del Cile e teneramente lo stringe, con una passione  senza isterismi.

Coppa America 2015: tre turni a Jara il dito nel sedere di Cavani!

cavani uruguay cile dito

La Conmebol ha sanzionato il calciatore cileno Gonzalo Jara con con tre turni di squalifica “per comportamento antisportivo”. Il giocatore pertanto ha concluso l’edizione 2015 della Coppa America. Dunque niente semifinale e qualora il Cile raggiunga la finale, perderà almeno il primo turno della prossima rassegna del Centenario in programma nel 2016.

Ricordiamo che Jara provocò El Matador Cavani inserendo un dito nel sedere del calciatore del PSG e, al minimo gesto di reazione dell’avversario, stramazzò al suolo.

La sanzione è stata assegnata in base all’articolo 10, che indica “l’aggressione fisica o verbale considerata grave” sanzionabile con una squalifica variabile fra una e cinque partite.

 

Cavani espulso: Jara gli tocca il sedere e lo provoca in Coppa America

cavani uruguay

L’espulsione subita da Edinson Cavani per doppia ammonizione ha chiuso le porte del bis all’Uruguay in Coppa America: in dieci per tutto il secondo tempo, la Celeste ha subito il goal dell’1-0, rimanendo poi addirittura in nove e venendo così estromessa già nei quarti di finale dai padroni di casa del Cile. Tuttavia per l’ex Matador, il secondo giallo è arrivato in seguito ad una provocazione del difensore della Roja Jara che ha voluto assaggiare, in maniera volgare, il posteriore dell’attaccante del PSG.

Neymar vs Colombia: incontro-scontro

Neymar, la mira precisa

La squalifica di quattro turni per Neymar, decretata dal Giudice sportivo dopo la rissa in campo con Bacca, giocatore colombiano, lo ha di fatto estromesso dal proseguo nella rassegna continentale, salvo ricorso del Brasile contro la lunga squalifica. Ma la partita, per l’asso brasiliano, era già iniziata un anno prima quando Zuniga…..ecco una simpatica raccolta di memes che ritraggono Neymar e gli “odiati” avversari della Colombia.

Neymar colpisce un bambino e gli regala il pallone autografato

neymar

Coppa America  2015 che ci regala grandi campioni, grandi giocate ed anche grandi gesti. All’uscita dagli spogliatoi , prima di salire sul pullman della squadra, Neymar palleggia di fronte ai tifosi e lo lancia in mezzo alla folla per regalarlo al più fortunato. Peccato che colpisca accidentalmente un bambino il quale viene prontamente accolto dal mister Dunga sul bus della squadra. Al momento di scendere il piccolo ha con sè il pallone autografato dal campione brasiliano, un bel gesto per scusarsi dell’inconveniente.

Bambino invade Uruguay-Giamaica per la maglia di Godin

invasione

Per il piccolo invasore il tentativo di avere la maglia del capitano dell’Uruguay Diego Godin finisce “male”: un mesto ritorno sugli spalti, probabilmente dai genitori, senza la casacca del campione preferito. Chissà che Godin non si sia limitato ad una semplice promessa per accontentare in un secondo momento il ragazzino, al termine di Uruguay – Giamaica, finita con la sofferta vittoria della Celeste per 1-0.