Italia – Bulgaria 2004 : prima il goal, poi le lacrime di Cassano

Era il 22 giugno 2004 e nell’ultimo incontro del girone eliminatorio di Euro 2004 all’Italia serviva una vittoria, sperando che al contempo Svezia e Danimarca si affrontassero a viso aperto. Tuttavia pur compiendo gli azzurri il loro dovere, vincendo in rimonta contro la Bulgaria, le due compagini nordiche diedero vita a quello che poi sarà definito come il biscottone. Un pareggio per 2-2 e gli azzurri di Giovanni Trapattoni fecero un mesto rientro in patria.

E per Antonio Cassano quella notte  poteva essere magica: il goal decisivo, la gioia infinita e poi, appena saputo del risultato finale dell’altro incontro, un pianto dirotto, a stento consolato dai compagni.

Eto’o torna “italiano”: ufficiale la firma con la Sampdoria

Ora è ufficiale: Samuel Eto’o è un giocatore della Sampdoria, dopo la firma apposta in calce al contratto che lo lega al club blucerchiato per i prossimi tre anni e mezzo, scadenza giugno 2018. Il centravanti originario del Camerun indosserà la maglia numero 99, che può già vantare il precedente illustre di Antonio Cassano.

E’ stato lo stesso segretario generale della Samp Massimo Ienca ad aver postato il tweet che già da ora fa sognare i tifosi della Doria in chiave Europa. Eto’o lascia il club inglese dell’Everton dopo solo mezza stagione con il ruolino di 3 reti in 14 apparizioni.

Clamoroso: Cassano mette in mora il Parma

Antonio Cassano ha messo in ora il Parma per il mancato pagamento degli stipendi arretrati: la notizia è trapelata pochi minuti fa e con questa azione legale praticamente il giocatore barese si mette sul mercato. Una brutta grana per il club ducale che proprio un paio di giorni fa aveva ufficializzato il nuovo presidente, l’albanese Kodra. Cassano era giunto in emilia due estati orsono.

Ag. Cassano: via da Parma? Impossibile

Beppe Bozzo, agente storico di Antonio Cassano, spegne i sogni della Sampdoria e dei suoi tifosi in merito l’ipotesi di un addio al Parma con possibile ritorno sotto la Lanterna del calciatore barese.

Direttamente al sito Sampdorianews, il procuratore ha smentito ogni trattativa: “A me non risulta nulla, io non ho mai parlato con nessuno. Come ha dichiarato lo stesso giocatore, il ragazzo sta bene a Parma, è felice e non ha intenzione di muoversi. Le voci che circondano Antonio e la Sampdoria non mi sorprendono, a ogni giro di mercato se ne parla”.

Pertanto il giocatore non pare proprio intenzionato ad allontanarsi dall’Emilia: “Tutto ciò non corrisponde al vero. Sento spesso Osti ma non abbiamo mai parlato di Cassano. La volontà di Antonio è di restare al Parma e quella del Parma è di trattenerlo”.

Per Ghirardi questo Cassano è da nazionale

Dopo la vittoria contro il Sassuolo nel derby emiliano per 3-1 con un goal del barese , il presidente del Parma Ghirardi si gode la domenica felice e provoca Prandelli in ottica nazionale: «E’ andata bene contro il Sassuolo, abbiamo fatto un’ottima prestazione. Cassano? Si è dimostrato importante per la squadra, secondo me è da Nazionale, fuori dal campo è una persona perfetta. Campionato? Quest’anno sarà difficile, molte squadre più deboli si sono rafforzate. Ma credo che, in linea generale, stiano tornando i grandi calciatori nel calcio italiano. La nota di Agnelli agli azionisti? Bisogna essere più coesi tra di noi, sarebbe importante lottare tutti dalla stessa parte, è positivo che si sia mosso».

Ufficiale: Belfodil all’Inter

Sul sito ufficiale del club nerazzurro è apparso il comunicato dell’acquisto dell’ex giocatore parmense: “Ishak Belfodil è dell’Inter. L’attaccante algerino naturalizzato francese è stato acquistato dal Parma, con accordo di partecipazione e ha firmato un contratto quinquennale che lo legherà all’Inter fino al 2018. Nato a Monstaganem in Algeria, il 12 gennaio 1992, Belfodil arriva all’Inter dopo l’esperienza in Francia al Lione (dal 2009 al 2011) e quelle in Italia con Bologna (dal gennaio 2012) e Parma (stagione 2012/2013, per un totale di 34 presenze e 8 gol).Subito dopo la firma del contratto, l’attaccante ha rilasciato alcune dichiarazioni ai giornalisti presenti: “L’Inter è una grande squadra, sono veramente felice e spero di fare molto bene qui. Saluto tutti i tifosi nerazzurri!”

Preziosi: no a Cassano, troppo rischioso

Gustoso incontro di mezzogiorno ieri a Marassi dove il Genoa ha ottenuto il punto necessario per la salvezza e la contemporanea sconfitta del Palermo a Firenze garantisce al Grifone un’altra stagione nella massima serie. Ma era anche l’occasione per rivedere sul terreno di gioco nello stadio che lo ha visto protagonista in passato con i colori del club blucerchiato.

L’ipotesi di mercato che circolava nelle ultime ore era il ritorno di FantAntonio a Genova, ma Preziosi ha messo subito i paletti: «Nonostante gli ottimi rapporti tra noi non è un’operazione fattibile, ci sono costi troppo alti di mezzo e voglio assolutamente evitare certi rischi».

Pazzini: so chi è la spia dell’Inter, lo sanno tutti

Intervista sul canale Mediaset 2 , e più precisamente nel programma Undici per Giampaolo Pazzini, reduce dalla doppietta contro la Lazio e non è mancata la domanda sull’ex compagno doriano Antonio Cassano in merito all’episodio di Appiano Gentile con Stramaccioni.

“Cassano? No, non l’ho sentito, non so come siano andate le cose e non voglio esprimere opinioni. Sono stati due anni in cui ci siamo divertiti tantissimo, penso si sia divertito pure lui: era un bel gruppo, una bella squadra, ci siamo tolti diverse soddisfazioni. Chi è la talpa dell’Inter? Certo che lo so, lo sanno un pò tutti chi è”.

Moratti: capita quando uno è un artista come Cassano

Il presidente Moratti tende a minimizzare l’episodio occorso negli spogliatoi della Pinetina fra il genio barese Cassano ed il tecnico Stramacccioni: «Può capitare una situazione del genere quando c’è di mezzo un artista. Multare il giocatore? Non lo so, lascio che la dirigenza faccia le sue proposte. Non ero presente, ma tutti tendono a normalizzare la cosa. Cassano è un campione e si sa che gli artisti sono un po’ speciali. Il peggio è che cose come queste succedano, non che escano da uno spogliatoio».

Cassano escluso dai convocati per Catania: ma per Stramaccioni è più grave altro

Prima eccellente esclusione per Antonio Cassano dall’elenco dei convocati per il match di domani contro il Catania di Maran, che ben si sta comportando nel torneo tanto da arrivare al soglio dell’ingresso in Europa League. Sorprendente la scelta di lasciarlo ad Appiano Gentile, perché questo da autorevolezza all’episodio di una lite pesante fra FantAntonio e d il tecnico Stramaccioni raccontato oggi dalla Gazzetta dello Sport.

“La decisione di non convocare Cassano per Catania è soltanto mia, ma non va intesa come una sospensione. Quello che è successo tra me e lui rientra in una normale logica di spogliatoio e dentro lo spogliatoio avrebbe dovuto rimanere. Mi dispiace che la cosa sia trapelata all’esterno per colpa di qualcuno che vuole male all’Inter”,così il commento dell’allenatore nerazzurro in merito a ciò che è accaduto al termine dell’allenamento di ieri.